Il PIL cinese del primo trimestre supera le aspettative, ma la debolezza di marzo aumenta notevolmente i rischi previsti

  • PIL cinese del 1° trimestre +4,8% a/a, i rischi previsti aumentano drasticamente
  • Gli indicatori di attività per marzo stanno già mostrando una maggiore pressione
  • Le vendite al dettaglio sono diminuite del 3,5% a marzo contro il -1,6% del sondaggio
  • Il tasso di disoccupazione nazionale di marzo è il più alto da maggio 2020
  • La produzione industriale e gli investimenti superano le aspettative

PECHINO, 18 aprile (Reuters) – L’economia cinese ha rallentato a marzo a causa del duro colpo di consumi, immobili ed esportazioni, innescando numeri di crescita del primo trimestre più rapidi del previsto ed esacerbando le aspettative già indebolite dalle restrizioni COVID-19 e dalla guerra in Ucraina.

La più grande sfida a breve termine di Pechino sono le nuove rigide regole del coronavirus in un momento di crescenti rischi geopolitici, intensificazione delle pressioni sui costi dell’offerta e delle materie prime, che lasciano le autorità cinesi sul filo del rasoio mentre cercano di stimolare la crescita senza compromettere la stabilità dei prezzi.

I dati del National Bureau of Statistics di lunedì hanno mostrato che il prodotto interno lordo è cresciuto del 4,8% nel primo trimestre dell’anno precedente, superando le aspettative degli analisti per un aumento del 4,4% e dal 4,0% nel quarto trimestre.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Un inizio sorprendentemente forte nei primi due mesi dell’anno ha migliorato i dati principali, con il PIL in aumento dell’1,3% nel periodo gennaio-marzo su base trimestrale, rispetto alle aspettative di un aumento dello 0,6% e di un aumento dell’1,5% rivisto nello stesso periodo periodo. trimestre precedente.

Gli analisti affermano che i dati di aprile saranno probabilmente peggiori, con i continui blocchi nel centro commerciale di Shanghai e altrove, portando alcuni ad avvertire dei crescenti rischi di recessione. Leggi di più

READ  Le vendite di Citigroup hanno colpito i mercati azionari europei con un "rapido crollo"

“Ulteriori impatti dalle chiusure sono imminenti, non solo a causa dei ritardi nella consegna delle necessità quotidiane, ma anche perché aggiungono incertezza ai servizi e alle operazioni di fabbrica che hanno già avuto un impatto sul mercato del lavoro”, ha affermato Iris Pang, presidente della Greater China. The Economist presso ING.

“Potremmo aver bisogno di rivedere ulteriormente le nostre previsioni sul PIL se il sostegno fiscale non arriva in tempo”.

Le azioni cinesi sono crollate, probabilmente in reazione ai numeri di marzo e alle pessime prospettive – l’indice CSI300 delle principali società (.CSI300) È sceso dello 0,6% mentre lo Shanghai Composite Index è sceso (.ssei) diminuito dello 0,5%.

Calo delle vendite al dettaglio, azione sui prezzi

I dati sull’attività di marzo hanno mostrato che le vendite al dettaglio si sono contratte di più anno su anno da aprile 2020 a causa delle restrizioni sulla diffusione del COVID in tutto il paese. È sceso del 3,5%, peggio delle aspettative di un calo dell’1,6% e di un aumento del 6,7% nel periodo gennaio-febbraio.

Il mercato del lavoro sta già mostrando segni di stress a marzo, un mese tipicamente forte per il mercato del lavoro poiché le fabbriche riprendono le assunzioni dopo le vacanze del capodanno lunare. Il tasso di disoccupazione basato su un sondaggio cinese ha raggiunto il 5,8% a marzo, il livello più alto da maggio 2020, mentre il tasso di disoccupazione in 31 grandi città era del 6,0%.

Il settore industriale si è stabilizzato meglio con una produzione in crescita del 5,0% rispetto all’anno precedente, rispetto alle aspettative di un aumento del 4,5%. Questo è ancora in calo rispetto a un aumento del 7,5% nei primi due mesi dell’anno.

READ  Contrazione economica dello 0,1% nel secondo trimestre

Gli investimenti in immobilizzazioni, un motore di crescita su cui Pechino conta per sostenere l’economia, sono aumentati del 9,3% su base annua nel primo trimestre, rispetto a un aumento previsto dell’8,5%, ma in calo rispetto al 12,2% nei primi due mesi.

Gli analisti di Capital Economics e Nomura ritengono che i dati ufficiali sul PIL potrebbero aver sottovalutato il rallentamento nell’ultimo trimestre.

Capital Economics afferma che la crescita del suo indice di produzione di servizi per il primo trimestre non è in linea con l’espansione del settore dei servizi nei dati del PIL, mentre Nomura ha affermato che alcuni dati di marzo, come la produzione industriale, sono difficili da conciliare con molti altri indicatori principali del settore. Attività.

Le vendite di case in valore a marzo sono crollate del 26,2% su base annua, il calo più grande da gennaio e febbraio 2020, secondo i calcoli di Reuters, indicando un rallentamento sempre più profondo del mercato immobiliare.

CURBA COVID-19 “Troppo costoso”

La determinazione del governo di arginare la diffusione di casi record di COVID-19 ha intasato autostrade e porti, bloccato i lavoratori e chiuso innumerevoli fabbriche, interruzioni che si stanno diffondendo attraverso le catene di approvvigionamento globali per beni che vanno dalle auto elettriche agli iPhone.

Il contributo delle esportazioni nette alla crescita del PIL è sceso al 3,7% nel primo trimestre dal 26,4% del quarto, sottolineando la perdita di slancio in uno dei principali motori di crescita.

Fu Linghui, portavoce dell’Ufficio nazionale di statistica, ha riconosciuto le crescenti pressioni economiche al ribasso.

“Accelereremo l’attuazione delle politiche macroeconomiche, faremo del nostro meglio per stabilizzare i fondamentali economici e ci impegneremo a raggiungere gli obiettivi e i compiti dell’anno”, ha detto Fu in una conferenza stampa.

READ  Neuralink risponde alle accuse di trattamento disumano durante gli esperimenti sugli animali

Venerdì scorso, la People’s Bank of China (PBOC) ha annunciato che avrebbe ridotto la quantità di denaro che le banche devono detenere come riserva per la prima volta quest’anno, rilasciando circa 530 miliardi di yuan ($ 83,25 miliardi) di liquidità a lungo termine, anche se la dimensione dei pezzi ha mancato le aspettative. Leggi di più

Gli analisti ora vedono meno spazio per ulteriori tagli dei tassi in Cina, dopo un taglio del tasso da tasso a riserva inferiore al previsto, che secondo loro riflette la preoccupazione della Banca popolare cinese per le pressioni inflazionistiche e l’inasprimento monetario degli Stati Uniti. Leggi di più

“Il governo si trova di fronte a un dilemma: come bilanciare la crescita economica con il contenimento dell’epidemia. Bloccare grandi città come Shanghai è troppo costoso”, ha affermato Zhiwei Zhang, capo economista di Pinpoint Asset Management.

Questi costi diventeranno più evidenti nei prossimi mesi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Copertura) Kevin Yao, Stella Keogh e Elaine Zhang – Montaggio di Shri Navaratnam

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply