Un aereo Boeing Starliner viene ripulito pochi minuti prima del decollo

Alla fine del 2019, Boeing sembrava avere buone possibilità di superare SpaceX e diventare la prima azienda privata americana a portare astronauti in orbita.

In questi quattro anni e mezzo sono stati commessi tanti errori. Ecco una cronologia delle battute d’arresto dietro Boeing SpaceX nel dare agli astronauti americani un passaggio nell’orbita terrestre bassa.

Dicembre 2019: “Un evento ravvicinato ad alta visibilità.”

Il 20 dicembre 2019 ha visto Boeing in dirittura d’arrivo.

Una capsula Starliner, la stessa navicella spaziale che sabato trasporterà gli astronauti della NASA Butch Wilmore e Suni Williams alla stazione spaziale, si trovava sulla rampa di lancio di un razzo Atlas V.

Il volo di prova verso la stazione spaziale non trasporta astronauti e la sua missione è quella di valutare i sistemi di navigazione, propulsione e attracco del veicolo spaziale. Se il volo supererà quest’ultimo ostacolo tecnico, il viaggio sarà effettuato dagli astronauti nel giro di pochi mesi.

Il razzo Atlas V è stato lanciato senza problemi e ha rilasciato lo Starliner.

Quindi l’attività si è bloccata immediatamente.

L’orologio della navicella è impostato sull’ora sbagliata, facendo credere allo Starliner di essere nel posto sbagliato. La capsula ha acceso i suoi propulsori per arrivare dove pensava che dovesse essere. Allo stesso tempo, un’interruzione della comunicazione ha vanificato gli sforzi dei controllori del traffico aereo nel controllo della velocità di crociera per diagnosticare e correggere il problema.

La navicella spaziale Starliner consumò troppo propellente e il previsto attracco alla stazione spaziale fu interrotto.

Durante la correzione, gli ingegneri Boeing hanno scoperto un altro bug del software che avrebbe potuto espellere i propulsori sbagliati durante una manovra che portava al rientro. La NASA ha definito l’incidente una “chiamata ravvicinata ad alta visibilità” che avrebbe potuto distruggere la navicella spaziale se gli insetti non fossero stati riparati da terra durante il volo.

READ  Il presidente della FAA Steve Dixon ha annunciato le sue dimissioni a metà del suo mandato

Un’indagine ha rivelato diversi errori nelle procedure della Boeing che avrebbero dovuto individuare gli errori prima del lancio. Un audit approfondito ha esaminato un milione di righe di codice software.

I funzionari della NASA hanno ammesso di avere più fiducia in Boeing, che ha decenni di esperienza di lavoro alla NASA.

Estate 2021: prurito sulla rampa di lancio.

La NASA e l’azienda hanno deciso che era necessario un secondo test senza pilota prima di volare con gli astronauti. La navicella spaziale era stata inviata alla rampa di lancio a luglio, ma un problema con la stazione spaziale ha causato un ritardo all’inizio di agosto. Prima del tentativo di lancio del 4 agosto, i responsabili della missione scoprirono valvole del propellente corrose sullo Starliner che non si aprivano. Il volo di prova è stato interrotto ed è seguito un altro lungo ciclo di risoluzione dei problemi.

Maggio 2022: un’altra versione, altri problemi.

Un secondo test senza pilota è stato lanciato il 19 maggio 2022.

Durante una manovra per mettere lo Starliner in un’orbita stabile, due propulsori fallirono, ma la navicella riuscì a compensare. Si è attraccato alla stazione spaziale ed è tornato con successo sulla Terra.

Luglio 2023: paracadute e nastro.

Prima del volo di prova con gli astronauti, poi previsto per luglio 2023, sono emersi altri due problemi. Il nastro protettivo avvolto attorno all’isolamento del cablaggio divenne infiammabile e un componente chiave del sistema di paracadute era più debole di quanto progettato e i tre paracadute dello Starliner si sarebbero rotti se non fossero stati aperti correttamente.

Circa un miglio di nastro è stato sostituito e il design del paracadute è stato migliorato e rafforzato, quindi testato nuovamente.

READ  IN DIRETTA: Boris Johnson combatte per la sopravvivenza; 2 Ministri del Gabinetto del Regno Unito si dimettono

Maggio 2024: non ancora pronto per volare.

“Questo è un volo di prova, quindi ci stiamo prendendo il nostro tempo per far sì che tutto funzioni correttamente, e vogliamo che vada bene”, ha detto Steve Stich, program manager del programma Commercial Group della NASA, durante una conferenza stampa del 3 maggio.

Mark Nappi, responsabile del programma Boeing per lo Starliner, ha dichiarato: “Siamo pronti a condurre un volo di prova. E non mi sono mai sentito più preparato per nessuna missione a cui abbia mai partecipato.

Ma lo Starliner non era ancora pronto.

Il conto alla rovescia del 6 maggio procedeva senza intoppi finché una valvola non correlata allo Starliner nel secondo stadio del razzo Atlas V iniziò a funzionare, vibrando in modo udibile a 40 volte al secondo.

Il lancio è stato interrotto e il razzo ha dovuto essere rimosso dalla rampa di lancio per sostituire la valvola. Il lavoro è stato completato in pochi giorni.

Ma è emerso un problema difficile.

Mentre i propellenti venivano espulsi dai serbatoi del razzo Atlas V, gli ingegneri scoprirono una piccola perdita di elio nel sistema di propulsione dello Starliner.

L’elio, un gas inerte, viene utilizzato per spingere i propellenti verso i propulsori e, se viene perso troppo elio, i propulsori potrebbero non funzionare correttamente.

È stata rilevata una perdita in un sigillo in una linea dell’elio che porta a uno dei 28 piccoli propulsori noti come motori del sistema di controllo della reazione.

Durante una conferenza stampa telefonica il 24 maggio, Mr. “C’è un sigillo che mantiene salda l’interfaccia, proprio come faresti con l’impianto idraulico di casa, un tubo o qualcosa del genere”, afferma Stich.

READ  I grandi squali bianchi potrebbero aver distrutto McLaughlin

I test non hanno mostrato perdite nelle guarnizioni che collegano gli altri 27 motori del sistema di controllo della reazione e gli ingegneri hanno ritenuto che una singola perdita potesse essere risolta. Non ci sono piani per sostituire il sigillo necessario per estrarre lo Starliner dal razzo Atlas V e il volo potrebbe portare a ritardi ancora più lunghi.

“Se il tasso di perdita fosse 100 volte superiore, potremmo gestire questa particolare perdita”, ha affermato il Sig. Ha detto Stich.

La perdita di elio ha portato la NASA e la Boeing a dare un’occhiata più da vicino al sistema di propulsione dello Starliner, che ha rivelato una “vulnerabilità progettuale”. Sig. Ha detto Stich. Se si verificano una serie di guasti, la navicella spaziale non sarà in grado di riportare in sicurezza gli astronauti sulla Terra.

Uno dei piani di riserva è quello di utilizzare otto dei propulsori più piccoli se ci sono problemi con i grandi motori accesi per manovrare la navicella fuori dall’orbita. Tuttavia, l’analisi mostra che ulteriori fallimenti significano solo quattro delle motivazioni minori.

Gli ingegneri hanno ideato un altro piano di riserva per portare lo Starliner fuori dall’orbita con quattro propulsori. I funzionari della NASA e della Boeing hanno affermato che, dopo settimane di studio del problema, credono di poter superare i problemi che potrebbero sorgere dalla perdita.

E sabato, finalmente, forse, Mr. Wilmore e la signora La Williams volerà sullo Starliner.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply