Robert Eggers in The Northman: La regia è un lavoro “pazzo”.

Robert Eggers è una specie in via di estinzione?

Il regista 38enne si sta facendo le ossa e sta realizzando film d’autore stilizzati come il racconto dell’orrore “The Witch”, che Eggers ha vinto come miglior regista al Sundance Film Festival, e “The Lighthouse”, un film in bianco e nero film bianco Mind con Robert Pattinson e William Dafoe. Questo di solito è il punto di svolta quando un particolare regista o ammorbidisce i propri sensi per realizzare un film di supereroi o si rivolge al servizio di streaming in cerca di controllo creativo con un budget maggiore.

Invece, Eggers ha installato “nordico“, la saga vichinga da 70 milioni di dollari che ha debuttato venerdì nelle sale. Star del cinema Alexander Skarsgard Amelith, un principe spadaccino cerca vendetta su suo zio che ha ucciso suo padre (Ethan Hawke) ed è fuggito con sua madre (Nicole Kidman) in un remoto villaggio islandese. Sebbene la narrazione sia più semplice rispetto ai precedenti film di Eggers, la qualità del film non è inferiore.

“Devi essere arrogante per essere un regista”, mi ha detto Eggers davanti a un caffè a Los Angeles. “È un mestiere pazzesco: devi negare la realtà e farla tua”.

Di certo, non c’è stato niente di facile nella realizzazione di “The Northman”, dalla messa in scena di battaglie all’aperto su larga scala agli scontri del regista con la società di produzione New Regency per il controllo creativo. Anche quando il film era pronto per le riprese a marzo 2020, la pandemia ha ritardato la produzione di diversi mesi.

Tuttavia, quell’ultima battuta d’arresto ha comportato alcuni piccoli vantaggi: i gruppi all’aperto potevano resistere in modo realistico e le barbe dei vichinghi avevano il tempo di allungarsi, anche se Eggers non si lasciava sfuggire di mano i peli del viso accuratamente curati. La barba più lunga. “L’ho imparato quando stavo girando The Lighthouse: devi avere una barba alfa”.

Di seguito sono riportati estratti modificati dalla nostra conversazione.

Mentre andavo a questa intervista, ho passato due cartelloni pubblicitari per il tuo film. Devo immaginare che questa sia una nuova esperienza per te.

È decisamente surreale. Negli ultimi dieci o quindici anni della mia vita non mi aspettavo di fare quel tipo di film con un cartellone pubblicitario del genere.

perchè no?

Perché da quando ho iniziato ad occuparmi di interessi meno comuni circa 10 anni fa, non pensavo di fare un film per un vasto pubblico. Sono entusiasta di farlo, ed è stata una scelta deliberata.

Sei rimasto sorpreso dal pubblico che ha trovato i tuoi primi due film?

L’ho sentito “la strega” [2016] Avrà una certa distribuzione e spero di ricevere abbastanza recensioni positive che forse qualcuno mi lascerà fare un altro film. Non mi aspettavo che un noioso film horror sui pellegrini avesse successo, questo è certo.

READ  La foto inquietante mostra il corpo EMBALMED del rapper Goonew sul palco di un nightclub di Washington

Trovi noioso il tuo film?

Odio “la strega”, ma questa è un’altra storia. Ma in teoria no, non trovo un film così noioso. In effetti, guardo film molto più noiosi del mio con grande piacere.

Ma sembri avere l’autocoscienza per poter dire: “Questo è il modo in cui il mio lavoro potrebbe essere percepito dal pubblico laico”.

La “strega” ne ha molto [expletive] Per il falso marketing di un film dell’orrore. Voglio dire, penso che sia un film horror, ma posso capire come le persone che cercavano una certa formula non fossero soddisfatte. Ma con The Northman è una sfida perché cerco di fare entrambe le cose.

Allora come infili quell’ago? Dove i tuoi sentimenti attraversano il mainstream?

Vuoi qualcosa che sia abbastanza familiare da poterlo avere, ma abbastanza diverso da essere qualcosa di nuovo, e penso che sia quello che tutti hanno cercato in questo film. E la cosa fantastica per me è che i materiali di partenza sono testi facili da leggere e accessibili. So che i bambini non si affollano a Barnes & Noble per ottenere le loro versioni di poemi epici islandesi, ma molta letteratura medievale è molto strana e misteriosa, e quella roba non lo è.

Detto questo, è sempre più raro per un regista con il tuo background passare a un film ad alto budget a meno che non assumano un franchise preesistente.

Sapevo che non avrei fatto il montaggio finale a causa delle dimensioni del film. Era un rischio che ero disposto a correre, ma la post-produzione è stata dura perché ho avuto pressioni e un suono dallo studio che non avevo mai avuto prima. A proposito di “The Witch”, ho ricevuto feedback dagli investitori – buoni e cattivi – e lo stesso con “faro” [2019]ma qui c’era molta pressione. carceriIl co-sceneggiatore Lee ha detto: “Abbiamo la responsabilità di interpretare le note dello studio in un modo di cui siamo orgogliosi. E se non possiamo farlo, non stiamo lavorando abbastanza duramente”.

Penso anche che senza la pressione dello studio, non avrei potuto realizzare quello che ho mostrato, che era “il film più divertente di Robert Eggers”, perché il divertimento non è necessariamente il mio primo istinto. Infatti, con i miei primi due film, la priorità era il quinto o il quindicesimo, mentre qui era il n. 1. Alla fine, nonostante sia stato doloroso e avessi molti capelli grigi, sono grato per la pressione del studio per portare questo film nella forma in cui è. Non ci saranno più tagli alla regia su Blu-ray. Questo è il film che volevo fare.

READ  Will Smith deve riportare Oscar per ripristinare la "coscienza nazionale", afferma Harry Lennox

Cosa hai imparato realizzando questo?

Tutto quanto. È la prima volta che mi sento davvero un regista, dopo aver girato questo film.

Non ti sei sentito così dopo aver finito gli altri tuoi film?

no. Mi sembrava di provarlo Persuadere Gente sei un regista. Non sto dicendo che non lo sono – sono molto orgoglioso di “The Lighthouse” – ma ora mi sento come se potessi fare un film a braccio e potrebbe non essere poi così male. Questo film mi ha dato una comprensione approfondita del processo in un modo che non avevo mai avuto prima.

Parlami del livello di sfide che hai affrontato in The Northman.

Abbiamo fatto così tanto, da una massiccia incursione nel villaggio con centinaia di persone in più, cavalli e mucche, a una tempesta in mare su una nave vichinga di notte, a una sequenza in un luogo così remoto che l’elicottero degli attori aveva essere quando ci siamo rotolati, le braccia di Ethan Hawke intorno a me e ai miei vicini [Blaschke, the director of photography] Ha detto: Congratulazioni. Voi ragazzi avete fatto tutto quello che potete fare in un film, quindi ora potete fare qualsiasi cosa”. Naturalmente, dopo che se ne fu andato, Garen ed io abbiamo detto: “Sì, ora siamo pronti per farlo”. Questo è fantastico Film.”

L’incursione del villaggio è stata catturata in un colpo lungo e complicato. Quando c’è così tanto caos e gli attori devono battere tutti i loro ritmi con la massima precisione, come ti senti quando sai che finalmente ce l’hai fatta?

È il massimo e sono appena diventato dipendente dallo schermo bianco per ottenere lo scatto. C’erano molte scene pianificate in tre o quattro che ho trasformato in una, in parte perché sono dipendente dal lavorare in quel modo. Se questo non è il modo migliore per raccontare la scena, non dovresti, ma quando può essere fatto, l’abbiamo fatto perché ha un sistema.

E sono sicuro che questi scatti sono difficili da ottenere quando li stai girando all’aperto con tempo brutto, piuttosto che su una piattaforma acustica controllata.

Vedi, fare film non è facile. Attraverso i miei film, cerco intenzionalmente di trovare i luoghi più spietati e punitivi in ​​cui posso girare perché è quello che richiede la storia. Questo rende tutto più difficile per tutti, ma ne vale la pena. Amo una sfida. Se fosse facile, non lo farei.

Prima di diventare regista, ha lavorato in produzioni teatrali. Si riferisce al modo in cui lavori ora con gli attori?

READ  Mindy Kaling, 42 anni, abbaglia in un delizioso vestito color lavanda con uno spacco alto mentre mostra la sua perdita di peso

Dovrei essere un regista attore, ma a volte sono un monello. Alexander Skarsgård si è sentito come se fosse stato trattato come un robot per le prime settimane, ma poi ha capito perché stavo guidando quello che ero.

Era frustrato perché doveva colpire obiettivi così specifici?

Sì. Inoltre, non sono coinvolto in un sacco di lavoro nel backgammon – sto parlando della tua personalità e di come sono stati cresciuti e tutte quelle cose. Sono più interessato a fare che a parlare, in termini di recitazione.

Questo è interessante, perché fai molte ricerche quando si tratta di progettare il tuo mondo. Penso che simpatizzerai con un attore che vuole fare la stessa ricerca per il suo personaggio.

Sì, ma penso anche che sia il loro lavoro. In “The Lighthouse”, Pattinson a volte diceva: “È vero Questo è fantastico o è colui il quale? E io dissi: “Sai una cosa? Scegli ciò che funziona per te, ma devi fare questa scena il 25 percento più velocemente”.

Allora, come hai lavorato con Alexander Skarsgård? Questo è un livello frenetico che non ho mai visto prima sullo schermo. Personalmente, è sorprendentemente carino – potrei arrivare al punto di dire stupido.

È più dolce e stravagante. Alex era appassionato di Vikings sin da quando era un bambino, quindi era qualcosa di cui era molto appassionato, esigeva la perfezione da se stesso. Le prime due settimane ha cercato di capire come lavoravamo io e Garen ed era frustrato, ma una volta che abbiamo girato la scena in cui fa una danza sciamanica di guerra, le cose sono cambiate. Penso che la rabbia, la follia e la vulnerabilità che doveva mostrare abbiano portato a qualcosa che si è aperto. E poi, per il resto delle riprese, ogni scatto è stato fantastico.

Quanto hai investito negli incassi al botteghino di questo film?

molto. A causa di Covid, le persone probabilmente si aspetteranno che non faccia quello che tutti vogliono, ma il fatto che questo film sia stato realizzato – il fatto che a me e al mio team sia stato permesso di fare un grande film che non è un film di supereroi – è un successo in se stesso.

Sono incredibilmente onorato ed entusiasta del fatto che le prime recensioni siano state così positive, ma anche se odi assolutamente questo film, sento che è responsabilità della comunità fare il tifo per questo un po’ perché altri registi dovrebbero avere la possibilità di farlo, e il pubblico dovrebbe avere l’opportunità di guardare cose diverse dai film di supereroi. Non sto prendendo in giro i film sui supereroi, ma dovrebbe esserci spazio anche per qualcos’altro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply