I Paesi Bassi e il Giappone hanno affermato che si uniranno agli Stati Uniti nel limitare l’accesso della Cina alla tecnologia dei chip

I Paesi Bassi e il Giappone, produttori di alcune delle apparecchiature per la produzione di semiconduttori più avanzate al mondo, hanno concordato venerdì di unirsi agli Stati Uniti nel Fatta eccezione per le spedizioni di alcuni dei loro dispositivi high-tech in Cina, hanno detto persone che hanno familiarità con l’accordo.

L’accordo, che ha fatto seguito a incontri ad alto livello con i funzionari della sicurezza nazionale degli Stati Uniti a Washington, contribuirà a espandere le restrizioni radicali. Rilasciato unilateralmente dall’amministrazione Biden in ottobre sui tipi di tecnologia dei semiconduttori che possono essere condivisi con la Cina.

I paesi non hanno annunciato pubblicamente l’accordo, a causa della sua delicatezza, ei dettagli rimangono poco chiari. Ma l’accordo sembra mettere le industrie tecnologiche dei paesi su una base più equa, impedendo alle aziende in Giappone e nei Paesi Bassi di affrettarsi a rivendicare quote di mercato in Cina a cui le aziende americane hanno rinunciato. Le aziende americane hanno affermato che la prospettiva le metterebbe in una posizione di svantaggio.

La Casa Bianca e il governo olandese hanno rifiutato di commentare. Il governo giapponese non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

A ottobre gli Stati Uniti hanno imposto severe restrizioni alla vendita da parte della Cina di semiconduttori e dei macchinari utilizzati per produrli, sostenendo che Pechino potrebbe utilizzare la tecnologia per scopi militari, come decifrare codici statunitensi o guidare missili ipersonici. Ma molto prima che queste restrizioni venissero emanate, gli Stati Uniti stavano facendo pressioni sui Paesi Bassi e sul Giappone per limitare la tecnologia avanzata che esportavano in Cina.

Le regole di ottobre limitavano anche alcune spedizioni in Cina da paesi al di fuori degli Stati Uniti. Utilizzando un nuovo regolamento chiamato Foreign Direct Product Rule, l’amministrazione Biden ha vietato alle aziende che utilizzano tecnologia, software o input americani di vendere alcuni semiconduttori avanzati alla Cina. Ma queste misure si applicano solo ai chip, non ai macchinari utilizzati per produrli.

READ  Risultati elettorali e dati sull'inflazione in superficie. Tesla raggiunge un nuovo minimo

Invece, la Casa Bianca ha continuato a fare pressioni sugli alleati affinché approvassero restrizioni che limitassero le vendite di apparecchiature per la produzione di semiconduttori da parte di società come l’olandese ASML o la giapponese Tokyo Electron. La Casa Bianca ha sostenuto che la vendita di queste macchine avanzate alla Cina creava il rischio che un giorno Pechino potesse realizzare le proprie versioni di prodotti avanzati che non poteva più acquistare dagli Stati Uniti.

I negoziati, che probabilmente continueranno, hanno dovuto superare le preoccupazioni commerciali e logistiche. Gli olandesi e i giapponesi, come gli americani, temevano che se si fossero ritirati dal mercato cinese, i concorrenti stranieri avrebbero preso il loro posto, ha affermato Emily Benson, membro anziano del Center for Strategic and International Relations, un think tank di Washington. Nel tempo, ha affermato, “questo potrebbe influire sulla loro capacità di mantenere un vantaggio tecnologico rispetto ai concorrenti”.

Il governo olandese ha già vietato la vendita alla Cina di macchine a semiconduttore più avanzate, chiamate sistemi di litografia ultravioletta estrema. Ma gli Stati Uniti hanno incoraggiato gli olandesi a vincolare un sistema leggermente meno avanzato, chiamato litografia ultravioletta profonda. L’accordo raggiunto venerdì include almeno alcune restrizioni su tale attrezzatura, secondo una persona che conosce i suoi termini.

I governi hanno anche dovuto affrontare domande sul fatto di avere l’autorità legale per emettere restrizioni come hanno fatto gli Stati Uniti, nonché ampie discussioni tecniche su quali tecnologie limitare. La signora Benson ha aggiunto che Giappone e Paesi Bassi probabilmente avranno ancora bisogno di tempo per apportare modifiche alle loro leggi e regolamenti per mettere in atto nuove restrizioni, e potrebbero essere necessari mesi o anni prima che le restrizioni nei tre paesi si rispecchino a vicenda.

READ  Wall Street chiude con forti guadagni dopo il rialzo dei tassi della Fed

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply