I presidenti francesi Macron e Le Pen si dirigono alla replica delle elezioni di Cliffhanger il 24 aprile

  • Emmanuel Macron e Marine Le Pen guidano il primo round
  • La data del ballottaggio delle elezioni presidenziali è fissata per il 24 aprile
  • Le linee di battaglia tracciate tra globalizzazione e nazionalismo

PARIGI (Reuters) – Il leader francese Emmanuel Macron e la rivale Marine Le Pen si sono qualificati domenica per quello che ha promesso di candidarsi alle elezioni presidenziali del 24 aprile, tra un liberale economico europeista e un nazionalista di estrema destra.

Con risultati parziali che hanno portato Macron davanti a Le Pen dopo il primo turno di votazioni, gli altri candidati di testa hanno subito la sconfitta. Con l’eccezione di un altro candidato di estrema destra, Eric Zemmour, tutti hanno esortato gli elettori a bloccare l’estrema destra al secondo turno.

Ma dopo cinque anni al potere in cui il suo stile abrasivo ha fatto arrabbiare molti e Le Pen ha offuscato la sua immagine, Macron non potrà contare sul tradizionale fronte elettorale anti-alt-right. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Non è stato deciso nulla, la lotta che condurremo nei prossimi 15 giorni sarà decisiva per la Francia e l’Europa”, ha detto Macron ai suoi sostenitori, esortando tutti gli elettori a radunarsi dietro di lui il 24 aprile per impedire all’estrema destra di governare l’Unione Europea . La seconda economia più grande.

Gli organizzatori del sondaggio Ifop si aspettavano un ballottaggio molto ristretto, con il 51% per Macron e il 49% per Le Pen. Il divario è così stretto che la vittoria in entrambi i casi è all’interno del margine di errore.

READ  La Russia dice che sta ritirando alcune truppe dalle aree vicino all'Ucraina, ma continuano le grandi esercitazioni

Altri sondaggisti hanno offerto un margine leggermente più ampio a favore di Macron, al 54%. Ma questo è stato comunque molto più ristretto rispetto al 2017, quando Macron ha battuto Le Pen con il 66,1% dei voti.

Le Pen, che nelle ultime settimane ha conquistato il vantaggio di Macron nei sondaggi di 10 punti grazie a una campagna incentrata sui problemi del costo della vita, ha affermato di essere stata lei a proteggere i deboli e unire una nazione stanca della sua élite.

Ha detto ai suoi sostenitori, che hanno cantato: “Vinceremo!” Come ha detto loro, “ripristinerò l’ordine in Francia”.

Nel frattempo Macron ha detto ai suoi sostenitori, sventolando le bandiere di Francia e Unione Europea: “L’unico progetto affidabile per aiutare con il potere d’acquisto è il nostro”.

“disastroso”

Con l’88% dei voti contati al primo turno di domenica, Macron aveva il 27,41% dei voti e Le Pen il 24,9%. In tarda serata è previsto un conteggio quasi totale dei voti.

La vittoria di Le Pen il 24 aprile sarebbe scioccante per l’establishment quanto il voto della Gran Bretagna per lasciare l’Unione Europea (UE) o l’ingresso di Donald Trump alla Casa Bianca nel 2017.

La Francia potrebbe passare dall’essere una forza trainante per l’integrazione europea all’essere guidata da un euroscettico che è anche sospettoso dell’alleanza militare della NATO.

Sebbene Le Pen abbia abbandonato le sue precedenti ambizioni di un “Frexit” o di portare la Francia fuori dalla moneta unica dell’eurozona, vede l’Unione Europea semplicemente come un’alleanza di stati sovrani.

La candidata conservatrice Valerie Pecres ha avvertito di “gravi conseguenze” se Macron avesse perso, mentre la parlamentare socialista Anne Hidalgo ha esortato i suoi sostenitori a votare per lui “in modo che la Francia non cada nell’odio”.

READ  Kiev continua a fare pressioni sull'Occidente affinché faccia di più mentre si avvicina la battaglia nell'Ucraina orientale

“Neanche un voto per Le Pen!” E ha aggiunto il candidato di estrema sinistra Jean-Luc Melenchon, che, secondo le stime, è arrivato terzo con circa il 20% dei voti. Alcuni sondaggi hanno indicato che il punteggio di Melenchon è molto vicino a quello di Le Pen una volta contati tutti i voti.

Ma tutti avevano anche parole molto dure per Macron, alcune politiche impopolari nel suo primo mandato e uno stile bugiardo che ha alienato molti elettori.

“Emmanuel Macron ha giocato con il fuoco”, ha detto Pecres ai suoi sostenitori.

“Noto”

Zemmour ha riconosciuto che c’erano differenze con Le Pen, ma ha detto che Macron era l’opzione peggiore.

Appena un mese fa, Macron sembrava sulla buona strada per la rielezione, classificandosi al primo posto nei sondaggi d’opinione grazie alla forte crescita economica, a un’opposizione frammentata e al suo ruolo di statista nel tentativo di evitare la guerra in Ucraina sul fianco orientale dell’Europa.

Ma ha pagato un prezzo per il suo ingresso in ritardo nella campagna durante la quale ha evitato il girovagare per i mercati della provincia francese a favore di una grande marcia fuori Parigi. Anche un piano per far lavorare le persone più a lungo si è rivelato impopolare, consentendo a Le Pen di ridurre il divario.

Le Pen, un esplicito ammiratore del presidente russo Vladimir Putin fino alla sua invasione dell’Ucraina, ha girato città e villaggi in tutta la Francia per diversi mesi. Si è concentrato sui problemi del costo della vita che infastidiscono milioni di persone e fanno arrabbiare i governanti.

“Marine Le Pen sapeva come parlare alle persone dei loro problemi concreti. Nelle prossime due settimane lui (Macron) dovrà prestare maggiore attenzione a ciò che sta accadendo in Francia e prendersi una pausa diplomatica”, ha detto il 23enne Adriano Terry. Il vecchio sostenitore di Macron.

Reporting di McKinney Press, Richard Love, Lily Foraudy, John Irish, Cybele de la Hameidi, Tassilo Hamel, Michelle Rose, Lee Thomas, Heidi Belusif, Gus Trombes a Parigi, Juliette Gabkeiro a La Villettele, Mimosa Spencer a Severus, Michaela Cabrera a Henin Beaumont scrive di Ingrid Melander; Montaggio di Andrew Cawthorne, Mark Porter e Diane Craft

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply