I Kiss vendono il catalogo, il marchio e la proprietà intellettuale della band con un accordo del valore di oltre 300 milioni di dollari

Non è davvero la fine della strada Bacio. Il quartetto rock ha venduto il suo catalogo, il marchio e la proprietà intellettuale al gruppo svedese Pophouse Entertainment Group in un accordo del valore di oltre 300 milioni di dollari, è stato annunciato giovedì.

Questa non è la prima volta che i Kiss collaborano con Pophouse, co-fondata da Björn Ulvaeus degli ABBA. quando l'attuale formazione della band – i fondatori Paul Stanley e Gene Simmons più il chitarrista Tommy Thayer e il batterista Eric Singer – sono saliti sul palco del concerto. L'ultima notte del tour d'addio E a dicembre, al famoso Madison Square Garden di New York, si sono conclusi con la rivelazione Avatar digitali Da se stessi.

Questa tecnologia all'avanguardia è stata creata dalla società di effetti speciali di George Lucas, Industrial Light & Magic, in collaborazione con Pophouse. Le due società hanno recentemente collaborato Mostra “Il viaggio di Abba”. a Londra, dove i fan possono assistere a un intero concerto della band svedese nel loro periodo di massimo splendore, eseguito dai loro avatar digitali.

Il modo in cui verranno utilizzati gli avatar dei Kiss non è stato ancora annunciato, ma il CEO di Pophouse Per Sundin afferma che i fan possono aspettarsi un film biografico, un documentario e un'esperienza dei Kiss all'orizzonte.

Il lancio dello spettacolo avatar è previsto per la seconda metà del 2027, ma non aspettarti che assomigli a “ABBA Voyage”, ha detto Sundin all'AP. I fan possono aspettarsi che venga lanciato in Nord America.

Sundin dice che lo scopo dell'acquisto è Esporre Qibla alle nuove generazioni – che secondo lui distingue Pophouse dagli altri Altre acquisizioni di cataloghi musicali.

READ  Kanye si confronta con Emmett anche in Lynching Rant ad Ari Emanuel

“Le etichette discografiche, le tre grandi rimaste, stanno facendo un ottimo lavoro, ma hanno troppi cataloghi e non riescono a concentrarsi su tutto”, dice. “Stiamo lavorando con Universal (Music Group) e Kiss, anche se deteniamo i diritti sugli artisti, e lo stiamo facendo in collaborazione con Kiss. ​​​​Ma sì, abbiamo acquistato tutti i diritti, e non è qualcosa che ho visto chiaramente prima.

“Non mi piace acquisire parole.” Gene Simmons La band non venderebbe mai il proprio catalogo a un'etichetta che non gli dà valore, dice AP su Zoom, sottolineando che la band non venderebbe mai il suo catalogo a un'etichetta che non gli dà valore.

“La collaborazione è esattamente ciò di cui si tratta. Sarebbe un abbandono del nostro presunto dovere fiduciario – vedi cosa ho appena fatto lì? – proprio per ciò per cui siamo stati creati. “La gente potrebbe fraintendere e pensare, beh, ora Bubhouse è facendo queste cose e siamo a Beverly Hills a girarci i pollici. “No, non è vero. Siamo in trincea con loro. Parliamo tutto il tempo. Condividiamo idee. È una collaborazione. Paul (Stanley) e io in in particolare, con la band, rimarremo impegnati in questo. È il nostro bambino.”

E questo include: niente più tour dal vivo, per davvero. “Non faremo mai più un tour come i Kiss Period,” dice. “Non ci truccheremo e andremo là fuori.”

Kiss è il secondo investimento di Pophouse fuori dalla Svezia: a febbraio Cyndi Lauper ha stretto una partnership con l'azienda che prevede la vendita del prodotto. Quota di maggioranza della sua musica E un nuovo progetto di performance coinvolgente che lei definisce “un pezzo teatrale coinvolgente” che trasporta il pubblico nella New York dove è cresciuta.

READ  Come Vince McMahon della WWE ha ottenuto spietatamente il suo lavoro nonostante le accuse di violenza sessuale e uso improprio dei fondi dell'azienda

L'obiettivo è sviluppare nuovi modi per portare la musica di Lauper ai fan e al pubblico più giovane attraverso nuove esibizioni ed esperienze dal vivo.

“Alla maggior parte dei semi, quando racconti loro un'idea, i loro occhi si illuminano e vogliono solo i tuoi più grandi successi”, ha detto Lauber all'AP presso la sede di Pubhouse a Stoccolma a febbraio. “Ma questi ragazzi sono un'azienda multimediale e non stanno solo cercando di acquistare il mio catalogo, vogliono creare qualcosa di nuovo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply