È morto all’età di 63 anni John Landau, produttore di “Titanic” e “Avatar”.

John Landau, il produttore premio Oscar e collaboratore di lunga data del regista James Cameron che ha contribuito a dare vita a tre dei film di maggior incasso di tutti i tempi, “Titanic” e “Avatar”, è morto venerdì a Los Angeles all’età di 63 anni.

La sua famiglia ha annunciato la sua morte in una dichiarazione rilasciata da Disney Entertainment e la società non ha menzionato la causa della morte.

La collaborazione decennale tra Landau e Cameron ha fatto la storia del botteghino. Il primo film che hanno realizzato insieme, Titanic, è diventato il primo film a incassare più di 1 miliardo di dollari in tutto il mondo dopo la sua uscita nel 1997. Il film successivo che hanno realizzato insieme, l’epopea di fantascienza Avatar (2009), ha battuto il record per le sue entrate totali. , $ 1,84 miliardi.

“Titanic” è stato nominato a 14 Oscar e ne ha vinti 11, compreso quello per il miglior film, premio condiviso da Cameron e Landau.

“Non posso recitare, non posso comporre, non posso realizzare effetti visivi, quindi penso che sia questo il motivo per cui produco”, afferma Lando. Lo ha detto nel suo discorso di accettazione.

John Landau è nato il 23 luglio 1960 a New York City. Il suo primo contatto con il cinema è avvenuto attraverso i suoi genitori, Eli e Eddie Landau, che insieme hanno prodotto ambiziosi film indipendenti per un vasto pubblico, inclusi adattamenti di opere teatrali di Eugene O’Neill, Edward Albee e Bertolt Brecht.

Molti di questi adattamenti sono stati rilasciati tramite un servizio di abbonamento creato da Landus chiamato American Film Theatre, che ha dato al pubblico l’accesso a proiezioni regolari di versioni cinematografiche delle opere teatrali.

READ  Beyoncé svela 'Renaissance', il primo di tre nuovi progetti

Lando ha studiato alla School of Cinematic Arts della University of Southern California a Los Angeles e in seguito ha lavorato come direttore di produzione in film tra cui “Baby, I Shrunk the Kids” (1989) e “Dick Tracy” (1990).

È diventato vicepresidente esecutivo della produzione cinematografica della 20th Century Fox, dove ha supervisionato film tra cui “Mamma ho perso l’aereo” (1990), “Mrs. Doubtfire” (1993) e “Speed” (1994).

Fu durante quel periodo che incontrò Cameron, che stava dirigendo “True Lies” (1994), una commedia d’azione prodotta dalla 20th Century Fox, secondo la dichiarazione. Quando Landau ha deciso di lasciare la compagnia, Cameron gli ha chiesto se voleva leggere la sceneggiatura di un progetto dal nome in codice “Ice Planet”. Questo progetto sarebbe diventato “Titanic” e avrebbe dato inizio ad una partnership che sarebbe durata decenni.

Non ci si aspettava che “Titanic” fosse un grande successo al botteghino. Il film dura più di tre ore e prima della sua uscita c’era un’ampia copertura di notizie critiche che descrivevano in dettaglio il ritardo nella produzione, che è costato 200 milioni di dollari, superando di gran lunga il costo del film. Budget: 110 milioni di dollari.

Dopo l’enorme successo di “Titanic”, il signor Landau ha dichiarato al Los Angeles Times nel 1998 di sentirsi come “il sindaco” durante la produzione.

“Avevo tutti questi dipendenti, inclusi capi di diversi dipartimenti come effetti speciali, oggetti di scena e guardaroba, che avevano bisogno di aiuto e supporto, a volte supporto morale, a volte supporto finanziario”, ha detto Lando.

Quando si è trattato della pressione di dover superare il budget di decine di milioni di dollari, Landau ha affermato che “è stato facile lottare per le cose che chiedevamo perché pensavamo che fossero essenziali per creare la visione iniziale del film”.

READ  La casa sull'oceano di Carmel a Betty White vende per quasi $ 3 milioni

Cameron ha dichiarato al Los Angeles Times che “la maggior parte dei produttori realizza film con un budget limitato, non un film”, ma non è il caso di Landau.

“La cosa più difficile da fare è bilanciare la spesa extra con il guadagno estetico del film: devi attingere alla mente del regista in una certa misura”, afferma Cameron. “Lando ha capito di cosa aveva bisogno un regista”.

Il secondo film realizzato insieme da Landau e Cameron, “Avatar”, ha incassato quasi 3 miliardi di dollari in tutto il mondo ed è stato nominato a nove Oscar. Ha vinto la migliore direzione artistica, la migliore fotografia e i migliori effetti visivi. Un sequel intitolato “Avatar: Waterway” uscirà nel 2022.

Lando è stato anche direttore operativo dello studio di produzione di Cameron, Lightstorm Entertainment, ed è stato la forza trainante dietro la creazione di un’attrazione a Walt Disney World ispirata alla serie di film “Avatar”.

Il signor Lando lascia la moglie, Julie Lando, i loro figli Jimmy e Judy, le sue sorelle Tina Lando e Cathy Lando e suo fratello Liz, si legge nel comunicato della famiglia.

Nel dicembre 2009, poco prima dell’uscita di “Avatar”, Landau ha spiegato alla rivista digitale Salon come giustificava la realizzazione di film così costosi, dicendo che danno agli investitori un ritorno sul loro capitale, creano posti di lavoro e danno al pubblico “qualcosa che non possono fare”. prendilo da qualche altra parte.”

“Quando il pubblico va a vedere il nostro film e noi potremmo aver speso più soldi di chiunque altro, sai una cosa? Il pubblico ottiene di più per i suoi soldi”, ha detto Landau. “Non pagano più soldi per vedere il nostro film di quanto pagano per vedere Paranormal Activity.”

READ  Young & Restless: Ashley e Diane Court Danger, Victor Ganz per Sally

Ha anche detto di aver realizzato film per il pubblico, non per i critici o gli elettori durante le cerimonie di premiazione.

“Vogliamo intrattenere le persone, questo è il nostro obiettivo principale. Se non altro, è fantastico. Ma vogliamo che le persone apprezzino i film, non solo a livello sensoriale ma anche emotivo”, ha affermato Landau.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply