Una sala banchetti con affreschi conservati tra gli scavi di Pompei | Italia

Una sala per banchetti ricca di affreschi ben conservati raffiguranti figure ispirate alla guerra di Troia è stata scoperta tra le rovine di Pompei in quella che è stata descritta come una delle scoperte più emozionanti mai fatte nel sito archeologico dell'Italia meridionale.

La camera, lunga 15 metri e larga sei, è stata rinvenuta in un'ex residenza privata sulla Via di Nola, il viale più lungo dell'antica Pompei, durante gli scavi nell'area del sito di Reggio IX.

Gli esperti hanno affermato che la “Stanza Nera”, così chiamata per il colore delle sue pareti, che forse avevano lo scopo di nascondere la fuliggine derivante dalle lampade a olio accese, era “un luogo elegante dove intrattenersi durante i momenti gioiosi”.

Scoperta della “Camera Nera” a Pompei Fotografia: Barco Archeologico di Pompei – Reuters

Le sue pareti sono decorate con opere d'arte raffiguranti leggendarie figure greche, tra cui Elena di Troia che incontra per la prima volta Paride, il principe di Troia. L'affresco comprende un cane e un'iscrizione greca che recita “Alexandros”, l'altro nome del principe. Secondo la leggenda greca, la fuga dei due portò allo scoppio della guerra di Troia nel XII secolo a.C.

Un altro affresco raffigura il dio greco Apollo che cerca di corteggiare la sacerdotessa Cassandra. Nei suoi sforzi per sedurla, Apollo le concesse la capacità di predire il futuro, ma quando lei lo rifiutò lui la maledisse affinché nessuno credesse alle sue predizioni. Di conseguenza, non fu in grado di contrastare i tragici eventi della battaglia che aveva predetto. Dopo essere stata violentata durante la presa di Troia, Cassandra finì in schiavitù.

READ  'Harry e Meghan': cosa dicono le persone sulla serie Netflix

Gabriel Zutztregel, direttore del Parco Archeologico di Pompei, ha affermato che le figure mitiche avevano una chiara funzione di intrattenere gli ospiti e fornire spunti di conversazione durante le vacanze.

“Le coppie leggendarie hanno fornito spunti per conversazioni sul passato e sulla vita, apparentemente solo di natura romantica”, ha detto. “Evidenziano infatti il ​​rapporto tra l’individuo e il destino: Cassandra che vede il futuro ma nessuno le crede, Apollo che si schiera con i Troiani contro gli invasori greci, ma, essendo un dio, non può garantire la vittoria, Elena e Paride che, nonostante la loro storia d'amore, non sono… Politicamente corretti, sono la causa della guerra, o forse solo una scusa.

Ha aggiunto: “La gente si riuniva per cena dopo il tramonto; La luce fioca delle lampade aveva l'effetto di far sembrare le immagini in movimento, soprattutto dopo qualche bicchiere di buon vino campano.

Nella “Camera Nera” è stato scoperto un affresco. Fotografia: Barco Archeologico di Pompei – Reuters

Le opere sono del “Terzo Stile”, o stile miniato, databili tra il 15 aC e il 40-50 dC.

“È sempre difficile giudicare la qualità, ma ciò che vediamo è un alto grado di attenzione ai dettagli, all'espressione e alle ombre”, ha detto Zutstrigel. “Questo è molto accattivante, così come il tema aziendale.”

Nel frattempo, il sofisticato pavimento a mosaico della stanza contiene più di un milione di piccole tessere bianche.

Salta la precedente promozione della newsletter

La stanza si apre su un cortile con una lunga scalinata che conduce al primo piano dell'immobile, sotto il quale è stato rinvenuto un enorme cumulo di materiali edili. Sugli archi delle scale qualcuno ha disegnato a carboncino una coppia di gladiatori e quello che gli archeologi hanno detto nella loro dichiarazione “sembra essere un enorme fallo stilizzato”.

Gli scavi a Reggio IX, una zona della città che un tempo ospitava un gruppo di case e laboratori, hanno portato alla luce molti altri reperti fin dall'inizio nel febbraio dello scorso anno, tra cui una casa contenente un angusto panificio dove si ritiene fossero rinchiusi gli schiavi imprigionato. Sfruttato per la produzione del pane.

In uno dei locali del panificio furono ritrovati i resti di tre vittime dell'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Su un muro all'ingresso della casa è stato trovato anche un murale fisso somigliante ad una pizza. A dicembre, 13 statuette in stile presepe furono trovate in piedi su quella che probabilmente era una mensola nel corridoio di una casa. Gli archeologi hanno affermato che le statue fornivano prove di rituali pagani a Pompei prima che il Vesuvio distruggesse la città.

“Pompei è davvero uno scrigno di tesori che non smette mai di sorprenderci e di stupirci, perché ogni volta che la scaviamo troviamo qualcosa di bello e importante”, ha affermato il ministro della Cultura italiano Gennaro Sangiuliano.

Le rovine di Pompei furono scoperte nel XVI secolo e i primi scavi iniziarono nel 1748. Pompei è il secondo sito archeologico più visitato al mondo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply