Il preside della FAS Hoppi Hoekstra conquista il giro della vittoria dopo la fine pacifica dell’Harvard Yard Camp | notizia

Preside della Facoltà di Lettere e Scienze Hobie E. Hoekstra ha criticato il presidente universitario ad interim Alan M. per la sua gestione del campo filo-palestinese. Garber ha elogiato il ’76 e ha chiesto un “dialogo reale e significativo” nella sua prima dichiarazione pubblica sull’occupazione durata quasi tre settimane. Harvard Yard si è concluso martedì mattina.

L’e-mail di Hoekstra, che sembrava essere scritta tanto per i donatori quanto per gli studenti, ha permesso a Garber di fare un giro di vittoria annunciando che la sua gestione del campo ne aveva permesso la fine “pacificamente e senza l’azione della polizia”. Tale risoluzione “non è nulla di sicuro”.

Come parte dell’accordo per la chiusura del campo, Hoekstra e Garber hanno promesso di incontrare i membri di Harvard Out of Occupied Palestine, il gruppo che ha organizzato il campo, per discutere i loro pensieri su Israele e sulla guerra a Gaza.

Hoekstra ha scritto che voleva avere una conversazione con Garber su “questioni accademiche relative al lungo conflitto in Medio Oriente”.

Come Garber, che lamentava le “tragiche conseguenze della guerra in corso”, Hoekstra non affronta direttamente il conflitto in corso tra Israele e Hamas, ma solo la “crisi umanitaria”.

“Abbiamo iniziato il semestre primaverile con l’impegno al dialogo e al rafforzamento dei legami che ci uniscono come comunità”, ha scritto. “Con questi eventi, tale impegno è diventato ancora più profondo.”

I membri di HOOP hanno indicato in un post su Instagram che annunciava la fine del campo di voler discutere con Hoekstra e Garber la possibilità di creare un centro per gli studi sulla Palestina. La leadership di Harvard non ha dato indicazioni di essere pronta ad andare avanti con le richieste concrete di HOOP.

READ  Biden afferma di aver accettato l'invito della CNN a discutere di Trump il 27 giugno

Nonostante le proteste provenienti dall’aula universitaria dove vivono Hoekstra e altri dirigenti della FAS, Hoekstra non ha commentato pubblicamente la manifestazione di 20 giorni. Ha parlato brevemente del campo alla riunione della FAS della scorsa settimana, anche se è stato raggiunto dal prevosto ad interim John F. Manning ha invitato l’82 a consegnare un rapporto molto importante.

L’e-mail di Hoekstra segue una precedente e-mail di Garber che esponeva i termini che lui e i manifestanti avevano concordato per porre fine all’occupazione del cortile.

L’HOOP ha accettato di terminare il campo martedì mattina presto in cambio del reinserimento degli studenti in congedo involontario e di colloqui con il massimo organo di governo dell’università, la Harvard Corporation, sulla divulgazione e il disinvestimento delle borse di studio.

In altre scuole di Boston – tra cui la Northeastern University, l’Emerson College e il MIT – i campi filo-palestinesi hanno dovuto affrontare la repressione della polizia, che ha portato a più di 200 arresti in tutta la città.

La risoluzione negoziata di Harvard si allinea maggiormente con le risposte della Northwestern University e della Brown University, dove i manifestanti hanno rimosso i loro accampamenti dopo aver raggiunto accordi con gli amministratori dell’università.

Tuttavia, i termini dell’accordo negoziato con il campo erano simili all’offerta iniziale che Garber aveva fatto ai membri HOOP la scorsa settimana. Sebbene rappresenti ancora un compromesso, non è chiaro se l’accordo causerà una reazione negativa da parte di insegnanti e donatori che hanno esortato Garber a non aderire alle richieste dei manifestanti.

Hoekstra ha elogiato lo staff di Harvard, che “ha lavorato 24 ore su 24” durante il campo per rendere “possibile” la risoluzione del problema. Ha riconosciuto in modo specifico il personale che ha lavorato per “garantire la sicurezza e il benessere di tutti nel cortile” e ha ringraziato gli insegnanti per la loro “intuizione, consiglio e supporto”.

READ  Tamar Hamlin di Phils ha subito un infarto sul campo. Bengals: difesa Buffalo in pericolo

“Questi eventi hanno avuto luogo davanti all’University Hall, la sede storica della Facoltà di Lettere e Scienze”, ha scritto. “A nome della FAS, esprimo loro la mia sincera e duratura gratitudine.”

—La scrittrice Tilly R. Robinson può essere contattato all’indirizzo tilly.robinson@thecrimson.com. Seguitela su X @dillirobin.

—Lo scrittore personale Neil H. Shah può essere raggiunto all’indirizzo neil.shah@thecrimson.com. Seguitelo su X @neilhshah15.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply