Home Mobile Accessori Realtà virtuale? Con Facebook e Samsung arriverà a tutti

Realtà virtuale? Con Facebook e Samsung arriverà a tutti

5
0
Condividi

Da anni si parla di realtà virtuale senza mai averla vista davvero diffusa alle masse. Ebbene questo è ciò che promette il CEO di Facebook Mark Zuckerberg dando uno sguardo al futuro della tecnologia informatica. Cambierà il modo di comunicare e darà un modo totalmente nuovo di vivere i videogiochi, guardare film e vedere il mondo, dice.

Come far arrivare la realtà virtuale alle masse? Con una visiera sul viso.

Saremo disposti a farlo? Questa è la domanda da farsi dopo che Samsung e la divisione Facebook Oculus VR (virtual reality) rilasceranno il primo dispositivo di realtà virtuale del decennio ad un costo accessibile. Il dispositivo Gear VR permetterà di posizionare uno smartphone Samsung davanti agli occhi. Un elevato numero di sensori, software specializzati e lenti ottiche poi vi darà la sensazione di essere trasportati in un mondo a tua scelta generato dal computer.

Le due società hanno corteggiato alcuni dei più grandi nomi nel settore della tecnologia per sviluppare il progetto. Netflix, il servizio di streaming-movie, offrirà un’app che permette agli abbonati di guardare film provenienti da una stanza simulata con uno schermo enorme e un comodo divano. Ovviamente anche l’industria dei videogiochi non starà alla finestra tanto che ci sarà anche uno store con centinaia di app e giochi ad un costo contenuto.

Convincere i clienti a comprare il dispositivo sarà solo metà della battaglia, però. Per avere successo, Samsung e Facebook avranno bisogno di promuovere questa nuova tecnologia motivando i clienti sul perché dovrebbero essere i primi ad adottarla.

Le due aziende cercheranno di farlo con il lancio di una campagna pubblicitaria e la creazione di esperienze dirette in negozi (come nella catena di elettronica Best Buy), dove proporranno dispositivi con brevi video dimostrativi. Serviranno però tante killer app e giochi per avvicinare la maggioranza dei clienti.

L’uscita del dispositivo segna anche l’inizio di quello che sarà un anno dove l’industria della realtà virtuale vedrà nascere diversi dispositivi da parte delle più grandi aziende di settore quali HTC e Sony, orientati all’utilizzo per PC e console per videogiochi.

Si tratta di un grosso passo avanti rispetto a qualche anno fa, quando la realtà virtuale era ancora considerata roba da Hollywood e sci-fi. Film come “Il tagliaerbe” e “The Matrix” hanno raccontato di mondi creati al computer. Nel mondo reale però i primi dispositivi dei primi anni ’90 non sono mai riusciti a trovare il successo commerciale. Ora Facebook e Samsing sembrano davvero intenzionate a volerci riuscire. L’acquisto di Oculus lo scorso anno da parte di Facebook ne è un chiaro segno.

Anche Google si muove verso la realtà virtuale con il suo cartone ultra-low-cost promosso anche dal New York Times.

Nonostante tutto però lo stesso Zuckerberg mantiene basse aspettative per le vendite poichè le nuove tecnologie raramente sviluppano grandi volumi al loro lancio. “Questa è una nuova industria”, ha detto Max Cohen, responsabile della sezione dispositivi mobili a Oculus “E ‘bello che ci sia così tanto entusiasmo e così tante persone coinvolte, ma non aspettatevi che questo business diventi multimiliardario durante la notte.”

Se vuoi approfondire con l’articolo in inglese.

Lascia una risposta