Azioni, aumento della sterlina dopo il taglio delle tasse nel Regno Unito che inietta un po’ di fiducia

  • La Gran Bretagna ha demolito una piccola parte del piano fiscale; mercati alleggeriti
  • La Reserve Bank of Australia sorprende con un leggero rialzo
  • Un VIX più alto indica una maggiore volatilità

LONDRA/SYDNEY (Reuters) – Le azioni globali sono salite per il secondo giorno martedì dopo la decisione della Gran Bretagna di abbandonare parte di un controverso piano di taglio delle tasse e una prospettiva alquanto fiacca per l’azione della banca centrale, che ha ridato fiducia agli investitori.

Il cancelliere dello scacchiere britannico Kwasi Quarting ha annunciato lunedì che il governo rinuncerà all’eliminazione dell’agevolazione fiscale per i lavoratori ad alto reddito che faceva parte di un pacchetto volto a stimolare la crescita.

La misura è solo una piccola parte del taglio fiscale non finanziato di 45 miliardi di sterline che ha portato la sterlina ai minimi storici e causato il caos nel mercato delle obbligazioni auree.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ma questo è stato sufficiente per calmare alcuni recenti nervosismi del mercato e, insieme all’acquisto di obbligazioni di emergenza della Banca d’Inghilterra, la sterlina era sul punto di riconoscere la maggior parte delle perdite subite da quando il mini-budget è stato presentato il 23 settembre.

Ad aumentare il sollievo tra gli investitori, che hanno vissuto uno dei trimestri più volatili della storia recente nei tre mesi fino a settembre, è stata la Reserve Bank of Australia, che ha aumentato i tassi di interesse molto meno del previsto. .

La lettura più debole dell’attività manifatturiera statunitense ha contribuito a raffreddare le aspettative di massicci aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

READ  I futures Dow scendono dopo il rally di mercato guidato da Facebook; I guadagni più alti di Apple, Amazon declino

Tuttavia, alcuni analisti hanno affermato che l’ottimismo potrebbe essere fuori luogo.

“La mia ferma opinione, tuttavia, è che non sarà così. Considerando che, tecnicamente, con un doppio mandato, la Fed è di fatto diventata una banca centrale a emissione unica; il problema è riportare l’inflazione all’obiettivo del 2%”. ha affermato Michael Brown, capo stratega di CaxtonFX.

“A meno che non vediamo alcuni mesi di miglioramento consecutivo dei dati sull’inflazione, è difficile visualizzare qualsiasi tipo di pivot, con altri 75 punti base rimasti nel mio caso base per la decisione del prossimo mese. È difficile comunque essere un rischio lungo sul radar. “

Indice MSCI All-World (.MIWD00000PUS) La giornata è in rialzo dello 0,8%, mentre le azioni in Europa hanno goduto di un buon rimbalzo, con lo Stoxx 600 (.stoxx) FTSE London ha scambiato quasi il 2% in più (.FTSE) Guadagna più dell’1%.

Nel frattempo, la sterlina è salita dello 0,6% rispetto al dollaro per essere scambiata a $ 1,1390. La sterlina è cresciuta di oltre il 10% rispetto al mini budget.

Il dollaro è sceso contro un paniere di valute principali, poiché l’euro e la sterlina hanno compiuto progressi al rialzo ei rendimenti dei Treasury sono scesi alla luce di uno spostamento delle aspettative degli investitori sull’andamento dei tassi di interesse statunitensi.

Lunedì i rendimenti delle obbligazioni statunitensi a 10 anni sono scesi di quasi 20 punti base, dopo aver superato il 4,0% solo la scorsa settimana. L’ultimo è sceso di 7 punti base al 3,5795%.

“Sorprendentemente, questa mossa al ribasso è stata interamente guidata da rendimenti reali più bassi, con un’inflazione più alta nel corso della giornata, il che è ancora una volta un segno che gli investitori stanno cercando una reazione meno violenta da parte della Fed”, ha affermato in una nota giornaliera Jim Reed, stratega di Deutsche Bank .

READ  Elon Musk invia un terzo avviso a Twitter e alla SEC per chiudere l'accordo

Commercio indebolito dalle festività in Cina e Hong Kong, il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifico al di fuori del Giappone (MIAPJ0000PUS.) È aumentato dell’1,7%, guidato dai guadagni in Australia.

Divertiti fino a quando non sarà finita

Dopo settembre, quando le obbligazioni globali hanno subito una delle più grandi vendite allo scoperto degli ultimi decenni e qualsiasi valuta diversa dal dollaro sembrava essere in calo, gli osservatori del mercato hanno affermato che il ritorno improvviso, sostenuto da un migliore sentiment nel mercato britannico, non era insolito, ma probabilmente short -vissuto. .

“Secondo noi, il cambiamento… non avrà un impatto significativo sulla situazione finanziaria generale nel Regno Unito”, ha affermato John Briggs, Head of Economics and Markets Strategy di NatWest Markets.

“(Ma) gli investitori hanno preso questo come un segno che il governo del Regno Unito può ed è almeno in parte disposto a fare marcia indietro rispetto alle sue intenzioni che hanno turbolento i mercati nell’ultima settimana”.

I futures S&P 500 sono aumentati dell’1%, dopo che l’indice è rimbalzato del 2,6% (.SPX) Durante la notte, suggerendo che un secondo giorno di guadagni potrebbe essere imminente a Wall Street in seguito.

Altri indicatori di stress del mercato continuano a lampeggiare in rosso. Indice di volatilità CBOE (.VIX) Ancora alto e più di 30. Azioni (CSGN.S) Lunedì le obbligazioni del Credit Suisse hanno toccato i minimi storici dopo che la preoccupazione per i piani di ristrutturazione della banca ha travolto i mercati, sebbene alcune di queste perdite siano state annullate martedì.

Lo yen giapponese ha toccato 145 per dollaro lunedì – il livello che ha spinto l’intervento ufficiale la scorsa settimana – ed è stato l’ultimo a 144,65, mentre l’euro è salito dello 0,6% a $ 0,9878, tre centesimi sopra i minimi ventennali della scorsa settimana.

READ  I lavoratori di Amazon presso l'hub aeronautico della California hanno lasciato il lavoro

“Una maggiore volatilità è quasi certa poiché i mercati valutari si concentrano nuovamente sui rischi di recessione negli Stati Uniti, che continuano a crescere”, ha affermato Miles Workman, capo economista di ANZ, con i dati sull’occupazione negli Stati Uniti venerdì il prossimo importante punto di dati all’orizzonte.

Durante la notte, il petrolio ha mantenuto i guadagni sulla notizia di potenziali tagli alla produzione e i futures sul greggio Brent sono aumentati di 43 centesimi a $ 89,29 al barile.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di Sam Holmes e David Evans

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply