Gli Stati Uniti mirano a ostacolare l’industria cinese dei chip con nuove e radicali regole di esportazione

(Reuters) – L’amministrazione Biden ha pubblicato venerdì una serie completa di controlli sulle esportazioni, inclusa una misura per isolare la Cina da alcuni chip semiconduttori realizzati in qualsiasi parte del mondo con strumenti statunitensi, ampliando notevolmente la loro portata nel tentativo di rallentare la tecnologia a Pechino. e il progresso militare.

Le regole, alcune delle quali entrano in vigore immediatamente, si basano sulle restrizioni inviate nelle lettere all’inizio di quest’anno ai principali produttori di utensili KLA Corp. (KLAC.O)Lamm Research Corporation (LRCX.O) E Azienda Di Materiali Applicati (AMAT.O)richiedendo di fatto loro di interrompere le spedizioni di apparecchiature alle fabbriche interamente controllate in Cina che producono chip logici avanzati.

L’insieme di misure potrebbe rappresentare il più grande cambiamento nella politica statunitense nei confronti della tecnologia di spedizione in Cina dagli anni ’90. Se efficace, potrebbe riportare indietro di anni l’industria cinese dei chip, costringendo le società statunitensi e straniere che utilizzano la tecnologia statunitense a tagliare il supporto di alcune delle principali fabbriche cinesi e dei progettisti di chip.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Informando i giornalisti giovedì per rivedere le regole, alti funzionari del governo hanno affermato che molte delle misure hanno cercato di impedire alle società straniere di vendere chip avanzati in Cina o di fornire alle aziende cinesi strumenti per creare i propri chip avanzati. Ma hanno riconosciuto di non aver ancora ricevuto alcuna promessa che le nazioni alleate avrebbero attuato misure simili e che le discussioni con quelle nazioni stavano continuando.

“Ci rendiamo conto che i controlli unilaterali che stiamo applicando perderanno la loro efficacia nel tempo se altri paesi non si uniranno a noi”, ha affermato uno dei funzionari. “E rischiamo di danneggiare la leadership tecnologica statunitense se i concorrenti stranieri non sono soggetti a controlli simili”.

READ  Zuckerberg a Meta cerca "pazienza" poiché i costi spaventano gli investitori

L’espansione delle autorità statunitensi per controllare le esportazioni in Cina di chip di fabbricazione americana si basa sull’espansione della cosiddetta base di prodotti diretti esteri. In precedenza era stato ampliato per conferire al governo degli Stati Uniti l’autorità di controllare le esportazioni di chip prodotti all’estero al gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei Technologies Co Ltd (HWT.UL) e successivamente per arginare il flusso di semiconduttori verso la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

Venerdì, l’amministrazione Biden ha applicato le restrizioni estese alle cinesi IFLYTEK, Dahua Technology e Megvii Technology, società che sono state aggiunte all’elenco delle entità nel 2019 per le accuse di aver aiutato Pechino a sopprimere il gruppo di minoranza uigura.

Le regole pubblicate venerdì vietano anche le spedizioni di un’ampia varietà di chip da utilizzare nei sistemi di supercalcolo cinesi. Le regole definiscono un supercomputer come qualsiasi sistema con più di 100 petaflop di potenza di calcolo in uno spazio di 6.400 piedi quadrati, una definizione che secondo due fonti del settore potrebbe infettare anche alcuni data center commerciali dei giganti della tecnologia cinese.

Il leader democratico del Senato degli Stati Uniti Chuck Schumer ha accolto con favore l’annuncio, affermando che le regole proteggerebbero le innovazioni del nostro paese dalle azioni avide della Cina.

La Semiconductor Industry Association, che rappresenta i produttori di chip, ha affermato che stava studiando i regolamenti e ha esortato gli Stati Uniti a “implementare le regole in modo mirato – e in collaborazione con partner internazionali – per contribuire a livellare il campo di gioco”.

Venerdì scorso, gli Stati Uniti hanno aggiunto il più grande produttore cinese di chip di memoria YMTC e altre 30 entità cinesi a un elenco di società che i funzionari statunitensi non possono controllare, aumentando le tensioni con Pechino e prendendo di mira una società che da tempo infastidisce l’amministrazione Biden. Leggi di più

READ  I mercati dell'Asia Pacifico commerciano meno; I dati commerciali cinesi di agosto hanno deluso le aspettative

La “lista non controllata” è una potenziale introduzione a liste nere economiche più rigorose, ma le aziende che rispettano le regole di ispezione degli Stati Uniti potrebbero essere rimosse dall’elenco. Venerdì, i funzionari statunitensi hanno rimosso nove di queste società, inclusa l’unità cinese Wuxi Biologics, che produce componenti per AstraZeneca Plc. (AZN.L) Vaccino contro il covid19.

Le nuove normative limiteranno inoltre fortemente l’esportazione di apparecchiature statunitensi ai produttori di chip di memoria cinesi e formalizzeranno i messaggi inviati a Nvidia Corp. (NVDA.O) e Advanced Micro Devices Inc (AMD) (AMD.O) Limita le spedizioni in Cina di chip utilizzati nei sistemi di supercalcolo su cui i paesi di tutto il mondo fanno affidamento per sviluppare armi nucleari e altre tecnologie militari.

Reuters è stata la prima a riferire sui dettagli chiave delle nuove restrizioni sui produttori di chip di memoria, incluso un ritardo per le società straniere che operano in Cina e le mosse per espandere le restrizioni sulle spedizioni in Cina di tecnologie da KLA, Lam, Applied Materials, Nvidia e AMD. Leggi di più Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reportage di Stephen Niles a San Francisco e Karen Freefield a New York Reportage aggiuntivo di David Shepardson a Washington Montaggio di Alexandra Alper, Chris Sanders e Matthew Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply