Biden colpisce le auto elettriche e i pannelli solari cinesi con tariffe più alte

In una conferenza stampa, i funzionari della Casa Bianca hanno negato che la politica interna abbia influenzato la decisione.

Secondo loro, Pechino non ha mostrato alcun segno di voler abbandonare le pratiche che danneggiano gli Stati Uniti, comprese le regole che costringono le aziende occidentali a condividere informazioni con l’obiettivo di rubarle e i sussidi che mettono le aziende nella posizione di produrre prodotti molto al di sopra delle aspettative. richiesta.

“Stanno inondando il mercato”, ha detto Biden. “Non è una competizione, è un imbroglio.”

La Casa Bianca ha affermato che le tariffe erano mirate e non si prevedeva che alimentassero l’inflazione, il che contraddice l’approccio di Trump.

L’ex presidente, che una volta si autodefiniva “l’uomo delle tariffe”, ha condotto una campagna su una proposta di dazi del 10% sulle importazioni estere, che potrebbero salire al 60% sulle merci provenienti dalla Cina.

Ha anche attaccato Biden per aver promosso le auto elettriche, una mossa che secondo lui avrebbe devastato le aziende automobilistiche americane, importanti datori di lavoro in stati come il Michigan che saranno i principali campi di battaglia elettorale di novembre.

Erika York, capo economista della Tax Foundation, ha affermato che entrambi i candidati sono “sulla stessa strada” verso l’innalzamento delle barriere al commercio e verso l’interno “piuttosto che guardare a ciò che possiamo fare sul fronte politico per rendere i nostri settori più competitivi”. “. “.

Ha affermato che la promozione delle tariffe da parte dell’amministrazione come strategia era “un eufemismo per proteggere i settori politicamente importanti per questa amministrazione”.

“Si tratta di calcoli di economia politica e non di ciò che ha più senso dal punto di vista economico o di ciò che è più conveniente per i consumatori negli Stati Uniti”.

READ  Netflix licenzia 300 dipendenti nel secondo round di tagli ai posti di lavoro | Netflix

Gli Stati Uniti impongono già pesanti dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina, il che ha ridotto notevolmente le vendite di tali auto.

Ma Washington monitora con cautela l’aumento delle vendite delle aziende cinesi in Europa e in altri Paesi.

Garantire che nessun singolo paese domini le tecnologie verdi è fondamentale per rendere la transizione efficace e sostenibile a lungo termine, hanno affermato i funzionari della Casa Bianca.

Natasha Ibtihaj di Artemis Investment Management ha affermato che, sebbene le iniziative rivolte ai veicoli elettrici abbiano probabilmente uno scarso impatto pratico, il mondo degli affari è in attesa di vedere se l’Europa adotterà misure simili.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply