È morto il fratello Marquez, membro della Rap Group 2 Live Crew

È morto il fratello Marquez, rapper e membro del gruppo hip-hop di Miami 2 Live Crew, i cui testi sessualmente espliciti scatenarono dibattiti sulla razza e sulla libertà artistica negli anni ’80 e ’90.

Ed è stata la sua morte Annunciare sugli account dei social media di 2 Live Crew lunedì sera. Le pubblicazioni non spiegavano la causa o il luogo della morte. Le fonti differiscono a seconda che avesse 57 o 58 anni.

I 2 Live Crew si formarono nel 1984 e il fratello Marquez, nato Mark Ross a Rochester, New York, si unì dopo che il gruppo si trasferì dalla California a Miami per sostituire un altro membro defunto. Entrò a far parte della loro formazione più popolare insieme a Christopher Wong Won (Fresh Kid Ice); Il leader del gruppo, Luther Campbell (Luke Skywalker); e David Hobbs (Mr. Mix).

È stato il manager dell’album di debutto del gruppo, “The 2 Live Crew Is What We Are”, e di A.J. Intervista 2022 Ha detto di aver scritto o co-scritto alcune delle canzoni più famose del gruppo.

“Non ero molto a mio agio con tutte le volgarità che stavamo inserendo nella musica”, ha ricordato il signor Ross, in un’intervista del 2022 con Vlad TV, “ma quando vedi la reazione nella comunità e tutti la adorano, sai, in un certo senso vai avanti.

Nel 1990, un tribunale della Florida dichiarò il terzo album della band, “As Nasty as They Wanna Be”, legalmente osceno e quindi illegale da vendere. È stato il primo album nella storia degli Stati Uniti a ricevere questo riconoscimento.

Quell’anno, il signor Ross, il signor Wong Won e il signor Campbell furono accusati di reato osceno per aver eseguito le canzoni dell’album in un nightclub dopo che un agente di polizia sotto copertura aveva registrato la loro esibizione. Rischiavano un anno di prigione e multe fino a 1.000 dollari.

READ  Bobby Lashley ha un'ottima spiegazione del motivo per cui la sua faida con Brock Lesnar non finisce mai.

Durante il processo per accuse di oscenità, i pubblici ministeri hanno affermato che i testi delle loro canzoni includevano descrizioni grafiche di rapporti sessuali e simulazioni di “atti sessuali devianti”. Ma gli avvocati dei 2 Live Crew hanno detto che la performance del gruppo dovrebbe essere compresa nel contesto dell’hip-hop, e che i testi “possono avere valore artistico quando li capisci, quando vengono effettivamente decodificati”.

La giuria alla fine dichiarò i tre uomini non colpevoli e nel 1992 la corte d’appello annullò la sentenza sull’oscenità del loro album.

Il gruppo dovette affrontare un’altra causa legale per la sua canzone del 1989 “Pretty Woman”, che era una versione rap della canzone rock di Roy Orbison “Oh, Pretty Woman”. Acuff-Rose Music, che possiede il copyright della canzone di Mr. Orbison, ha citato in giudizio 2 Live Crew per violazione del copyright. Dopo una battaglia legale durata anni, la Corte Suprema degli Stati Uniti alla fine si è pronunciata a favore di 2 Live Crew, creando un precedente legale creando una zona di sicurezza per la parodia all’interno della legge federale sul copyright.

Riflettendo sull’eredità di 2 Live Crew nel 2021 colloquio Con la rivista Heat Seekers, il signor Ross ha detto: “Posso portarmelo nella tomba, che abbiamo fatto la differenza”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply