Fotografie aeree dimenticate del 1937 rivelano un’anomalia antartica

I ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno utilizzato fotografie aeree scattate nel 1937 per analizzare la stabilità e la crescita del ghiaccio nell’Antartide orientale, rivelando che, nonostante alcuni segni di assottigliamento, il ghiaccio è rimasto sostanzialmente stabile per quasi un secolo, rafforzando le previsioni sull’innalzamento del livello del mare. Fonte immagine: Norwegian Polar Institute di Tromsø

Uno studio che utilizzava fotografie aeree dimenticate di baleniere del 1937 ha mostrato che il ghiaccio nell’Antartide orientale era stabile e addirittura in crescita, nonostante alcuni primi segni di assottigliamento.

Il clima estremo, lo scioglimento dei ghiacciai e l’innalzamento del livello del mare sono tutti indicatori che il clima e i ghiacciai del mondo sono in condizioni critiche. Tuttavia, un nuovo studio condotto dal Dipartimento di Scienze della Terra e Gestione delle Risorse Naturali dell’Università di Copenaghen ha rivelato un’anomalia positiva.

Utilizzando centinaia di vecchie fotografie aeree risalenti al 1937, combinate con la moderna tecnologia informatica, i ricercatori sono stati in grado di monitorare l’evoluzione dei ghiacciai nell’Antartide orientale. Quest’area, che si estende per quasi 2.000 chilometri di costa, contiene tanto ghiaccio quanto l’intera calotta glaciale della Groenlandia. Confrontando le immagini aeree storiche con i moderni dati satellitari, i ricercatori hanno identificato il movimento dei ghiacciai e i cambiamenti nelle dimensioni, rivelando che il ghiaccio non solo è rimasto stabile, ma è anche cresciuto leggermente negli ultimi 85 anni, in parte a causa dell’aumento delle nevicate.

“Sentiamo costantemente parlare di cambiamenti climatici e di nuovi record di scioglimento, quindi è piacevole osservare una regione di ghiacciai che è rimasta stabile per quasi un secolo”, afferma il dottorando Mads Domgaard, primo autore dello studio.

Nave baleniera di fuoco

La nave baleniera Firern, con uno Stinson Reliant a bordo, vicino al Klarius Mikkelsen Fjell nella terra di Lars Christensen, nell’Antartide orientale. Credito dell’Istituto Polare Norvegese

Primi segnali di cambiamento

Nonostante la stabilità generale, la ricerca rivela anche i primi segni di cambiamenti nel ghiaccio marino che circonda i ghiacciai, suggerendo che questi ghiacciai stabili nell’Antartide orientale potrebbero ridursi in futuro.

READ  Cosa accadrebbe se la luna scomparisse?

“I nostri risultati indicano anche condizioni deboli del ghiaccio marino, che rendono le lingue di ghiaccio galleggianti nei ghiacciai più vulnerabili e incapaci di crescere quanto visto nelle prime fotografie aeree del 1937. Sappiamo da altre parti dell’Antartide che l’oceano gioca un ruolo”. Molto importante.” “Lo scioglimento massiccio e crescente che vediamo nell’Antartide occidentale, per esempio”, dice Domgaard.

Velivolo Stinson Reliant Button

Per la fotografia aerea è stato utilizzato un poton Stinson Reliant (nominativo LN-BAR). L’aereo ha un’autonomia di circa 1.200 chilometri e nel pavimento dell’aereo è installata una fotocamera automatica Zeiss. Credito: Istituto Polare Norvegese

Nascosto ai nazisti

La maggior parte delle fotografie utilizzate nello studio furono scattate durante una spedizione del 1937 organizzata e pagata dalla baleniera norvegese Lars Christensen. La missione mirava a produrre le prime mappe di questa parte dell’Antartide orientale, ma le mappe non furono mai pubblicate a causa dell’invasione tedesca della Norvegia. Da allora, le immagini sono state conservate presso il Norwegian Polar Institute di Tromsø e dimenticate.

Quando i ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno letto della spedizione, si sono resi conto che probabilmente negli archivi norvegesi erano nascoste immagini di valore. Si sono recati a Tromsø e hanno esaminato tutte le 2.200 fotografie scattate durante la spedizione. Hanno integrato le fotografie aeree norvegesi con immagini degli stessi ghiacciai provenienti da indagini australiane condotte tra il 1950 e il 1974.

“Confrontando le immagini aeree storiche con i moderni dati satellitari, abbiamo acquisito importanti conoscenze sui ghiacciai che altrimenti non avremmo avuto”, afferma il professore associato Anders Björk dell’Università di Copenaghen, che guida il gruppo che lavora sulle immagini storiche le fotografie antiche possono essere utilizzate per generare nuovi risultati di ricerca quasi 100 anni dopo essere state scattate.”

Confronta il ghiacciaio Honnörbrygga

Il ghiacciaio Honnörbrygga nella baia di Lützow-Holm nel 1937 rispetto a una moderna immagine satellitare Landsat del 2023. La lingua di ghiaccio galleggiante lunga 9 chilometri vista nell’immagine del 1937 è scomparsa alla fine degli anni ’50 e non è più cresciuta a causa dell’indebolimento del ghiaccio marino. Fonte: Mads Domgaard / Norwegian Polar Institute

Possibilità di un rapido innalzamento del livello del mare

La calotta glaciale antartica sta ricevendo crescente attenzione da parte dei ricercatori a causa del potenziale aumento del livello del mare molto rapidamente. A differenza della Groenlandia, si sapeva molto poco sui ghiacciai dell’Antartide fino agli anni ’90, quando furono disponibili le prime buone osservazioni satellitari.

READ  Uno studio suggerisce che il tempo potrebbe essere un miraggio creato dalla fisica quantistica

“Le prime osservazioni dei ghiacciai sono molto preziose perché ci danno una visione unica di come il ghiaccio si evolve attraverso i cambiamenti climatici e se gli attuali cambiamenti nel ghiaccio vanno oltre il ciclo naturale di avanzamento e ritiro dei ghiacciai”, spiega Domgaard.

Ingrid Christensen

Ingrid Christensen, moglie di Lars Christensen, ha partecipato a numerose spedizioni in Antartide ed è considerata la prima donna a mettere piede in Antartide. Qui la si vede su un aereo Stinson del 1937 mentre si prepara a sganciare la bandiera norvegese sulla zona terrestre dell’Antartide orientale. Credito: Istituto Polare Norvegese

Miglioramento dei modelli predittivi

Secondo il ricercatore, dati affidabili a lungo termine sono essenziali per produrre previsioni accurate sui futuri sviluppi dei ghiacciai e sull’innalzamento del livello del mare, e questo studio fornisce nuove informazioni su una vasta regione dell’Antartide orientale.

“Le lunghe serie di ghiacciai migliorano la nostra capacità di creare modelli più accurati dei futuri cambiamenti glaciali, poiché i modelli vengono addestrati su osservazioni storiche”, conclude Björk.

I risultati sono stati recentemente pubblicati in Comunicazioni sulla naturail risultato di uno sforzo di collaborazione che ha coinvolto ricercatori dell’Università di Copenaghen, del Norwegian Polar Institute, dell’Arctic University in Norvegia e dell’Istituto di scienze ambientali della Terra in Francia.

Mappa della storica spedizione in Antartide

Una mappa generale del percorso della missione nel 1936/1937 e delle zone rilevate dai ricercatori. Credito: Mads Domgaard

Maggiori informazioni sullo studio

  • Delle 2.200 fotografie scattate dagli idrovolanti nel 1937, 130 furono selezionate per l’analisi.
  • I ricercatori hanno combinato immagini storiche con moderni dati satellitari per creare ricostruzioni 3D dei ghiacciai.
  • Le fotografie aeree norvegesi sono state integrate da 165 fotografie aeree degli stessi ghiacciai provenienti da rilievi australiani condotti tra il 1950 e il 1974. Ciò ha permesso ai ricercatori di esaminare l’evoluzione dei ghiacciai in periodi diversi e di calcolare le velocità storiche del flusso del ghiaccio per ghiacciai selezionati.
  • Rispetto ai dati recenti, le velocità del flusso del ghiaccio non sono cambiate. Sebbene alcuni ghiacciai si siano ridotti in periodi medi più brevi, compresi tra 10 e 20 anni, sono rimasti stabili o sono cresciuti leggermente nel lungo termine, suggerendo un sistema equilibrato.
READ  Balletto galattico catturato dalla moderna fotocamera a energia oscura

Riferimento: “Le immagini dei primi voli rivelano 85 anni di crescita e stabilizzazione dei ghiacciai nell’Antartide orientale” di Mads Domgaard, Anders Schumaker, Elisabeth Isaacson, Roman Milan, Flora Huiban, Amaury Deheke, Amanda Fleischer, Geir Möhholdt e Jonas K. Andersen e Anders. UN. Björk, 25 maggio 2024, Comunicazioni sulla natura.
doi: 10.1038/s41467-024-48886-x

La ricerca è stata finanziata dalla Fondazione Velum.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply