Gli alleati occidentali non sono d’accordo sugli aerei per l’Ucraina, mentre la Russia rivendica guadagni

  • Biden ha detto “no” quando gli è stato chiesto degli F-16 per l’Ucraina
  • Zelenskyj: Mosca cerca una grande vendetta
  • Il funzionario russo ha rivendicato un punto d’appoggio a Vuhledar
  • Kiev potrebbe riprendere il controllo del territorio all’arrivo delle armi occidentali: un gruppo

Kiev (Reuters) – Il ministro della Difesa ucraino dovrebbe incontrare martedì a Parigi il presidente Emmanuel Macron nel corso di un dibattito tra gli alleati di Kiev sull’opportunità di fornire aerei da combattimento per la sua guerra contro la Russia, dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha escluso di dare all’F-16 un secondo.

Un consigliere del ministro della Difesa Oleksey Reznikov ha detto venerdì che l’Ucraina intende spingere per l’acquisto di caccia occidentali di quarta generazione come l’F-16 dopo essersi assicurata le forniture dei principali carri armati la scorsa settimana.

Alla domanda lunedì alla Casa Bianca se gli Stati Uniti forniranno gli F-16, Biden ha detto ai giornalisti: “No”.

Ma Francia e Polonia sembrano pronte ad aderire a qualsiasi richiesta del genere da parte dell’Ucraina, con Macron che lunedì ha detto ai giornalisti all’Aia che “per definizione, nulla è escluso” quando si tratta di aiuti militari.

Nelle osservazioni trasmesse dalla televisione francese prima che Biden parlasse a Washington, Macron ha sottolineato che qualsiasi passo del genere dipenderà da diversi fattori, tra cui la necessità di evitare l’escalation e le assicurazioni che gli aerei non “toccheranno il territorio russo”. Ha detto che Reznikov incontrerà anche il suo omologo francese, Sebastien Licorne, a Parigi martedì.

Lunedì in Polonia, anche il primo ministro Mateusz Morawiecki non ha escluso la possibilità di fornire F-16 alla vicina Ucraina, rispondendo a una domanda di un giornalista prima del discorso di Biden.

READ  Cosa sappiamo del raid che ha ucciso i lavoratori della World Central Kitchen a Gaza

Morawiecki ha affermato nelle osservazioni pubblicate sul suo sito Web che qualsiasi trasferimento di questo tipo avverrà in “pieno coordinamento” con i paesi della NATO.

Andriy Yermak, capo dello staff del presidente ucraino, ha notato “segnali positivi” dalla Polonia e ha affermato che la Francia “non esclude” una simile mossa in post separati sul suo canale Telegram.

Martedì il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, è stato in Giappone, dove ha ringraziato Tokyo per le “capacità di aerei e merci” che sta fornendo all’Ucraina. Il giorno prima, in Corea del Sud, aveva esortato Seul ad aumentare il suo sostegno militare all’Ucraina.

Il commento di Biden è arrivato poco dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che la Russia ha iniziato a vendicare la resistenza dell’Ucraina alla sua invasione con attacchi implacabili a est, dove sembra stia ottenendo crescenti guadagni.

Zelensky ha avvertito per settimane che Mosca intende intensificare la sua offensiva dopo quasi due mesi di stallo virtuale lungo la linea del fronte che si estende a sud e ad est.

L’Ucraina ha avuto un grande impulso la scorsa settimana quando la Germania e gli Stati Uniti hanno annunciato l’intenzione di introdurre carri armati pesanti, ponendo fine a settimane di stallo diplomatico sulla questione.

Sebbene non vi fosse alcuna indicazione di una nuova e più ampia offensiva russa, le forze russe avevano preso piede a Vohlidar, una città mineraria di carbone le cui rovine un tempo erano una roccaforte ucraina, ha detto il funzionario amministrativo per le parti controllate dai russi della provincia orientale di Donetsk in Ucraina, Denis Pushlin. Dall’inizio della guerra.

READ  Agenzia: Tre soldati uccisi in attacchi aerei israeliani in Siria

Pushlin ha affermato che, nonostante le “pesanti perdite”, le forze ucraine stanno rafforzando le loro posizioni negli impianti industriali.

battaglia per metro

Pushlin ha affermato che le forze ucraine stanno ricevendo rinforzi nelle città di Bakhmut, Marinka e Vohlidar, da nord a sud-ovest di Donetsk. L’agenzia di stampa ufficiale russa TASS lo ha citato dicendo che le forze russe stanno facendo progressi lì, ma “non è chiaro, cioè c’è una battaglia letteralmente per ogni metro”.

L’Ucraina controlla ancora Marinka e Vohlidar, ha affermato l’analista militare ucraino Olli Zhdanov, poiché lunedì gli attacchi russi sono stati meno gravi.

Jan Gagin, consigliere di Pushlin, ha detto che i combattenti della forza mercenaria russa Wagner avevano parzialmente preso il controllo di una rotta di rifornimento che portava alla città di Bakhmut, che era stata al centro dell’attenzione di Mosca per mesi.

Il giorno prima, il capo di Wagner ha detto che i suoi combattenti avevano messo al sicuro il villaggio di Blahodatny, a nord di Bakhmut, sebbene Kyiv avesse detto di aver respinto gli attacchi a Blahodatny.

Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente i rapporti sul campo di battaglia. Ma i luoghi segnalati dei combattimenti indicavano guadagni russi chiari, anche se graduali.

Lo stato maggiore ucraino ha affermato che le forze russe hanno bombardato più di 40 insediamenti nella regione di Zaporizhia, nel centro del paese, e nella regione meridionale di Kherson. Gli obiettivi includevano la città di Kherson, dove ci furono vittime.

I russi hanno anche lanciato quattro attacchi missilistici su Ochakiv, nel sud di Mykolaiv, hanno detto i militari, il giorno in cui Zelensky ha incontrato il primo ministro danese nella città di Mykolaiv, a nord-est.

READ  Macron ignora Schulze a Parigi - Politica

Ritardi occidentali

Zelensky sta esortando l’Occidente ad accelerare la consegna delle armi promesse in modo che l’Ucraina possa passare all’offensiva, ma la maggior parte dei carri armati che i paesi occidentali hanno promesso mancano ancora a mesi dalla consegna.

Il ministro della Difesa britannico Ben Wallace ha affermato che 14 carri armati Challenger donati dalla Gran Bretagna saranno in prima linea intorno ad aprile o maggio, senza fornire un calendario preciso.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che i paesi occidentali che forniscono armi portano “i paesi della NATO a essere sempre più coinvolti nel conflitto, ma non hanno la capacità di cambiare il corso degli eventi e non lo faranno”.

L’Istituto statunitense per lo studio della guerra ha affermato che “l’incapacità dell’Occidente di fornire l’hardware necessario” lo scorso anno è stata la ragione principale per cui l’avanzata di Kiev si è arrestata da novembre.

I ricercatori hanno affermato in un rapporto che l’Ucraina potrebbe ancora reclamare il territorio una volta arrivate le armi promesse.

Martedì il ministero della Difesa bielorusso ha dichiarato che la Russia e la Bielorussia hanno avviato un corso di formazione di una settimana per il personale in preparazione delle esercitazioni congiunte in Russia a settembre.

L’invasione russa dell’Ucraina, che Mosca giustifica come necessaria per proteggersi dalle relazioni del suo vicino con l’Occidente, ha ucciso decine di migliaia e sfollato milioni dalle loro case.

Segnalazione da parte degli uffici Reuters. Scritto da Doina Chiacco e Stephen Coates. Montaggio di Cynthia Osterman e Simon Cameron-Moore

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply