La Bank of England amplia il suo intervento sul mercato per evitare le “vendite focose”

Martedì, la Banca d’Inghilterra ha intensificato il suo intervento sul mercato obbligazionario britannico, nella seconda espansione delle sue misure di emergenza in due giorni, avvertendo di un “rischio materiale” per la stabilità finanziaria del Paese dovuto a una perturbazione di una parte del mercato .

Nelle ultime due settimane e mezzo, i mercati finanziari britannici hanno dovuto affrontare turbolenze dopo che gli investitori hanno rifiutato le politiche di taglio delle tasse e della spesa perseguite dal primo ministro Liz Truss e dal suo nuovo governo. Gli economisti hanno ampiamente condannato le politiche per i timori che alimenteranno l’inflazione, che è già vicina ai massimi da 40 anni e richiede ingenti prestiti con l’aumento dei tassi di interesse. Il La sterlina è scesa al minimo storico I prezzi delle obbligazioni sono diminuiti, provocando un’impennata dei rendimenti obbligazionari, lasciando molti britannici di fronte a tassi ipotecari più elevati. Il Fondo monetario internazionale ha dichiarato martedì che le politiche del governo stanno “complicando” la lotta della banca centrale contro l’inflazione.

Forte aumento dei rendimenti obbligazionari, soprattutto per le obbligazioni con scadenze lunghe, Lasciando nel caos la strategia di investimento utilizzata dai fondi pensioneSono stati costretti a vendere obbligazioni per raccogliere denaro in cambio di garanzie. È stato così male La Banca d’Inghilterra si è sentita in dovere di intervenire Offrendosi di acquistare titoli di stato, ha rinviato i suoi piani per vendere le sue partecipazioni di debito al mercato.

In un primo momento, ciò ha contribuito a ridurre i rendimenti obbligazionari. Ma le turbolenze sono tornate poiché i trader si chiedono cosa accadrà quando il processo di acquisto di obbligazioni si concluderà venerdì.

READ  La politica di lavoro a distanza di Tesla fa sì che Amazon provi a rubare dipendenti infelici

La banca centrale ha dichiarato martedì che c’è stato “un altro significativo repricing” dei titoli di Stato, in particolare dei titoli legati all’inflazione.

“La disfunzione di questo mercato e il potenziale per rafforzare le dinamiche di ‘vendita rapida’ rappresentano un rischio materiale per la stabilità finanziaria del Regno Unito”, ha aggiunto. nella situazione attuale.

La banca ha detto che prevede ancora di porre fine all’acquisto di obbligazioni venerdì, ma aggiungerà debito legato all’inflazione alle attività che desidera acquistare – fino a 20 miliardi di sterline – nell’ultima settimana del programma. Martedì ha acquistato poco meno di 2 miliardi di sterline di obbligazioni indicizzate all’inflazione e circa 1,4 miliardi di sterline di titoli di stato convenzionali, noti come titoli di stato.

La decisione arriva solo un giorno dopo gli altri sforzi della banca centrale e del governo per allentare la pressione sui mercati.

Il governo britannico ha dichiarato lunedì che la data per l’annuncio della sua prossima politica fiscale sarà anticipata di circa un mese e che, allo stesso tempo, fornirà una valutazione indipendente tanto attesa sull’impatto delle politiche sull’economia del paese e finanze pubbliche. .

Il segretario al Tesoro Kwasi Quarting ha dichiarato che pubblicherà il suo “Piano fiscale a medio termine” il 31 ottobre, che delineerà come il governo ridurrà i livelli di debito nonostante Grandi piani di spesa e tagli alle tasse che saranno finanziati dai prestiti.

Lo stesso giorno saranno pubblicate le nuove previsioni economico-finanziarie dell’Office of Budget Responsibility, organismo di vigilanza del governo.

Lunedì, la Banca d’Inghilterra ha tentato di affrontare il persistente squilibrio nelle obbligazioni. Ha detto che l’avrebbe fatto ampliare il suo intervento nel mercato obbligazionario aumentando il volume delle aste giornaliere nel programma di acquisto di obbligazioni e creando altre agevolazioni per migliorare la liquidità dei fondi pensione.

READ  Gradi in crash, gli investitori in criptovalute sono terrorizzati

Durante i primi otto giorni di acquisto delle obbligazioni, lunedì la banca ha dichiarato di aver acquistato solo circa 5 miliardi di sterline di titoli di Stato a lungo termine, nonostante abbia fissato un limite di 5 miliardi di sterline al giorno. Prima della fine del programma, aumenterà il volume delle aste e istituirà una nuova struttura di garanzia per cercare di alleviare i problemi di liquidità affrontati dai fondi pensione, che proseguiranno oltre questa settimana.

Nonostante gli interventi, il rendimento dei titoli di Stato a lungo termine ha continuato a salire, salendo al 4,8 per cento martedì, avvicinandosi nuovamente ai massimi registrati durante i peggiori crolli obbligazionari dopo l’ultimo bilancio.

La Pensions and Lifetime Savings Association ha affermato martedì che l’intervento precoce della banca centrale è stato generalmente efficace, ma che “gli ultimi giorni hanno comunque dimostrato che la fiducia del mercato rimane bassa”. Invitando la banca a non terminare il processo di acquisto di obbligazioni troppo presto, ha affermato che molti fondi pensione sentono la necessità di estenderlo almeno fino alla fine del mese.

Martedì la sterlina è stata scambiata appena sopra $ 1,11, tra i dubbi che il piano del governo amplierà l’economia come promesso e che Saranno invece necessari profondi tagli alla spesa pubblica.

Martedì il Fondo monetario internazionale ha ripetuto i suoi avvertimenti sulla politica del governo britannico. Mentre ha abbassato le sue previsioni per la crescita economica globale e ha affermato che l’inflazione sarebbe stata più stabile di quanto previsto in precedenza, ha affermato che anche la Gran Bretagna subirà un “rallentamento significativo”. Sebbene le politiche del governo possano proteggere la crescita in una certa misura, “complicano la lotta contro l’inflazione”, ha affermato l’organizzazione con sede a Washington in una nota.

READ  L'attivista Elliot prende di mira PayPal. Ecco perché.

“Recentemente abbiamo assistito a molte turbolenze nel mercato dorato”, ha affermato Pierre-Olivier Gorenchas, capo economista del Fondo monetario internazionale, in una conferenza stampa, aggiungendo che la politica fiscale dovrebbe essere in linea con gli obiettivi di politica monetaria.

“È come avere un’auto con due persone davanti e ciascuna con un volante che cerca di sterzare l’auto in una direzione diversa”, ha detto Gourinchas. “Questo non funzionerà bene.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply