Netflix sta perdendo abbonati, il che porta a un calo del 25% dell’inventario

distanza Le azioni sono diminuite all’inizio di quest’anno A causa delle preoccupazioni per la crescita degli abbonati, il leader della trasmissione lo ha affermato Perso abbonati quando ha annunciato martedì i guadagni del primo trimestre.
Netflix (NFLX) Ora ha 221,6 milioni di abbonati a livello globale. La società ha riferito martedì di aver perso 200.000 abbonati nel primo trimestre del 2022. Il servizio è stato Si prevede di aggiungere 2,5 milioni di abbonatiSi prevede di perdere altri due milioni di abbonati nel secondo trimestre del 2022, ha affermato.

Il rapporto ha fatto scendere il titolo del 25% nel periodo di negoziazione successivo alla chiusura.

L’utile del quarto trimestre di Netflix è stato di $ 1,5 miliardi, in calo rispetto a $ 1,7 miliardi nel trimestre precedente. Le entrate sono aumentate del 9,8% a 7,8 miliardi di dollari.

Non si può sopravvalutare quanto sia grave questo rapporto per il re della trasmissione in diretta ora. Le azioni della società sono scese di oltre il 40% da inizio anno e c’è stata molta ansia da parte degli investitori riguardo alla sua crescita degli utili – preoccupazioni che si sono concretizzate martedì con Netflix che ha perso non solo i suoi profitti, ma ha perso migliaia di abbonamenti per l’avvio – qualcosa che non accadeva in azienda da più di un decennio.

Cosa è successo?

Nella sua lettera agli investitori, la società ha affermato che da quando ha lanciato la trasmissione in diretta nel 2007, la società ha “operato nella ferma convinzione che l’intrattenimento online on-demand sostituirà la televisione lineare”, ma ha aggiunto che, a breve termine, “noi non stanno realizzando profitti così rapidamente come vorremmo.” “.

READ  Un funzionario del Consiglio del lavoro afferma che Amazon sente che potrebbe ribaltare il voto sindacale di New York

Netflix ha affermato che la pandemia “offusca il quadro aumentando in modo significativo la nostra crescita nel 2020, portandoci a credere che la maggior parte del nostro rallentamento della crescita nel 2021 sia dovuto alla corsa in avanti di Covid”.

Ma ci sono molti fattori diversi dietro la sua stagnazione degli abbonati, inclusa la concorrenza delle società di media tradizionali che sono entrate nel mercato dello streaming negli ultimi anni, così come Condividi la password ampiamente.

“Oltre ai nostri 222 milioni di famiglie pagate, stimiamo che Netflix sia condiviso con oltre 100 milioni di famiglie in più, di cui oltre 30 milioni in [United States/Canada] zona”, ha affermato la società.

La società ha anche accusato di “macro fattori” che interessano molte aziende in questo momento, come “rallentamento della crescita economica, aumento dell’inflazione ed eventi geopolitici come Come l’invasione russa dell’Ucrainaed è probabile che anche alcune delle continue interruzioni dovute al COVID abbiano un impatto”.

Netflix ha affermato che il ritiro dalla Russia è costato alla società 700.000 abbonati.

È probabile che la cattiva notizia della società interromperà il mercato dello streaming poiché molte altre società hanno cambiato le proprie strategie aziendali per competere con Netflix.

Disney (dis)ad esempio, uno dei maggiori concorrenti di Netflix, è sceso di circa il 5% martedì sera.

E adesso?

Martedì Netflix ha detto agli investitori che intende invertire la tendenza facendo ciò che ha sempre fatto: migliorare il servizio.

“Il nostro piano è di riaccelerare la visualizzazione e la crescita dei ricavi continuando a migliorare tutti gli aspetti di Netflix, in particolare la qualità della nostra programmazione e dei consigli, che i nostri membri apprezzano di più”, ha affermato la società.

READ  Il primo tweet di Jack Dorsey inizia la vendita di NFT per $ 48 milioni, riceve un'offerta di $ 280

La società ha aggiunto che stava “raddoppiando lo sviluppo della trama e l’eccellenza creativa” e che ha lanciato uno strumento “Double Like” che consentirà ai membri di “esprimere meglio ciò che gli piace veramente rispetto a ciò che semplicemente gli piace”.

Netflix ha anche affermato che si concentrerà maggiormente sui “modi migliori per monetizzare la condivisione” in termini di password.

Questa potrebbe essere la fine della condivisione della password di Netflix

“La condivisione ha probabilmente contribuito ad alimentare la nostra crescita convincendo più persone a visitare e godersi Netflix. Abbiamo sempre cercato di semplificare la condivisione all’interno della casa di un membro, con funzionalità come multiprofili e streaming”, ha affermato la società. “Sebbene fossero molto comuni, creavano confusione su quando e come condividere Netflix con altre famiglie”.

azienda Ha detto il mese scorso Che nell’ultimo anno, ha lavorato su modi per “consentire ai membri che condividono al di fuori della loro famiglia di farlo facilmente e in sicurezza, pagando anche di più”.

“Anche se non saremo in grado di monetizzare tutto questo in questo momento, pensiamo che sia un’enorme opportunità a breve e medio termine”, hanno detto.

La pubblicità è un altro luogo che può aiutare ad aumentare le entrate e ad attirare più abbonati al servizio.

Il CEO di Netflix Reed Hastings è da tempo allergico all’idea di spot pubblicitari sulla piattaforma, ma in una telefonata di martedì con gli analisti ha affermato che potrebbe essere possibile in futuro.

“Coloro che hanno seguito Netflix sanno che sono stato contrario alla complessità degli annunci e adoro la semplicità dell’abbonamento. Ma per quanto mi piaccia, sono un grande fan della scelta dei consumatori”, ha detto Hastings in un post -chiamata guadagni. “E permettere ai consumatori che vogliono un prezzo più basso e sono tolleranti nei confronti della pubblicità di ottenere ciò che vogliono ha molto senso”.

READ  Fed minuti qui. 4 argomenti principali da guardare.

Ha aggiunto che la società lo sta studiando ora e sta cercando di trovarlo “entro un anno o due”.

“Pensa che siamo completamente aperti a offrire tariffe più basse con gli annunci”, ha detto Hastings.

Nonostante un massiccio rallentamento della crescita che ha messo in discussione la sua strategia, Netflix è rimasto provocatorio.

“Questa attenzione al miglioramento continuo ci ha servito bene negli ultimi 25 anni”, ha affermato Netflix. “Ecco perché ora siamo il più grande servizio di streaming in abbonamento al mondo su tutte le metriche chiave: abbonamenti a pagamento, coinvolgimento, entrate e profitti”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply