Cosa ci dicono le cinque immagini del telescopio spaziale James Webb

Tsettimana, NASA aprire Per la prima volta, cinque immagini sono state scattate dal telescopio spaziale James Webb. Insieme, queste immagini – dalla nascita delle stelle a uno degli sguardi più profondi nelle grandi distanze dello spazio – offrono alcuni degli scorci più dettagliati degli inizi del nostro universo che abbiamo mai visto.

Ecco cosa mostra ogni foto e perché ci aiuta a capire meglio lo spazio:

SMEX 0723

Le videocamere Webb possono guardare in profondità nello spazio e nel passato. Webb ha la capacità di guardare a una distanza di 13,6 miliardi di anni luce, che sarebbe la più lontana che abbiamo visto nello spazio. Questa immagine dell’ammasso di galassie noto come SMACS 0723 contiene migliaia di galassie, alcune situate a 13,1 miliardi di anni luce di distanza. (Un anno luce è poco meno di 6 trilioni di miglia.) Poiché la luce impiega così tanto tempo per viaggiare così lontano, stiamo vedendo le galassie non come appaiono oggi, ma come apparivano 13,1 miliardi di anni fa. Le galassie blu sono le galassie più mature, contenenti molte stelle e poca polvere. Le galassie più rosse contengono più polvere, da cui si stanno ancora formando le stelle.

Nebulosa Carina

Le stelle, come il resto di noi, nascono, invecchiano e muoiono, e la Nebulosa Carina, situata a 7.600 anni luce dalla Terra, è uno dei più grandi vivai di stelle dell’universo. Le formazioni simili a scogliere sono vasti picchi di polvere e gas, alcuni alti fino a sette anni luce. Il telescopio spaziale Hubble ha già fotografato Karina, ma mai nei dettagli abbaglianti forniti da Webb. Le giovani stelle nascono in questa regione turbolenta, si fondono con il materiale circostante. Quando le stelle si stanno formando, rilasciano enormi quantità di energia che aiutano a dare la forma generale della nebulosa. I punti rossi nell’immagine sono getti di energia che emanano dalle stelle in via di sviluppo.

READ  Il telescopio spaziale Hubble ha colpito una massa sferica

Quintetto di Stefano

Webb scattò la più grande immagine mai scattata del Pentagramma di Stephan, un gruppo di cinque galassie, visto per la prima volta dagli astronomi nel 1877. Il pentagramma è in realtà più di un quadrante, con la galassia più a sinistra in primo piano, a 40 milioni di anni luce di distanza. Terra, mentre gli altri quattro si trovano a 290 milioni di anni luce di distanza. Le quattro galassie impilate interagiscono strettamente, con nubi di polvere e stelle che si spostano gravitazionalmente dall’una all’altra, mescolate al loro materiale. Ammassi di giovani stelle appaiono come scintillii luminosi nell’immagine e sullo sfondo si possono vedere migliaia di galassie lontane.

Nebulosa ad anello meridionale

Una stella morente può essere qualcosa di sorprendentemente bello – e due stelle del genere possono essere ancora più deboli. Webb ha scattato una foto di questa coppia di stelle anziane in orbita l’una intorno all’altra a circa 2.500 anni luce dalla Terra. Quando le stelle entrano nella fine della loro vita, rilasciano gas e polvere che formano le nebulose, o nuvole, che le circondano. Webb ha la capacità non solo di fotografare la Nebulosa dell’Anello Meridionale, ma anche di analizzarne la chimica e capire di più su come le stelle perdono la loro materia mentre muoiono. La stella più luminosa è più piccola dell’altra e non ha ancora rilasciato molto materiale. Mentre le stelle orbitano l’una intorno all’altra, muovono attivamente la nebulosa gassosa, conferendole la sua forma distintiva.

VESPA 96 b

Il grafico scientifico non è così sorprendente come l’immagine cosmica, ma in questo caso il grafico ha una storia da raccontare. Webb studia gli esopianeti – o pianeti in orbita attorno ad altre stelle – in particolare la composizione della loro atmosfera. Mentre il pianeta passa davanti alla sua stella madre, Webb può analizzare la luce stellare che scorre nell’atmosfera, alla ricerca delle impronte chimiche della biologia. In questo diagramma, Webb ha analizzato l’atmosfera di WASP 96 B, un pianeta simile a Giove situato a 1.150 anni luce dalla Terra. Webb non ha trovato la biologia, ma come mostra il grafico, ha trovato molta acqua nelle nuvole del pianeta – e l’acqua è la componente principale della vita come la conosciamo.

scrivere a Jeffrey Kluger dentro jeffrey.kluger@time.com.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply