Virgin Orbit è stata colpita da un’anomalia in volo durante il suo storico volo inaugurale dall’Inghilterra

Il tentativo di Virgin Orbit di entrare nella storia lanciando i primi satelliti dal suolo britannico lunedì notte non è andato come previsto, con la conseguente perdita di tutti e nove i satelliti a bordo.

Cosmic Girl, un 747 modificato, è entrato nella storia quando è decollato dallo Spaceport Cornwall a Newquay, in Inghilterra, alle 17:02, sperando di nominare con successo una nuova stazione spaziale. Una volta raggiunta l’altezza di 35.000 piedi, l’aereo dispiega un razzo chiamato LauncherOne, che lancerà il suo carico utile nello spazio.

La carenatura del carico utile di LauncherOne conteneva nove piccoli satelliti che rappresentavano sette diversi clienti. Il razzo a due stadi è appositamente progettato per lanciare orizzontalmente piccoli satelliti. Invece di un tradizionale razzo che si alza verticalmente dalla rampa di lancio, LauncherOne è progettato per essere legato a un aereo e accendersi a un’altitudine specifica prima di posizionare i suoi carichi utili nelle orbite designate.

Il primo e il secondo stadio del razzo si sono separati come previsto, con lo stadio superiore del razzo che ha completato un’accensione di quasi cinque minuti ed è passato a Long Beach prima del dispiegamento del carico utile. Dopo la saldatura, è stato subito chiaro che qualcosa non andava bene.

“LauncherOne sembra aver subito un’anomalia che gli impedirà di creare un’orbita su questa missione”, ha dichiarato Chris Relf, ​​direttore dell’ingegneria e della verifica dei sistemi di Virgin Orbit, durante un webcast della missione. I dettagli non sono stati immediatamente disponibili, ma i funzionari della compagnia hanno condiviso che l’anomalia ha provocato la perdita di tutti e nove i carichi utili sul razzo.

Il Launcher One trasportava nove piccoli satelliti nella sua fiera di carico utile, inclusi quelli per il Ministero della Difesa britannico, il governo britannico, un CubeSat polacco, un satellite per il Sultanato dell’Oman e un laboratorio di ricerca navale degli Stati Uniti.

READ  Biden dà il benvenuto a Macron alla cena di stato

Chiamato “Start Me Up”, il lavoro prende il nome da una canzone della leggendaria band britannica The Rolling Stones.

“Non riesco a pensare a un nome più appropriato per il primo lancio dal Regno Unito”, ha dichiarato Sir Richard Branson, il miliardario fondatore di Virgin Atlantic Airline e della compagnia spaziale Virgin Galactic, che è anche comproprietario di Virgin Orbit.

Secondo Branson, tutti i lanci di Virgin Orbit prendono il nome da momenti importanti nella lunga storia musicale di Virgin, come quando la compagnia firmò i Rolling Stones. Ad oggi, Virgin Orbit ha al suo attivo cinque lanci, tutti lanciati dalla stazione spaziale statunitense in California.

Dopo un primo volo di prova fallito nel maggio 2020, quattro missioni successive hanno avuto successo, con la società che ha messo in orbita 33 satelliti. Sfortunatamente, la compagnia aggiunge un altro volo fallito ai suoi record.

La tecnica di lancio orizzontale di un veicolo spaziale da un razzo montato su un aereo è stata sviluppata 20 anni fa come un modo economico per lanciare piccoli satelliti. I razzi tradizionali erano troppo costosi per lanciare determinati carichi utili e questo ha fornito un nuovo modo per raggiungere lo spazio.

Tuttavia, questo sarà il primo di molti lanci per il Regno Unito e l’orbita Virgin poiché i lanci di piccoli satelliti sono in aumento. Questo tipo di missione offre la flessibilità per il lancio da qualsiasi luogo che abbia uno spazio aereo e garantisce che i satelliti rimangano nell’orbita prevista. Fornisce un’altra opzione per i clienti europei che hanno dovuto affrontare i ritardi dell’Ariane 6, la messa a terra dei razzi Vega dopo un tentativo di lancio fallito e la perdita dell’accesso ai veicoli russi Soyuz a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina.

READ  Ohio State vs. Michigan: streaming live, visione online, canale TV, previsione, selezione, distribuzione, contraddizioni calcistiche

“Quando si guarda al modo in cui sta crescendo l’economia dell’orbita terrestre bassa, è un luogo in cui tutti vogliono mettere i propri satelliti per il cambiamento climatico, il monitoraggio o lo sviluppo urbano o per scopi di difesa”, ha affermato Ian Annett. Vice CEO dell’Agenzia spaziale britannica prima del lancio. “La possibilità di accedere a LEO con micro-lanci non è sicuramente un mercato statico, è in costante crescita”.

A tal fine, sono stati necessari 20 milioni di sterline ($ 24 milioni) per trasformare il minuscolo aeroporto di Newquay in Spaceport Cornwall. “Le basi erano già qui”, ha detto Melissa Thorpe, CEO di Spaceport Cornwall, prima del lancio di lunedì. “Abbiamo una delle piste più lunghe del Regno Unito e solo il team per trasformarla in una stazione spaziale”.

Thorpe ha affermato che il team ha anche lavorato per rafforzare le vie di rullaggio e costruire una struttura di integrazione dei sistemi spaziali in cui i clienti potessero collegare i propri satelliti al veicolo di lancio.

Ma lo Spaceport Cornwall è uno dei sette siti in tutto il Regno Unito che sono stati finanziati dall’agenzia spaziale del paese nel 2017 come parte di una campagna per sviluppare siti di porti spaziali specifici per il lancio di piccoli carichi utili nell’orbita terrestre bassa. Altre strutture di lancio includono una nel nord della Scozia e le Isole Shetland.

Thorpe afferma che anche se il lancio inaugurale dal Regno Unito fallisce, incoraggerà comunque altri paesi europei a investire nello spazio e ad unirsi all’industria spaziale. I funzionari di Virgin Orbit affermano che la società vuole posizionarsi come capace di lanciare il 747 CAN da qualsiasi luogo.

READ  Guida definitiva per acquistare una concime per ortaggi nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Ma per farlo, deve dimostrare di poter essere avviato con successo da più posizioni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply