Shell Scraps Combo prevede di creare un giacimento petrolifero nel Mare del Nord, citando l’economia, non il clima

La società ha affermato che la sua decisione si è basata sull’economia del progetto e sul rischio di ritardi, ed è impegnata nelle sue operazioni di petrolio e gas nel Mare del Nord.

Guscio, In collaborazione con Siccar Point, sostenuto da Blackstone, è in attesa dell’approvazione del governo del Regno Unito per sviluppare il giacimento petrolifero combinato. L’iniziativa, che produrrà 164 milioni di barili di greggio durante la prima fase di sviluppo, diventerà un punto chiave in futuro per le discussioni sulla conversione energetica e l’esplorazione di combustibili fossili nel Mare del Nord ricco di petrolio e gas.
governo d’Inghilterra, Ha ospitato gli ultimi colloqui COP26 in Scozia Inoltre, si è proiettato come il leader del clima globale ed è sotto forte pressione per rifiutare l’enorme progetto. Gli oppositori della combo sostengono che l’espansione della produzione di petrolio mina l’obiettivo del paese di passare alla neutralità del carbonio entro la metà del secolo.

Shell detiene il 30% del giacimento petrolifero, mentre Sikar Point controlla altri sforzi. Il suo futuro è ora in discussione.

“Dopo uno screening dettagliato dello sviluppo combinato proposto, la situazione economica non è abbastanza buona per investire in questo progetto al momento e sono possibili ritardi”, ha detto una portavoce della Shell a CNN Business in una nota. Di venerdì.

Ma la società ha chiarito che intende continuare a investire in petrolio e gas nel Regno Unito, affermando che farlo è “importante per la sicurezza energetica del paese”.

“Riteniamo che il Mare del Nord – e la Shell – svolgano un ruolo chiave nel mix energetico del Regno Unito, sostenendo posti di lavoro e capacità per consentire una transizione graduale verso il futuro a basse emissioni di carbonio della Gran Bretagna”.

READ  Guida definitiva per acquistare una pulisci catena per biciclette nel 2022 - I migliori 40 compilati!

L’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) ha affermato in un recente rapporto che gli investimenti in nuove infrastrutture per i combustibili fossili devono essere immediatamente interrotti se il mondo vuole avere maggiori possibilità di raggiungere emissioni nette pari a zero entro il 2050. Per quanto possibile, elimina o compensa quelli che impediscono l’ingresso nell’atmosfera.

Per controllare il riscaldamento globale, gli scienziati affermano che il mondo dovrebbe raggiungere lo zero netto entro la metà di questo secolo a un intervallo critico di 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali.

Giovedì scorso, Shell ha espresso frustrazione per la mancanza di chiarezza del governo britannico nella sua guida politica. A ottobre, un regolatore britannico ha sventato i piani della Shell di costruire un giacimento di gas Jacta nel Mare del Nord per motivi ambientali.

“L’economia di Combo non è abbastanza forte”, ha riconosciuto Shell. Lo ha detto alla CNN Business il Dipartimento per l’Energia e l’Intelligenza Climatica.

Il dipartimento marittimo del Regno Unito ha annunciato due nuovi impianti di turbine, che forniranno posti di lavoro e ricostruiranno i porti scozzesi abbandonati dall’industria dei combustibili fossili, mentre Shell ha annunciato il suo ritiro dal progetto Cambo giovedì.

“Insieme, dimostrano la sfida per i responsabili politici di creare nuove forme di energia più pulite, garantendo al contempo un’equa transizione dai combustibili fossili per le persone che lavorano in questi settori”.

L’operatore combo proverà ad andare avanti

Come molti produttori di combustibili fossili, Shell sta rapidamente carbonizzando la propria attività attraverso campagne, pressioni politiche e azioni legali, portando a una rapida transizione verso le fonti di energia rinnovabile.

Un tribunale olandese all’Aia a maggio Shell ha ordinato una riduzione del 45% delle sue emissioni entro il 2030, Dai livelli del 2019, è una decisione chiave promuovere azioni legali simili contro altre compagnie petrolifere, in linea con l’accordo di Parigi. Shell ha presentato ricorso contro questa decisione.

Jonathan Roger, CEO di Siccar Point Energy, ha affermato che la sua azienda è “delusa dalla trasformazione di Shell”, ma è ottimista sui meriti del progetto Cambo, indicando il suo potenziale per creare direttamente più di 1.000 posti di lavoro. E indirettamente migliaia.

READ  Guida definitiva per acquistare una lavatrici con carica dall_alto nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Ha detto che la produzione di petrolio a Campo aiuterebbe il petrolio greggio del Regno Unito in modo più responsabile rispetto a fare affidamento su importazioni ad alto contenuto di carbonio.

“Continueremo a impegnarci con il governo del Regno Unito e le ampie parti interessate nel futuro sviluppo di Combo”, ha affermato.

Il gruppo degli Amici della Terra fa una campagna contro Kambo, Ha detto su Twitter: “Il futuro del progetto è ora in seri dubbi – dovrebbe esserlo. Nessun nuovo giacimento petrolifero necessario durante la crisi climatica!”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply