Pepite vs. Punteggio Warriors, Takeaways: Nikola Jokic ottiene il supporto degli attori come Denver Force Game 5

La domenica è un altro giorno per i Golden State Warriors, Denver Nuggets dal vivo dal vivo a 126-121 per forzare se stessi in una gara 5 a San Francisco. Nicola Jogic, come al solito, ha messo a segno 37 punti, otto rimbalzi e sei assist.

Dopo essere rimasti indietro di 17 punti, i Warriors sono tornati con un eroe dopo 33 punti da Stephen Curry e 32 punti da Clay Thompson. Tuttavia, a due minuti dalla fine del quarto quarto dopo essere stato eliminato per fallo da Tremond Green, hanno lottato per andare avanti su entrambe le estremità. Andrew Wiggins ha aggiunto 20 punti, sei rimbalzi, due furti e due volumi per Golden State.

Al di fuori del Jogik, la storia è una bella sparatoria dei Nuggets. Come squadra hanno segnato 31 punti per 15 wicket dalla gamma di 3 punti, con Morris in testa con cinque dei sette tentativi da lunga distanza. Il rookie Bones Highland ha realizzato tre punti consecutivi da 3 punti durante un ottimo tratto nel secondo quarto e Will Barton ne ha presi 3 dall’angolo a 8 secondi dalla fine.

I Warriors avanzeranno ora al secondo turno davanti al proprio pubblico mentre i Nukets cercheranno di estendere la serie in gara 5 di mercoledì.

Ecco alcuni takeaway di Sunday Cam, seguiti da una recensione dei nostri aggiornamenti in tempo reale.

1. Jogic riceve aiuto

Jogic ha segnato una media di 29,3 punti, 13 rimbalzi e cinque assist nelle prime tre partite della serie, ma non ha ancora ricevuto abbastanza aiuto dal cast di supporto per vincere. Come si è scoperto domenica, ogni giocatore di Knights è avanzato con uno o due colpi di frizione, prima per aiutare a costruire il grande vantaggio, quindi combattere contro il ritorno dei Warriors. Il più grande contributore è stato Morris, che è andato colpo a tiro con Thompson e ha realizzato tutte e cinque le sue 3 punti nei primi otto minuti del terzo quarto.

READ  Il successo del "Squid Game" di Netflix mette in evidenza gli sconti internazionali

Ha realizzato uno dei tiri più grandi della partita nel quarto quarto, quando i Warriors hanno deciso di giocare un box-a-uno, impedendogli di impedire a Kevon Looney di giocare il fantino. Dopo aver ricevuto una sceneggiatura dal fantino, Morris riconosce che Looney sta con il fantino. Morris è venuto al suo posto e ha colpito un galleggiante duro per dare ai Nukets un vantaggio di due punti.

Gordon ha creato un jumper dalla media distanza sul Green alla fine del quarto quarto e ha lasciato cadere il clinker dal passaggio del fantino Barton per inchiodarlo alla bara dei Warriors.

Se i Knuckles rimarranno in questa serie, hanno bisogno di giocatori di ruolo per progredire. Lo hanno fatto domenica e hanno costretto Gara 5.

2. La festa in piscina è andata in crash

Questo accadrà sicuramente, ma dopo aver segnato una media di 28,7 punti nelle sue prime tre partite di playoff in carriera, Jordan Poole è finalmente venuto sulla terra. Ha lottato per 11 punti in una sparatoria 3 su 10, con 1 punto dalla gamma dei 3 punti per andare con tre palle perse. Tuttavia, è stato efficace come coordinatore, fornendo nove assistenti.

“Erano più fisici con lui stasera… c’è da aspettarselo”, ha detto l’allenatore dei Warriors Steve Kerr dopo la partita. “Le squadre iniziano a lanciargli un sacco di cose, inclusa l’abilità fisica, cercando di essere un po’ sotto la sua pelle”.

I Warriors possono controllare un po’ più di attacco se il pool non lascia la sua mente, e sarà interessante vedere se i Knugt hanno creato una sorta di mappa per mantenere i Golden States in questa serie e nella prossima. Nuova stella nascosta.

READ  Le autorità dicono che la figlia di Malcolm X è morta a Brooklyn

3. Joker o pensatore?

Sappiamo tutti quanto il fantino influisca sul gioco quando è in campo, ma nella 4a partita ha trovato il modo di aiutare la sua squadra anche quando era in panchina. I Warriors hanno affrontato una partita in arrivo cruciale quando Jogic è uscito dal gioco per scopi difensivi, staccandosi di due a 33,5 secondi dalla fine. Mentre i giocatori venivano condotti in campo, il fantino si alzò dalla panchina, gridò ai suoi compagni di squadra: “Questo è un pallonetto” e fece un movimento sopra la testa con la mano.

Ovviamente, i Warriors hanno cercato di aggiungerlo ai Wiggins e Austin Rivers lo ha rotto e ha fatto un’incredibile giocata per impossessarsi dei Nuggets.

Care ha detto dopo la partita che sarebbero stati veloci per uno contro due, ma ha detto che “voleva richiamarlo”. Potrebbe essere un gioco per i Knights – sicuramente il miglior gioco difensivo – e possono essere in qualche modo grati per il loro MVP che non era nemmeno in campo quando è successo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply