Virtual Boy: La strana ascesa e la rapida caduta della misteriosa console rossa di Nintendo

Il reporter di Ars Technica AI e storico della tecnologia Benj Edwards è coautore di un libro sul Virtual Boy insieme al Dr. Jose Zagal. In questo estratto esclusivo, Benj e Jose ti riportano a Nintendo all’inizio degli anni ’90, dove l’esclusiva tecnologia di rendering 3D catturò l’immaginazione del leggendario designer Gunpei Yokoi e aprì la strada a un’audace, anche se sfortunata, incursione nel mondo dei videogiochi. gioco stereoscopico.

Vedere rosso: Virtual Boy di Nintendo Lui è Ora disponibile per l’acquisto In formato cartaceo ed e-book.

L’elenco completo dei riferimenti si trova nel libro.

Quasi 30 anni dopo l’uscita di Virtual Boy, non si sa molto pubblicamente su come Nintendo si sia interessata allo sviluppo di quella che sarebbe poi diventata la sua sfortunata console. Nintendo era impegnata nella realtà virtuale come futuro dei videogiochi e cercava soluzioni tecnologiche che avessero un senso dal punto di vista commerciale? Oppure Virtual Boy è stato principalmente il risultato del fatto che Nintendo è andata fuori copione e ha colto un’opportunità unica e forse rischiosa che si è presentata? La risposta è probabilmente un po’ di entrambi.

A quanto pare, il Virtual Boy non è stato un’anomalia nella storia di Nintendo con le console per videogiochi. Piuttosto, era il risultato di una strategia deliberata, coerente con il modo di fare le cose di Nintendo e basata sulla filosofia di design del suo creatore principale, Junpei Yokoi.

Addentrarsi nella realtà virtuale?

Una pubblicità giapponese del 1995 per il Nintendo Virtual Boy.
Ingrandire / Una pubblicità giapponese del 1995 per il Nintendo Virtual Boy.

Nintendo

La fine degli anni ’80 e gli anni ’90 furono un periodo eccezionale per la realtà virtuale e, quando si trattava di suscitare interesse pubblico, il Giappone era senza dubbio in testa alla classifica. Nel maggio 1991, Hattori Katsura Ginko Genjutsukan no Sekai (Il mondo della realtà artificiale) è stato pubblicato. È stato il primo libro sulla realtà virtuale più venduto al pubblico generale, battendo di pochi mesi Virtual Reality di Howard Rheingold. Il Giappone è anche “il luogo in cui la realtà virtuale è stata riconfezionata per la prima volta come tecnologia di consumo” e nel 1991 aveva più sistemi VR che in qualsiasi altra parte del mondo.

READ  Overwatch 2 va offline giovedì sera quando Blizzard avvia le correzioni

Tuttavia, la realtà virtuale non è stata introdotta o percepita allo stesso modo in Giappone come negli Stati Uniti. In primo luogo, mentre la ricerca sulla realtà virtuale negli Stati Uniti è stata in gran parte sviluppata e guidata da interessi militari, in Giappone ha avuto origine nel contesto delle telecomunicazioni. In secondo luogo, almeno a metà degli anni ’90, il focus della ricerca giapponese sulla realtà virtuale era focalizzato sull’ingegneria piuttosto che sull’informatica come negli Stati Uniti. Pertanto, la percezione della realtà virtuale da parte del pubblico giapponese è stata modellata dalla disponibilità aggiuntiva, ad esempio attraverso dimostrazioni pubbliche, di dispositivi ed esperienze di realtà virtuale diversi da quelli offerti altrove. Questi dispositivi ed esperimenti sono stati descritti negli Stati Uniti come “gadget interessanti” e “esperimenti strani”, ma se presi insieme possono fornire punti di vista alternativi al potenziale della realtà virtuale come mezzo.

Stai leggendo un estratto da un libro <em>Vedere rosso: il ragazzo virtuale di Nintendo</em> Di José Zagal e Bing Edwards.” src=”https://cdn.arstechnica.net/wp-content/uploads/2024/05/zagal.edwards.red_.900px-300×300.jpg” width=”300″ Height= ” 300″ srcset=”https://cdn.arstechnica.net/wp-content/uploads/2024/05/zagal.edwards.red_.900px-640×640.jpg 2x”/></a><figcaption class=
Ingrandire / Stai leggendo un estratto da Vedere rosso: Virtual Boy di Nintendo Scritto da José Zagal e Benj Edwards.

Prima del rilascio di Virtual Boy, i designer e gli ingegneri Nintendo hanno espresso almeno un certo interesse per la realtà virtuale. Ad esempio, quando Satoru Iwata rilasciò un’intervista sullo sviluppo del Nintendo 3DS autostereoscopico, Shigeru Miyamoto commentò: “Cominciamo dall’inizio, a quel tempo [just before the creation of the Virtual Boy], Ero interessato alla realtà virtuale ed ero uno dei dipendenti che parlava più volte di come fare qualcosa con gli occhiali 3D. Non gli ho proprio torceto il braccio, ma parlerò con Yokoi-san di come farlo [3D] “Gli occhiali sarebbero interessanti.”

READ  Blocco app ti consente di proteggere e nascondere qualsiasi app sul tuo iPhone

Tuttavia, al di fuori di Nintendo si sa poco se questo interesse abbia portato a esperimenti interni o allo sviluppo di prototipi per sistemi VR. Ci sono alcuni rapporti, la maggior parte dei quali di seconda mano, che indicano che sono state condotte alcune ricerche. Ad esempio, durante la ricerca di un articolo su Virtual Boy per FastCompany, Benj Edwards ha intervistato Takefumi Makino, biografo di Gunpei Yokoi e amico di Yokoi all’epoca della morte di Yokoi nel 1997. Secondo Makino, Nintendo ha sperimentato la realtà virtuale prima di creare Virtual Boy, ma ho trovato l’esperienza insoddisfacente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply