Il padre di Novak Djokovic posa con un fan che indossa il simbolo filo-russo “Z” agli Australian Open



Cnn

Campionato australiano aperto Ha detto alla CNN di aver “informato e ricordato” ai giocatori e ai loro accompagnatori la “politica del torneo relativa a bandiere e simboli” giovedì dopo che è emerso un video mercoledì. Novak DjokovicFoto di padre, Srdjan, a una manifestazione con fan che sventolano bandiere russe, esprimendo il suo sostegno alla Russia.

In un video pubblicato su YouTube da un noto fan di Vladimir Putin, il padre del giocatore serbo può essere visto in piedi con un fan fuori dalla Rod Laver Arena di Melbourne. L’uomo indossa un simbolo “Z” sulla maglietta e tiene in mano una bandiera russa con sopra la faccia di Putin. Dice: “Lunga vita alla Russia”.

Il simbolo “Z” è Visto come un segno di sostegno alla Russiacompresa la sua invasione dell’Ucraina. Il simbolo è stato visto su attrezzature e abbigliamento russi in Ucraina.

“I giocatori e le loro squadre sono stati informati e ricordati della politica dell’evento in relazione a bandiere e simboli e per evitare qualsiasi situazione che potrebbe interromperlo”, ha detto giovedì alla Galileus Web un portavoce dell’Australian Open.

“Continuiamo a lavorare a stretto contatto con la sicurezza minorile e le forze dell’ordine”.

Un portavoce dell’Australian Open ha continuato dicendo: “Un piccolo gruppo di persone ha mostrato bandiere e simboli inappropriati e ha minacciato le guardie di sicurezza dopo la partita di mercoledì sera ed è stato evacuato. Un mecenate ora sta assistendo la polizia con questioni non correlate”.

In una dichiarazione di venerdì che ha affrontato le critiche alle sue azioni ma si è fermato prima di offrire scuse, Serjan Djokovic ha detto che era a Melbourne “solo per sostenere mio figlio” e non aveva “alcuna intenzione di causare tali titoli o interruzioni”.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

“Ero fuori con i fan di Novak come faccio dopo tutte le partite di mio figlio per celebrare le sue vittorie e fare foto con loro. Non avevo intenzione di essere coinvolto in questo”, ha detto.

“La mia famiglia ha vissuto l’orrore della guerra e desideriamo solo la pace”.

Ha aggiunto che venerdì guarderà la partita di semifinale di suo figlio contro la superstar americana Tommy Ball da casa sua, “quindi non c’è disturbo… per mio figlio o per un altro giocatore”.

La sua direzione ha detto alla CNN che Novak Djokovic non avrebbe commentato la situazione.

Venerdì scorso, l’ambasciatore ucraino in Australia ha esortato il giocatore a esprimere la sua posizione sulla guerra, dicendo che l’incidente con suo padre è stata una “provocazione” e “getta una luce negativa sullo stesso Novak mentre si prepara per la semifinale”.

“Penso che per dissipare le speculazioni, sia importante fare una dichiarazione molto forte sulla sua posizione su questa guerra, e vorrei vedere le scuse di Novak Djokovic”, ha detto alla Galileus Web l’ambasciatore ucraino Vasyl Mrosnichenko.

“Certo, il figlio non può essere responsabile dei peccati di suo padre, ma potrebbe avere la stessa opinione di suo padre. Penso che il mondo dovrebbe sapere da che parte sta”.

Tennis Australia ha confermato che quattro persone sono state espulse dal torneo mercoledì per aver mostrato immagini a favore della guerra.

Secondo le regole dell’Australian Open Le bandiere russe e bielorusse sono vietate dall’evento.

Tennis Australia ha una politica di “flag neutral” e ha riaffermato la sua politica durante l’invasione russa dell’Ucraina.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply