Dialogo Shangri-La: i sostenitori dell’indipendenza di Taiwan rischiano l'”autodistruzione”, avverte il nuovo ministro della Difesa cinese


Singapore
CNN

Taiwan cerca gradualmente l’indipendenza e chi la sostiene “finirà per autodistruggersi”. Cina Il nuovo ministro della Difesa ha avvertito domenica, in un ampio discorso al vertice sulla sicurezza a Singapore, che la portata delle tensioni regionali è venuta in netto rilievo.

Il ministro della Difesa nazionale, l’ammiraglio Dong Jun, ha rilasciato i commenti in un discorso di circa 30 minuti, avvenuto pochi giorni dopo che Pechino aveva organizzato… Grandi manovre militari Circonda quindi l’isola di Taiwan È stato inaugurato dal suo nuovo presidente democraticamente eletto Lo scorso mese.

“Adotteremo misure risolute per limitare l’indipendenza di Taiwan e garantire che un simile complotto non abbia mai successo”, ha detto Dong, parlando attraverso un interprete, criticando “l’intervento di forze esterne” per la vendita di armi e la conduzione di “comunicazioni ufficiali illegali” con Taiwan, in quello che sembra essere una violazione della legge internazionale. In riferimento agli Stati Uniti, che intrattengono rapporti stretti e informali con Taiwan.

“La Cina resta impegnata nella riunificazione pacifica. Questa prospettiva viene sempre più indebolita dai separatisti che chiedono l’indipendenza di Taiwan e dalle forze straniere”, ha avvertito Dong.

I suoi commenti arrivano in un contesto di crescente preoccupazione nella regione per l’intimidazione militare ed economica di Pechino nei confronti di Taiwan, diventata più evidente sotto il leader cinese Xi Jinping.

In Incontro con Dong Venerdì, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha invitato la Cina a non “utilizzare la transizione politica a Taiwan – che fa parte di un normale processo democratico di routine – come scusa per adottare misure coercitive”.

Il Partito comunista cinese al potere rivendica come propria la democrazia autonoma, anche se non l’ha mai controllata, e si è impegnato a “riunificarla” con essa, se necessario con la forza. Il nuovo presidente di Taiwan, Lai Ching-te, e il suo partito, il Partito Democratico Progressista, sono apertamente odiati da Pechino per la loro difesa della sovranità di Taiwan.

READ  Le unità d'élite russe causano il 40% delle vittime in Ucraina: ufficiale

Lai ha detto di preferire lo status quo, dichiarando che “Taiwan è già un Paese indipendente e sovrano” quindi “non esiste alcun piano o necessità” di dichiarare l’indipendenza. Gli Stati Uniti, attraverso la loro politica a lungo termine, non sostengono né l’indipendenza di Taiwan né il cambiamento unilaterale dello status quo attraverso lo Stretto di Taiwan.

“Le autorità del Partito Democratico Progressista di Taiwan stanno cercando la secessione in modo graduale. Sono determinate a cancellare la loro identità cinese a Taiwan e a recidere i legami sociali, storici e culturali attraverso lo Stretto di Taiwan”, ha detto Dong, ripetendo la retorica di Pechino secondo cui saranno “inchiodati” al pilastro della vergogna nella storia.”

I sondaggi d’opinione mostrano che un numero crescente della popolazione dell’isola, soprattutto i giovani, si considera chiaramente taiwanese e non desidera far parte della Cina, uno stato monopartitico autoritario rispetto alla democrazia di Taiwan. Ora meno del 10% sostiene un’unificazione immediata o finale, e solo il 3% si considera principalmente cinese – mentre il 67% si considera principalmente taiwanese.

Dong, un ex comandante navale, ha fatto la sua prima apparizione al vertice del dialogo sulla sicurezza di Shangri-La dopo… Nominandolo alla sua posizione Alla fine dell’anno scorso, dopo un improvviso cambiamento nel Ministero della Difesa cinese.

L’incontro avviene in un panorama controverso sulla sicurezza in tutta la regione, con la Cina ampiamente vista dai suoi vicini come un’azienda che usa la propria potenza militare per affermare le sue rivendicazioni territoriali contestate e cercare lo status militare in una parte del mondo in cui gli Stati Uniti hanno profondi legami di sicurezza.

È stato ampiamente documentato che navi e aerei cinesi pattugliano e conducono manovre aggressive contro altri operatori che operano in acque e cieli internazionali nel contesto delle sue contestate rivendicazioni nel Mar Cinese Orientale e Meridionale.

Ma Dong nel suo discorso ha dipinto una visione diversa della Cina, dipingendola come una potenza benevola “il cui esercito non agisce mai da una cosiddetta posizione di forza”, mentre lancia un colpo obliquo agli Stati Uniti, dicendo: “Non permetteremo chiunque possa portare conflitti geopolitici o qualsiasi guerra, calda o fredda, nella nostra regione.

READ  Il rischio di contrarre un nuovo tipo pericoloso di Covid in Cina è "estremamente basso", afferma l'esperto sanitario statunitense

Il ministro della Difesa cinese ha anche affermato che ci sono “limiti” alla moderazione della Cina quando si tratta di “provocazioni” nel Mar Cinese Meridionale, in un evidente riferimento alle Filippine, alleato degli Stati Uniti, di cui Dong non ha fatto il nome direttamente.

Dong ha detto che “un certo paese” è stato “incoraggiato” da forze esterne e “ha condotto provocazioni mediate”, riferendosi indirettamente allo schieramento di un sistema missilistico statunitense durante le esercitazioni militari nelle Filippine in aprile.

La Cina ha militarizzato le isole nel conteso Mar Cinese Meridionale e negli ultimi mesi la Guardia Costiera cinese ha sparato con idranti e ha cercato di affrontare le navi filippine che operavano nelle aree contese, esacerbando le tensioni nella principale via d’acqua strategica.

La Cina rivendica diritti storici su gran parte del Mar Cinese Meridionale, nonostante una sentenza del 2016 di un tribunale internazionale dell’Aia a favore delle Filippine contro tale rivendicazione.

I commenti di Dong arrivano dopo che il presidente filippino Ferdinand Marcos Jr. ha condannato venerdì le azioni illegali, coercitive e aggressive nel Mar Cinese Meridionale durante l’apertura dello stesso forum di difesa a Singapore. Ha anche avvertito che l’uccisione di un cittadino filippino da parte di un altro Paese nel Mar Cinese Meridionale sarebbe “molto vicino” a un atto di guerra.

Il ministro della Difesa cinese ha anche respinto le preoccupazioni espresse dagli Stati Uniti secondo cui le esportazioni di prodotti a duplice uso dalla Cina stanno rafforzando la base industriale della difesa della Russia mentre dichiara guerra all’Ucraina.

“Non abbiamo mai fornito armi a nessuna delle parti in conflitto, abbiamo stabilito un controllo più rigoroso sull’esportazione di prodotti a duplice uso e non abbiamo fatto assolutamente nulla per alimentare il fuoco”, ha detto Dong.

READ  Putin ha ricevuto la Corea del Nord in pompa magna nella prima visita del leader russo in 24 anni

La questione è stata sollevata durante un incontro tra Dong e il suo omologo statunitense Austin – i primi colloqui diretti tra la difesa statunitense e cinese dal 2022, con Austin che ha segnalato alla Cina che ci sarebbero state conseguenze se Pechino avesse continuato a sostenere militarmente la Russia.

Dong ha affermato che la Cina “rimane aperta agli scambi e alla cooperazione con l’esercito americano”.

Il forum annuale sulla sicurezza di Singapore – ospitato dall’International Institute for Strategic Studies – è un raro incontro di alti funzionari militari provenienti da tutta la regione dell’Asia-Pacifico, compresi coloro che competono geopoliticamente o si vedono con cautela.

È anche una rara opportunità per ascoltare e porre domande agli alti leader militari cinesi.

Molte delle domande rivolte a Dong dai delegati riguardavano la crescente aggressività della Cina in tutta la regione, in particolare verso Taiwan e nel conteso Mar Cinese Meridionale.

Robert Ward, capo dell’Istituto internazionale per gli studi strategici in Giappone, ha detto alla CNN che ritiene che il tono di Dong sia stato “più duro” di quanto avesse visto nei precedenti discorsi dei leader della difesa cinese durante l’incontro.

“L’ambiente strategico in Asia sta effettivamente diventando più teso e penso che lo abbiamo visto nel discorso del ministro della Difesa cinese oggi”, ha detto Ward.

Ha aggiunto: “Il tono è stato molto più difficile quest’anno rispetto all’anno scorso”.

Nel frattempo, un alto funzionario statunitense ha espresso la seguente valutazione.

“Ogni anno per tre anni, un nuovo ministro della difesa cinese arriva a Shangri-La”, ha detto il funzionario alla CNN. Ogni anno tengono un discorso diametralmente opposto alla realtà dell’attività coercitiva del PLA in tutta la regione. Quest’anno non è stato diverso”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply