Rover raccoglie rocce su un vulcano attivo per simulare una missione lunare

Il rover a quattro ruote e due braccia Interact ha trascorso quattro giorni a raccogliere rocce sull'Etna.

Il rover a quattro ruote e due braccia Interact ha trascorso quattro giorni a raccogliere rocce sull’Etna.
immagine: ESA

Mentre lavorava fuori da una stanza d’albergo in Italia, l’astronauta Thomas Reiter ha comandato a un robot a quattro ruote di raccogliere rocce dalla superficie di un vulcano attivo sulla costa orientale della Sicilia, e lo ha fatto giocando di ruolo come se fosse in orbita intorno alla luna.

La simulazione di quattro giorni fa parte dei preparativi dell’Agenzia spaziale europea (ESA) per una futura missione sulla luna, in cui prevede di far atterrare un rover sulla superficie lunare per raccogliere campioni di roccia. L’imbarcazione, nell’ambito delle imminenti missioni Artemis, sarà diretta da una squadra sulla Terra e da un astronauta a bordo. Porta della Lunauna stazione spaziale pianificata in orbita attorno alla luna.

Scout cingolato che si fa strada intorno all’Etna.
GIF: ESA

Sebbene non sia proprio la Luna, la superficie vulcanica dell’Etna fungeva da controparte della superficie lunare. Il rover Interact a quattro ruote e due braccia, modificato per adattarsi alle aspre pendici del vulcano, ha esplorato il terreno accidentato insieme ad altri due veicoli rover, i rover leggeri 1 e 2, appartenenti al Centro aerospaziale tedesco. Inoltre, un lander lunare fisso ha fornito al rover wifi e alimentazione, un drone ha mappato la superficie e un cingolato simile a un millepiedi chiamato Scout è servito da collegamento tra il rover Interact e la sonda. Lo scoutismo è stato introdotto dal Karlsruhe Institute of Technology.

Durante i quattro giorni, l’astronauta dell’ESA Reiter ha ordinato al rover di raccogliere rocce utilizzando i comandi posti in una stanza d’albergo in Sicilia. Il veicolo Interact è stato guidato anche dai controllori nella sala di controllo del rover, che sono stati allestiti in una stanza d’albergo diversa poiché i controllori e l’astronauta sarebbero stati fisicamente separati durante una missione vera e propria.

Il rover stesso era a circa 14 miglia (23 chilometri) dall’hotel ea circa 8.500 piedi (2.600 metri) sull’Etna. Per rendere l’esercizio più realistico, il team ha aggiunto un secondo di ritardo del segnale al sistema di controllo per simulare il tempo impiegato dai comandi per raggiungere la superficie lunare dal Moon Gate. Quando il rover raccoglie le rocce dal vulcano, Reiter ha potuto percepire ciò che la frizione del rover stava provando dal telecomando, una dimensione aggiuntiva del processo di campionamento dell’Agenzia spaziale europea.

L'astronauta Reiter ha ordinato al rover di raccogliere le rocce da questa camera d'albergo vicina.

L’astronauta Reiter ha ordinato al rover di raccogliere le rocce da questa camera d’albergo vicina.
immagine: ESA

“Abbiamo imparato molto sulla collaborazione tra un controllore di terra sulla Terra e l’equipaggio a bordo di una stazione spaziale in orbita attorno alla Luna, entrambi i quali stanno operando un rover superficie-superficie – questa operazione ‘combinata’ potrebbe essere molto efficace – molto più efficiente che se entrambe le parti lo fossero”, ha detto Reiter in una dichiarazione dichiarazione.

Il rover Interact ha terminato la sua missione portando campioni di roccia sul lander lunare.
GIF: ESA

Secondo l’Agenzia spaziale europea, il sistema è in fase di sviluppo da più di un decennio, a partire da un joystick che un astronauta potrebbe controllare mentre era in orbita. La simulazione di quattro giorni rappresenta la prima volta che il rover Interact è stato testato durante una finta configurazione all’aperto. Entro la fine dei quattro giorni, il rover aveva restituito con successo i campioni di roccia al lander lunare. I tre veicoli hanno anche lavorato insieme per creare una serie di antenne sulla superficie lunare simulata per simulare una stazione di radioastronomia sulla Luna. È interessante notare che queste antenne sono già riuscite a captare una radioesplosione da Giove, il risultato del passaggio della luna vulcanica Io attraverso il campo magnetico del pianeta.

Alla fine della simulazione, l’Agenzia spaziale europea ha scoperto che i controlli del rover sarebbero stati probabilmente troppo ingombranti per gli astronauti a bordo del futuro Lunar Gateway.

“Quello che abbiamo presto scoperto è che il monitoraggio remoto continuo era molto difficile per l’astronauta, quindi abbiamo aggiunto funzionalità per alleviare parte della pressione, equivalente alla guida assistita fornita dalle auto moderne”, ha affermato Thomas Krueger, capo della divisione umana dell’ESA Interaction Lab. Android, in un comunicato. “Ad esempio, un operatore può indicare una posizione e lasciare che sia il rover a decidere da solo come arrivarci in sicurezza. La sua rete neurale è stata programmata per identificare da sé rocce di valore scientifico”.

Questo sembra certamente molto più facile e sicuramente più appropriato per la futura età di Artemide. L’Agenzia spaziale europea spera di lanciare il rover e mettere in pratica il sistema di controllo entro la fine di questo decennio.

Di più: I microbi possono nascondere il segreto per produrre carburante per razzi più potente.

READ  Una stella morta colta a fare a pezzi con violenza il sistema planetario

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply