Hubble della NASA trova prove evidenti dell’esistenza di un buco nero di massa intermedia nella stella Omega Centauri

I buchi neri più conosciuti sono molto massicci, come i buchi neri supermassicci situati nei nuclei delle grandi galassie, oppure sono relativamente leggeri, con una massa inferiore a 100 volte la massa del Sole. Tuttavia, i buchi neri di massa intermedia sono rari e sono considerati rari “anelli mancanti” nell’evoluzione dei buchi neri.

Ora, un team internazionale di astronomi ha utilizzato più di 500 immagini del telescopio spaziale Hubble della NASA – che abbracciano due decenni di osservazioni – per cercare prove dell’esistenza di un buco nero di massa intermedia monitorando il movimento di sette stelle in rapido movimento nella regione interna. Dal gruppo stellare globulare Omega Centauri.

Queste stelle forniscono nuove prove convincenti del fatto che esiste una forza gravitazionale proveniente da un buco nero di massa intermedia che le attrae. Finora sono stati trovati solo pochi altri candidati per IMBH.

L’ammasso Omega Centauri è formato da circa 10 milioni di stelle legate insieme gravitazionalmente. La massa dell’ammasso è circa 10 volte la massa di altri grandi ammassi globulari, più o meno la massa di una piccola galassia.

Tra le tante domande a cui gli scienziati vogliono rispondere: esistono buchi neri supermassicci e, se sì, quanto sono comuni? Un buco nero supermassiccio nasce da un buco nero supermassiccio? Come si formano i buchi neri supermassicci? Gli ammassi stellari densi sono il loro habitat preferito?

Gli astronomi sono ormai arrivati ​​a… Ha creato un enorme catalogo dei movimenti di queste stelleUn team di ricercatori ha misurato le velocità di 1,4 milioni di stelle raccolte dalle immagini di Hubble dell’ammasso. La maggior parte di queste osservazioni avevano lo scopo di calibrare gli strumenti di Hubble e non per uso scientifico, ma si sono rivelate un database ideale per gli sforzi di ricerca del team.

READ  La NASA annuncia "progressi significativi" nel salvataggio della Lucy Solar Constellation

“Abbiamo scoperto sette stelle che non dovrebbero essere lì”, ha spiegato Maximilian Haberl dell’Istituto Max Planck di astronomia in Germania, che ha condotto questa indagine. “Si muove così velocemente che potrebbe sfuggire al gruppo e non tornare mai più. La spiegazione più probabile è che un oggetto molto massiccio attragga queste stelle con la forza gravitazionale e le mantenga vicine al centro buco nero, con una massa pari ad almeno 8.200 volte la massa del nostro sole.

Diversi studi hanno suggerito l’esistenza di un buco nero di massa intermedia nella stella Omega Centauri. Tuttavia, altri studi hanno suggerito che la massa potrebbe essere il contributo di un ammasso centrale di buchi neri di massa stellare, e hanno suggerito che la mancanza di stelle in rapido movimento al di sopra della velocità di fuga necessaria rende la possibilità di un buco nero di massa intermedia. inferiore in confronto.

“Questa scoperta è la prova più diretta fino ad oggi dell’esistenza di un buco nero di massa intermedia su Omega”, ha aggiunto la leader del team Nadine Neumayer dell’Istituto Max Planck per l’astronomia in Germania, che ha avviato lo studio, in collaborazione con Anil Seth di dell’Università dello Utah a Salt Lake City. “Questo è interessante perché ci sono solo pochissimi altri buchi neri conosciuti con una massa simile. Il buco nero di Omega Centauri potrebbe essere il miglior esempio di buco nero di massa intermedia nel nostro vicinato cosmico. .”

Se confermato, il candidato buco nero si troverebbe 17.700 anni luce più vicino alla Terra rispetto al buco nero da 4,3 milioni di massa solare al centro della Via Lattea, che è a 26.000 anni luce di distanza.

READ  Costellazioni satellitari come Starlink di Elon Musk potrebbero ridurre lo strato di ozono della Terra, afferma lo studio

Omega Centauri può essere visto dalla Terra ad occhio nudo ed è uno dei corpi celesti preferiti dagli osservatori delle stelle che vivono nell’emisfero australe. Situato appena sopra il piano della Via Lattea, questo ammasso appare delle dimensioni di una luna piena se visto da un’oscura area rurale. Fu elencata per la prima volta nel catalogo di Tolomeo quasi 2.000 anni fa come stella singola. Edmund Halley la menzionò come nebulosa nel 1677. Negli anni ’30 dell’Ottocento, l’astronomo inglese John Herschel fu il primo a riconoscerla come un ammasso globulare.

Il documento di scoperta condotto da Haberl et al Pubblicato in linea Oggi sulla rivista natura.

Il telescopio spaziale Hubble è in funzione da più di tre decenni e continua a fare scoperte rivoluzionarie che modellano la nostra comprensione fondamentale dell’universo. Hubble è un progetto di cooperazione internazionale tra la NASA e l’Agenzia spaziale europea. Il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, gestisce le operazioni del telescopio e della missione. Lockheed Martin Space, con sede a Denver, in Colorado, supporta anche le operazioni di missione a Goddard. Lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, gestito dall’Associazione delle università per la ricerca in astronomia, conduce operazioni scientifiche con Hubble per la NASA.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply