SpaceX lancia altri 53 satelliti Internet Starlink – Spaceflight Now

“Il nostro lavoro consentirà a SpaceX di iniziare a implementare Gen2 Starlink, che porterà la prossima generazione di banda larga satellitare agli americani in tutto il paese, compresi coloro che vivono e lavorano”, ha scritto in parte la FCC nella sua richiesta del 1° dicembre. che non sono o non sono normalmente raggiunte dai sistemi terrestri. Approvazione della costellazione Starlink Gen2. Il nostro lavoro consentirà inoltre il servizio a banda larga via satellite in tutto il mondo, contribuendo a colmare il divario digitale su scala globale.

“Allo stesso tempo, questa sovvenzione limitata e i termini associati proteggeranno altri operatori satellitari e di terra da interferenze dannose, manterranno un ambiente spaziale sicuro, promuoveranno la concorrenza e proteggeranno lo spettro orbitale e le risorse per un uso futuro”, ha scritto la FCC. “Stiamo ritardando l’azione sul resto dell’applicazione SpaceX in questo momento.”

Nello specifico, la FCC ha autorizzato SpaceX a lanciare la massa iniziale di 7.500 satelliti Starlink Gen2 in orbite a 525, 530 e 535 chilometri, con inclinazioni rispettivamente di 53, 43 e 33 gradi, utilizzando le frequenze Ku. gruppo musicale. . La FCC ha ritardato una decisione sulla richiesta di SpaceX di far funzionare i satelliti Starlink Gen2 in orbite più alte e più basse.

Come i primi lanci di Embryo 2 il 28 dicembre e il 26 gennaio, la missione Starlink 5-3 di giovedì ha preso di mira l’orbita, che è alta 530 chilometri (329 miglia) con un’inclinazione di 43 gradi rispetto all’equatore.

SpaceX ha attualmente circa 3.500 satelliti Starlink operanti nello spazio, di cui oltre 3.100 operativi e quasi 300 in movimento in orbite operative, Secondo la tabulare di Jonathan McDowellun esperto nel tracciamento delle attività di volo spaziale e un astronomo presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

L’architettura di rete Starlink di prima generazione include satelliti che volano a un’altitudine di poche centinaia di miglia, orbitanti a inclinazioni di 97,6°, 70°, 53,2° e 53,0° rispetto all’equatore. La maggior parte dei recenti lanci Starlink di SpaceX ha lanciato satelliti in Shell 4, con un’inclinazione di 53,2 gradi, dopo che la società ha in gran parte completato i lanci nella sua prima struttura di inclinazione di 53 gradi l’anno scorso.

READ  Un'incredibile onda d'urto da una stella rifiutata che sfreccia nello spazio a 100.000 miglia orarie

Si ritiene che Shell 5 di Starlink sia uno degli strati dell’orbita polare della costellazione, con un’inclinazione di 97,6 gradi. Ma il nome delle prime missioni Gen2 – Starlink 5-1, 5-2 e 5-3 – sembra indicare che SpaceX ha cambiato il sistema di denominazione per le shell Starlink.

La missione Starlink 5-3 trasportava 53 satelliti nella rete Starlink Gen2 di SpaceX. Credito: Spaceflight Now

Il team di lancio di SpaceX si è posizionato all’interno della Firing Room 4 del Launch Control Center del Kennedy Space Center per il conto alla rovescia di giovedì sera. SpaceX ha iniziato a caricare propellenti di cherosene condensato ultrafreddo e ossigeno liquido nel veicolo Falcon 9 in meno di 35 minuti.

Anche il materiale della pressione dell’elio è confluito nel razzo nell’ultima mezz’ora del conto alla rovescia. Negli ultimi sette minuti prima del decollo, i motori principali del Falcon 9 Merlin vengono condizionati termicamente per il volo attraverso una procedura nota come “chilldown”. Anche i sistemi di guida e sicurezza sul campo del Falcon 9 sono configurati per il lancio.

Dopo il decollo, il razzo Falcon 9 ha incanalato 1,7 milioni di libbre di spinta, prodotta da nove motori Merlin, per dirigersi a sud-est nell’Oceano Atlantico. SpaceX ha ripreso i lanci questo inverno utilizzando la pista sud-est da Cape Canaveral, piuttosto che verso nord-est, per sfruttare le migliori condizioni del mare per l’atterraggio del primo stadio del booster Falcon 9.

Durante l’estate e l’autunno, SpaceX ha lanciato missioni Starlink su traiettorie a nord-est della Space Coast della Florida.

Il razzo Falcon 9 ha superato la velocità del suono in circa un minuto, quindi ha spento i suoi nove motori principali due minuti e mezzo dopo il decollo. Lo stadio booster si è separato dallo stadio superiore del Falcon 9, quindi ha sparato impulsi dai propulsori di controllo del gas freddo e dalle alette della griglia in titanio estese per aiutare a guidare il veicolo nell’atmosfera.

READ  Uno studio afferma che la "super-Terra" potrebbe essere più abitabile del nostro pianeta

Due bruciatori dei freni hanno rallentato il missile quando è atterrato sulla nave drone “A Shortfall of Gravitas” a circa 410 miglia (660 chilometri) circa nove minuti dopo il decollo. Il booster riutilizzabile, designato B1069 nell’inventario di SpaceX, è stato lanciato e atterrato giovedì per la quinta volta nella sua carriera.

La carenatura riutilizzabile del carico utile del Falcon 9 è stata scartata durante la seconda fase di combustione. La nave di salvataggio era anche di stanza nell’Atlantico per recuperare le due metà del cono di prua dopo che erano state spruzzate sotto i paracadute.

L’atterraggio del primo stadio della missione di giovedì è avvenuto proprio quando il motore del secondo stadio del Falcon 9 non è riuscito a portare i satelliti Starlink in orbita di parcheggio. Un altro breve incendio del motore dello stadio superiore ha iniettato i carichi utili di Starlink in un’orbita più circolare, manovrando per schierare i satelliti.

È stato confermato che la navicella spaziale 53 Starlink, costruita da SpaceX a Redmond, Washington, si è separata da un razzo Falcon 9 circa 64 minuti dopo il decollo.

Il computer di guida del Falcon 9 mira a dispiegare i satelliti in un’orbita quasi circolare con un’inclinazione di 43 gradi rispetto all’equatore, a un’altitudine compresa tra 202 miglia e 213 miglia (325 per 343 chilometri). Dopo la separazione dal razzo, la navicella spaziale 53 Starlink sbloccherà i pannelli solari, eseguirà le fasi di attivazione automatizzata, quindi utilizzerà i propulsori ionici per manovrare nella loro orbita operativa a un’altitudine di 329 miglia.

Razzo: Falco 9 (B1069.5)

Carico utile: 53 satelliti Starlink (Starlink 5-3)

Sito di lancio: LC-39A, Centro Spaziale Kennedy, Florida

READ  Cosa dicono di te le tue foto preferite di James Webb?

Data del pranzo: 2 febbraio 2023

ora di pranzo: 2:58:20 EST (0758:20 GMT)

previsioni del tempo: probabilità superiore al 90% di condizioni meteorologiche accettabili; rischio da basso a moderato di venti di quota superiore; Riduzione del rischio di condizioni sfavorevoli a una migliore ripresa

Recupero dalla spinta: Nave drone chiamata “A Shortfall of Gravitas” a nord-est delle Bahamas

LANCIO IN AZIMUT: sud-est

orbita bersaglio: 202 miglia per 213 miglia (325 chilometri per 343 chilometri), 43,0 gradi

Cronologia del lancio:

  • T+00:00: decollare
  • T+01:12: Pressione massima dell’aria (Max-Q)
  • T+02:28: Spegnimento motore principale fase 1 (MICO)
  • T+02:31: Separazione di fase
  • T+02:38: Accensione motore secondo stadio
  • T+02:43: Silenzio
  • T+06:41: Accensione bruciatore ingresso primo stadio (tre motori)
  • T+07:00: Interruzione del postbruciatore di entrata del primo stadio
  • T+08:23: Accensione bruciatore primo stadio (monomotore)
  • T+08:35: Spegnimento motore secondo stadio (SECO 1)
  • T+08:44: Atterraggio prima tappa
  • T+1:03:56: Satellite Starlink disconnesso

Statistiche della missione:

  • Il 201esimo lancio del razzo Falcon 9 dal 2010
  • Il 211esimo lancio della famiglia Falcon dal 2006
  • Quinto lancio del Falcon 9 Booster B1069
  • Il Falcon 9 172 viene lanciato dalla Florida Space Coast
  • SpaceX 61 è stato lanciato dalla piattaforma 39A
  • 155° lancio complessivo dalla piattaforma 39A
  • Volo 142 del booster Falcon 9 riproposto
  • Il lancio del Falcon 9 71 è principalmente per la rete Starlink
  • Settimo lancio del Falcon 9 nel 2023
  • L’ottavo lancio di SpaceX nel 2023
  • Sesto tentativo di lancio orbitale da Cape Canaveral nel 2023

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply