I test passano dalle esplosioni agli atterraggi

Lui gioca

L’astronave Starship di SpaceX, la navicella spaziale più grande e potente mai inviata nello spazio, ha completato giovedì il suo quarto volo di prova, atterrando con successo nell’Oceano Indiano per la prima volta da quando ha iniziato a condurre voli di prova l’anno scorso. I primi tre test del missile si sono conclusi con esplosioni.

Il veicolo senza pilota è classificato come veicolo di lancio super pesante e ha l’obiettivo finale di trasportare gli astronauti avanti e indietro tra la Terra, la Luna e persino Marte.

Il successo del test di giovedì è una buona notizia per la NASA, che ha assegnato a SpaceX un contratto da 2,9 miliardi di dollari nel 2021 per sviluppare il primo lander umano commerciale per la missione Artemis III sulla Luna prevista per il 2026.

Ecco cosa è successo finora in tutti e quattro i test di lancio dell’astronave, illustrando il graduale miglioramento che SpaceX ha apportato dal suo test inaugurale nell’aprile 2023.

6 giugno 2024: la navicella spaziale ha completato il suo primo atterraggio riuscito durante il quarto volo di prova

La navicella spaziale Starship ha condotto il suo test di maggior successo per la quarta volta, decollando dalla base stellare di SpaceX a Boca Chica, in Texas, alle 8:50 ET di giovedì mattina.

Il veicolo ha subito una separazione riuscita dal razzo booster, con il risultato che 32 dei 33 motori si sono accesi correttamente durante il lancio, a circa sette minuti dall’inizio del volo.

READ  Un razzo SpaceX ha lanciato un satellite BlueWalker 3, atterrandone 14

Il booster è tornato con successo sulla Terra ed è caduto nel Golfo del Messico come previsto, e tutti e sei i motori del veicolo spaziale lo hanno alimentato per un inserimento orbitale riuscito.

Gli scudi termici che proteggevano l’esterno del veicolo hanno subito un colpo, con almeno uno che ha lanciato detriti contro una delle telecamere esterne della trasmissione in diretta, ma è riuscito a rientrare con successo nell’atmosfera terrestre.

Dopo circa un’ora e sei minuti di volo, la Starship ha completato il suo primo atterraggio in assoluto e si è tuffata nell’Oceano Indiano tra un applauso estatico.

14 marzo 2024: la navicella spaziale raggiunge lo spazio prima di perdersi nell’atmosfera in un terzo volo di prova

Nel terzo test, la navicella spaziale è riuscita a separarsi dal booster ed entrare in orbita entro pochi minuti dal lancio, poiché ha condotto una serie di test in volo mentre volava nello spazio.

Un video del suo viaggio di ritorno sulla Terra è stato trasmesso utilizzando la rete satellitare Starlink di SpaceX ed è stato in grado di catturare l’inizio del rientro della navicella nell’atmosfera terrestre. Tuttavia, il segnale è andato perso circa un’ora durante la missione prima che SpaceX concludesse che probabilmente il veicolo sarebbe esploso.

Nonostante il fallimento della Starship nell’effettuare un atterraggio pianificato nell’Oceano Indiano, SpaceX ha affermato che il razzo ha comunque raggiunto diversi traguardi chiave, tra cui l’accensione riuscita dei suoi 33 motori Raptor nel booster e l’apertura della porta del carico utile.

Amministratore della NASA Prova lodata Come uno sviluppo ottimista. “Sono rimasto assolutamente sbalordito”, ha affermato Dan Huett, direttore delle comunicazioni di SpaceX, che ha contribuito a ospitare il webcast in diretta. “Siamo più avanti rispetto a prima”.

READ  Lo studio indica che il nucleo interno della Terra potrebbe aver smesso di ruotare e potrebbe invertirsi

18 novembre 2023: la navicella spaziale viaggia ulteriormente durante un secondo volo di prova, ma esplode comunque

Durante il secondo lancio di prova della navicella spaziale, il razzo rimase più a lungo e raggiunse alcuni traguardi, ma alla fine esplose.

Il booster è riuscito a separarsi con successo dal missile che ha raggiunto lo spazio prima che l’equipaggio di terra perdesse il contatto con esso nove minuti dopo. Tre minuti dopo, SpaceX ha perso sia il razzo che la navicella spaziale in due esplosioni.

Invece di vedere questo come una battuta d’arresto, SpaceX ha espresso ottimismo riguardo alla separazione degli stadi, affermando che il resto sarebbe solo dati preziosi per aiutarli ad affrontare qualsiasi cosa sia andata storta.

“Il vero risultato oggi è il successo del lancio”, ha detto il commentatore di SpaceX John Innsbrucker dopo il test di novembre. Come riportato dall’Associated Press. Per la prima volta, tutti i 33 motori booster si sono attivati ​​come previsto e il booster si è separato senza soluzione di continuità dall’astronave quando ha raggiunto un’altitudine di 92 miglia, ha osservato Innsbrucker.

20 aprile 2023: la navicella spaziale esplode pochi minuti dopo il lancio nel suo volo di prova inaugurale

La navicella spaziale ha avuto un inizio difficile quando è esplosa a soli quattro minuti dal suo volo di prova inaugurale, il 20 aprile.

Il veicolo è stato in grado di lanciarsi dalla base stellare di SpaceX, ma i dati di telemetria hanno rivelato che molti dei motori del veicolo spaziale si erano guastati, provocando un’esplosione prima che il booster e il veicolo spaziale potessero separarsi.

SpaceX ha successivamente confermato il sistema di terminazione del volo del razzo È stato attivato Distruggere il veicolo inciampante prima che raggiunga la sua fine infuocata.

Eric Lagata copre le ultime notizie e le tendenze per USA TODAY. Contattatelo a elagatta@gannett.com

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply