Il Canada per migliorare la difesa e la sicurezza informatica nella politica indo-pacifica, concentrarsi sulla Cina “dirompente”.

OTTAWA, 27 nov. (Reuters) – Il Canada ha lanciato domenica la sua tanto attesa strategia indo-pacifica, delineando una spesa di 2,3 miliardi di dollari canadesi (1,7 miliardi di dollari) per rafforzare la sicurezza militare e informatica nella regione e impegnandosi a impegnarsi con la Cina. ” Mentre lavoravo con lei sui cambiamenti climatici e sulle questioni commerciali.

Il piano, dettagliato in un documento di 26 pagine, afferma che il Canada rafforzerà le regole sugli investimenti esteri per proteggere la proprietà intellettuale e impedire alle società statali cinesi di accaparrarsi forniture minerarie critiche.

Il Canada cerca di approfondire i legami con la regione indo-pacifica in rapida crescita, che comprende 40 paesi che rappresentano quasi 50 trilioni di dollari canadesi in attività economica. Ma il focus è sulla Cina, citata più di 50 volte, in un momento in cui i rapporti bilaterali sono gelidi.

Quattro ministri in una conferenza stampa a Vancouver hanno presentato a turno i dettagli del nuovo piano, affermando che la strategia è fondamentale per la sicurezza nazionale e il clima del Canada, nonché per i suoi obiettivi economici.

“Ci impegneremo nella diplomazia perché crediamo che la diplomazia sia la forza, e allo stesso tempo saremo fermi ed è per questo che ora abbiamo un piano molto trasparente per trattare con la Cina”, ha affermato il segretario di Stato Melanie Jolie. .

Il governo liberale del primo ministro Justin Trudeau vuole diversificare le relazioni commerciali ed economiche che dipendono fortemente dagli Stati Uniti. I dati ufficiali di settembre mostrano che il commercio bilaterale con la Cina ha rappresentato meno del 7% del totale, contro il 68% degli Stati Uniti.

READ  Nepal: un video scioccante mostra presumibilmente gli ultimi istanti all'interno della cabina prima di un fatale incidente aereo

L’apertura del Canada agli alleati asiatici arriva anche quando Washington ha mostrato segni di diventare sempre più cauta riguardo al libero scambio negli ultimi anni.

Il documento ha sottolineato il dilemma del Canada nel stringere legami con la Cina, offrendo opportunità significative agli esportatori canadesi, anche se Pechino cerca di modellare l’ordine internazionale in “un ambiente più permissivo verso interessi e valori che si discostano sempre più da noi”.

Sfida cinese

Tuttavia, il documento afferma che la cooperazione con la seconda economia più grande del mondo è necessaria per affrontare alcune delle “pressioni esistenziali nel mondo”, tra cui il cambiamento climatico, la salute globale e la proliferazione nucleare.

“La Cina è una potenza globale sempre più destabilizzante”, afferma la strategia. “Il nostro approccio … è plasmato da una valutazione realistica e chiara della Cina di oggi. Nelle aree di profonda contesa, sfideremo la Cina”.

Le tensioni con la Cina sono aumentate alla fine del 2018 dopo che la polizia canadese ha arrestato un dirigente di Huawei Technologies e Pechino ha successivamente arrestato due canadesi con l’accusa di spionaggio. Tutti e tre sono stati rilasciati lo scorso anno, ma i rapporti rimangono tesi.

Il Canada all’inizio di questo mese ha ordinato a tre società cinesi di cedere i loro investimenti in minerali critici canadesi, citando la sicurezza nazionale.

In una sezione relativa alla Cina, il documento afferma che Ottawa rivedrà e aggiornerà la legislazione che le consente di agire “in modo deciso quando gli investimenti di imprese statali e altre entità straniere minacciano la nostra sicurezza nazionale, anche nelle nostre catene di approvvigionamento di minerali critici”.

READ  Il cancelliere britannico Kwasi Quarting fa marcia indietro sul taglio del 45% dell'aliquota fiscale

“Poiché la regione è così vasta e diversificata, una taglia unica non va certo bene per tutti”, ha affermato in una dichiarazione il presidente della Camera di commercio canadese Perrin Petit, aggiungendo che le priorità del Canada devono essere molto delicate tra e all’interno dei paesi.

Il documento afferma che il Canada rafforzerà la sua presenza navale nella regione e “aumenterà il nostro impegno militare e la capacità di intelligence come mezzo per mitigare comportamenti coercitivi e minacce alla sicurezza regionale”.

Ciò includerà il dispiegamento di tre fregate all’anno nella regione, attualmente di due fregate, nonché la partecipazione di piloti e soldati canadesi alle esercitazioni militari regionali, ha affermato il ministro della Difesa Anita Anand in una conferenza stampa separata.

Il Canada appartiene al Gruppo dei Sette maggiori paesi industrializzati, che vogliono adottare misure importanti per rispondere ai lanci di missili nordcoreani.

Il documento afferma che Ottawa si sta impegnando nella regione con partner come gli Stati Uniti e l’Unione Europea.

Ha detto che il Canada deve continuare a parlare con i paesi con i quali ha differenze fondamentali, ma non li ha nominati.

($ 1 = 1,3377 dollari canadesi)

(Segnalazione di David Leungren). Montaggio di Denny Thomas, Leslie Adler, Daniel Wallis e Mark Porter

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply