Gli americani continuano a lasciare il lavoro e cambiare lavoro a tassi elevati, poiché le opportunità di lavoro raggiungono nuovi massimi

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

I datori di lavoro statunitensi hanno stabilito un record di 11,5 milioni di posti di lavoro a marzo e circa 4,5 milioni di americani hanno lasciato o cambiato lavoro, in linea con i livelli elevati precedenti, riflettendo la continua forza in un mercato del lavoro in rapida crescita, dove i lavoratori continuano ad avere il controllo.

Nel frattempo, il numero di nuove assunzioni – 6,7 milioni – è rimasto stabile, secondo un rapporto pubblicato martedì dal Bureau of Labor Statistics.

“La domanda di lavoratori rimane controversa”, ha affermato Julia Pollack, capo economista di ZipRecruiter. “Si tratta di una crescita enorme e molto ampia. Anche se abbiamo riguadagnato quasi tutti i posti di lavoro persi durante la pandemia, il mercato del lavoro è ancora più teso”.

Dati solidi sull’occupazione e dimissioni dei lavoratori potrebbero fare la loro parte nelle discussioni sulla riduzione dell’inflazione alla Federal Reserve, che dovrebbe annunciare un altro aumento dei tassi, di mezzo punto percentuale mercoledì. Il presidente della Federal Reserve Jerome H. Powell ha citato un mercato del lavoro “storicamente molto” ristretto come il motivo principale per cui afferma che l’economia può gestire tassi di interesse più elevati senza scivolare in una recessione.

I datori di lavoro statunitensi hanno aggiunto più di 400.000 posti di lavoro al mese per circa un anno, mentre il tasso di disoccupazione del 3,6% è rimasto vicino ai minimi storici. Complessivamente, il numero di offerte di lavoro è cresciuto del 36% a marzo rispetto all’anno precedente. La domanda di lavoratori è aumentata in modo significativo nel commercio al dettaglio (+155.000 posti di lavoro rispetto a febbraio), manifatturiero (+75.000) e finanza e assicurazioni (+51.000).

READ  L'economia giapponese si contrae, influenzata dalla debolezza dello yen e dall'aumento dell'inflazione

Perché l’economia statunitense si è ridotta all’inizio del 2022

Questo insaziabile bisogno di nuovi lavoratori ha costretto i datori di lavoro in tutta l’economia a offrire salari più alti e benefici migliori. I salari sono aumentati del 4,7 per cento l’anno scorso, anche se non hanno tenuto il passo con l’inflazione, che è cresciuta dell’8,5 per cento nello stesso periodo. Gli economisti affermano che si aspettano che gli stipendi dei lavoratori continuino ad aumentare nei prossimi mesi poiché le aziende competono per un pool limitato di lavoratori.

“Queste dimissioni record in tutta l’economia mostrano che i datori di lavoro sono sottoposti a un’enorme pressione”, ha affermato Pollack. “Si renderanno conto molto rapidamente che offrire enormi pacchetti di retribuzione ai nuovi dipendenti non li taglierà più. Dovranno aumentare anche i salari all’ingrosso ai dipendenti esistenti”.

Quattro modi in cui gli americani si sentono gonfi

Secondo la Federal Reserve Bank di Atlanta, i lavoratori che hanno cambiato lavoro hanno visto un aumento del 5,3% dei salari mediani rispetto a un anno fa, rispetto alla crescita del 4% per coloro che sono rimasti al proprio posto di lavoro. Tieni traccia della crescita salariale.

“L’equilibrio di potere nelle negoziazioni salariali si è spostato verso i lavoratori”, ha scritto martedì Mickey Levy, capo economista per le Americhe presso Berenberg Capital Markets, in una nota ai clienti.

Grace Opie, 26 anni, ha lasciato il suo lavoro in una galleria d’arte di New York a marzo. Meno di un mese dopo, ho trovato un lavoro meglio retribuito come assistente in una grande società finanziaria.

“C’erano un milione di posti di lavoro, che era molto diverso da quello che era all’inizio della pandemia, quando era impossibile trovare un lavoro”, ha detto Obi, che ha trascorso la maggior parte degli ultimi due anni disoccupata dopo aver perso il suo lavoro di marketing a Parigi all’inizio 2020. . Ora puoi trovare un lavoro. puoi vivere Non ne sono sicuro, ma almeno puoi trovare un lavoro”.

READ  La Banca centrale europea alza i tassi di interesse e si aspetta grandi aumenti in futuro mentre annuncia un piano per ridurre il bilancio

Oltre a salari più elevati, molti lavoratori affermano che il forte mercato del lavoro li ha incoraggiati a correre rischi che potrebbero non essere stati disposti a prendere in considerazione. Molti danno la priorità a disposizioni più flessibili e all’equilibrio tra lavoro e vita privata.

A Long Beach, in California, Paula Hardy ha recentemente lasciato il suo lavoro di chiropratica in una clinica femminile per avviare la propria pratica mobile. Dopo aver lavorato sei giorni alla settimana per la maggior parte della pandemia, ha detto di sentirsi sopraffatta e sottovalutata.

“Sono passato da sei cifre all’anno a molto meno”, ha detto Hardy, 38 anni, che prende lezioni per diventare un agopuntore. “Ma preferirei fare qualcosa da solo e mangiare ramen noodles, anche se è finanziariamente difficile”.

È stata la seconda volta che Hardy ha cambiato lavoro durante la pandemia. La prima volta, nel dicembre 2020, ha lasciato la sua posizione di chiropratica per gli addetti allo stivaggio al porto di Los Angeles dopo che il suo capo ha insistito per continuare a lavorare anche se aveva l’influenza.

“Questo aumento non significa nulla”: l’inflazione sta uccidendo gli aumenti salariali per la maggior parte degli americani

“Sono rimasta davvero delusa”, ha detto. “Poi mi sono ammalato ed era chiaro che non gli importava. La pandemia mi ha fatto capire che non dovevo sopportarlo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply