Apple sta avendo un grosso problema con la fabbrica di iPhone del suo fornitore in Cina


Hong Kong
Affari della CNN

violento Rivoluzione operaia presso la più grande fabbrica di iPhone del mondo questa settimana nella Cina centrale, sottolineando le scarse forniture di Apple ed evidenziando come la rigorosa politica no-Covid del paese stia danneggiando le aziende tecnologiche globali.

I disordini sono iniziati il ​​mese scorso quando i lavoratori hanno lasciato il campus della fabbrica a Zhengzhou, la capitale della provincia centrale di Henan, per i timori di Covid. A causa della mancanza di personale, ai lavoratori sono stati offerti bonus per il rientro.

Ma le proteste sono scoppiate questa settimana quando i dipendenti appena assunti hanno affermato che la direzione aveva infranto le promesse. Ai lavoratori, che si sono scontrati con agenti di sicurezza in tute protettive, alla fine sono stati offerti soldi per dimettersi e andarsene.

Gli analisti hanno affermato che i problemi che devono affrontare la società di produzione a contratto taiwanese Foxconn, il più grande fornitore di Apple che possiede la struttura, accelereranno anche la diversificazione dalla Cina verso paesi come l’India.

Daniel Ives, amministratore delegato della ricerca azionaria presso Wedbush Securities, ha dichiarato a CNN Business che l’arresto della produzione in corso nel vasto campus di Foxconn a Zhengzhou, nella Cina centrale, è stato un “albatro” per Apple.

“Ogni settimana di questa chiusura e interruzione che stimiamo stia costando ad Apple quasi 1 miliardo di dollari a settimana in perdite di vendite di iPhone. Ora, circa il 5% delle vendite di iPhone 14 è probabilmente fuori discussione a causa di queste brutali chiusure in Cina.

Ives ha affermato che la domanda di unità iPhone 14 durante il fine settimana del Black Friday è stata molto più alta dell’offerta e potrebbe causare carenze significative questo Natale, aggiungendo che le interruzioni alla Foxconn, iniziate a ottobre, sono state un “grosso colpo” per Apple in questo trimestre.

READ  Finalmente inizia il servizio LIRR per Grand Central

In una nota di venerdì, Ives ha affermato che i controlli dei negozi del Black Friday mostrano una significativa carenza di iPhone su tutta la linea.

“Sulla base della nostra analisi, riteniamo che la carenza di iPhone 14 Pro sia peggiorata nell’ultima settimana poiché l’inventario è molto basso”, ha scritto. “Crediamo che molti Apple Store siano ora a corto di iPhone 14 Pro… fino al 25%-30% in meno rispetto al solito in un tipico dicembre.”

Ming-Chi Kuo, analista di TF International Securities, ha scritto su Twitter Oltre il 10% della capacità produttiva globale di iPhone è stata colpita dalla situazione nel campus di Zhengzhou.

All’inizio di questo mese, Apple ha dichiarato che le spedizioni della sua ultima gamma di iPhone sarebbero state le stesse “temporaneamente colpito” Dalle restrizioni Covid in Cina. Ha affermato che l’impianto di assemblaggio di Zhengzhou, che normalmente ospita circa 200.000 lavoratori, “attualmente opera a capacità notevolmente ridotta”, a causa delle restrizioni Covid.

Il campus di Zhengzhou è alle prese con un focolaio di Covid da metà ottobre che ha causato il panico tra i suoi lavoratori. Sono emersi video di persone che lasciano Zhengzhou a piedi sui social media cinesi all’inizio di novembre, costringendo Foxconn a intensificare le misure per riavere i suoi dipendenti.

Per invogliare i lavoratori, l’azienda ha detto di averlo fatto Quadruplica le tue ricompense giornaliere Per gli operai questo mese. Una settimana fa, i media statali hanno riferito che lo erano 100.000 persone È stato reclutato con successo per riempire i posti vacanti.

Ma martedì notte, centinaia di lavoratori, la maggior parte dei quali nuovi assunti, hanno iniziato a protestare contro i termini dei pacchetti di pagamento offerti loro e le loro condizioni di vita. Le scene sono diventate sempre più violente il giorno successivo quando i lavoratori si sono scontrati con un gran numero di forze di sicurezza.

READ  Hang Seng rimbalza del 2%; L'inflazione in Australia ha raggiunto il massimo da 32 anni

Mercoledì sera, la folla era Si è placato quando i manifestanti sono tornati ai loro dormitori nel campus di Foxconn dopo che la società si è offerta di pagare ai lavoratori appena assunti 10.000 yuan ($ 1.400), o circa due mesi di stipendio, per lasciare il lavoro e lasciare del tutto il sito.

In una dichiarazione inviata alla CNN Business giovedì dopo la fine delle proteste, Apple ha affermato di avere una squadra Sul campo presso la nostra struttura di Zhengzhou, lavorando a stretto contatto con Foxconn per garantire che le preoccupazioni dei dipendenti vengano affrontate.

Anche prima delle dimostrazioni di questa settimana, Apple aveva iniziato a realizzare l’iPhone 14 in India, come voleva diversificare la propria filiera lontano dalla Cina.

L’annuncio di fine settembre ha segnato un importante cambiamento nella sua strategia ed è arrivato in un momento in cui le aziende tecnologiche statunitensi erano alla ricerca di alternative alla Cina, produttore globale da decenni.

Il giornale di Wall Street All’inizio di quest’anno ha riferito che la società stava cercando di aumentare la produzione in paesi come il Vietnam e l’India, citando la rigida politica Covid della Cina come uno dei motivi.

Kuo ha detto su Twitter che crede che Foxconn lo farà Accelerare l’espansione della capacità di produzione di iPhone in India a seguito del blocco di Zhengzhou e delle conseguenti proteste.

Ha previsto che la produzione degli iPhone di Foxconn in India crescerà di almeno il 150% nel 2023 rispetto al 2022 e l’obiettivo a lungo termine sarebbe quello di spedire tra il 40% e il 45% di questi telefoni dall’India, rispetto a meno di 4 .% attualmente. .

READ  Il Dow Jones è caduto prima del discorso di Powell I 7 migliori titoli da comprare e tenere d'occhio

— Chris Isidore ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply