Un’esplosione a bassa intensità disperde detriti da un satellite russo

TOKYO – Un satellite russo è stato probabilmente colpito da una “esplosione a bassa intensità” che ha creato centinaia di detriti nell’orbita terrestre bassa, secondo l’analisi di una società.

Il Comando spaziale statunitense e fornitori privati ​​di sensibilizzazione spaziale hanno riferito che il 26 giugno il satellite di telerilevamento russo Resurs P1 ha subito un incidente. Questo evento ha creato più di 100 detriti che possono essere tracciati dai sensori a terra.

La causa della rottura rimane poco chiara, ma LeoLabs, che è stato il primo a denunciare pubblicamente l’evento, ritiene che i detriti siano stati causati da una “esplosione a bassa intensità” derivante da una collisione o all’interno della navicella stessa. Questa esplosione ha creato almeno 250 detriti ad altitudini fino a 500 km.

Questa conclusione è arrivata dall’analisi effettuata dall’azienda di quella nuvola di detriti, utilizzando i propri strumenti per esaminare il numero e la distribuzione degli oggetti di detriti per comprendere meglio il motivo per cui è stata creata.

“Sebbene gran parte della nube di detriti non sia stata ancora completamente analizzata, la nostra valutazione preliminare conclude che la causa più probabile dell’evento è un’esplosione a bassa intensità”, ha concluso LeoLabs in Una dichiarazione rilasciata il 3 luglio è stata pubblicata su LinkedIn“Questa esplosione potrebbe essere avvenuta a seguito di fattori esterni come un impatto con un piccolo frammento (attualmente non classificato) o un cedimento strutturale interno che ha causato il guasto del sistema di propulsione”.

Questa analisi esclude la speculazione secondo cui il satellite potrebbe essere stato utilizzato come obiettivo per testare armi anti-satellite, proprio come Kosmos 1408 nel novembre 2021. Non ci sono altre indicazioni, come dichiarazioni dell’esercito russo o statunitense o restrizioni dello spazio aereo, che tale test è in fase di pianificazione o di implementarlo.

READ  Guida per gli accoppiamenti dei cinturini Google Pixel Watch con i quadranti

L’esplosione non sembra aver causato la completa disintegrazione del satellite. Feedback visivo per Resurs P di Sybilla Technologies, una società polacca di consapevolezza situazionale spaziale, Riferisci che il satellite principale è ancora lìGira per due o tre secondi.

Le immagini pre-separazione sono state scattate da HEO, una società australiana che utilizza satelliti commerciali per acquisire immagini di altri oggetti spaziali. Sembra che i pannelli solari su Resurs P1 e sui due veicoli spaziali successivi, P2 e P3, non siano riusciti a dispiegarsi completamente.Non è chiaro se questo difetto di diffusione sia in qualche modo legato alla disintegrazione.

Anche se l’evento di rottura non sembra il peggiore scenario possibile, rappresenta comunque un rischio per gli altri satelliti nell’orbita terrestre bassa. Leo Labs ha osservato che la risalita di alcuni detriti li porta attraverso orbite utilizzate da molti altri satelliti operativi oltre alla Stazione Spaziale Internazionale e alla Stazione Spaziale Cinese Tiangong. È probabile che questi oggetti rimangano in orbita per “settimane o mesi” prima che la resistenza atmosferica li faccia disintegrare.

“Questo evento dimostra il rischio continuo che i veicoli spaziali restino intrappolati in orbita”, ha concluso la società. Resurs P1 è stato spento nel 2021 e ritornerà entro la fine dell’anno quando la sua orbita, attualmente di circa 355 km, decade.

LeoLabs ha aggiunto che questo non è l’unico progetto, poiché “ci sono più di 2.500 dispositivi abbandonati intatti (ovvero strutture missilistiche abbandonate e carichi utili inutilizzabili) che potrebbero incontrare un destino simile a quello di Resurs P1 nel tempo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply