La Francia emette un mandato d’arresto internazionale per Carlos Ghosn

I pubblici ministeri francesi hanno emesso mandati di cattura internazionali per Carlos Ghosn oltre a quattro persone che affermano di essere legate a un concessionario di automobili in Oman, sostenendo di aver aiutato il gigante automobilistico caduto a trasferire milioni di euro da Renault SASecondo persone che hanno familiarità con la questione.

Porta la tua attività FOX in movimento facendo clic qui

Il giudice inquirente ha emesso cinque mandati d’arresto internazionali per il sig. Ghosn, l’ex presidente di Nissan Motor e Renault, gli attuali proprietari o ex direttori della Omani Suhail Bahwan Automobiles Company, un concessionario di automobili in Oman, e l’ufficio del pubblico ministero in Oman . Lo ha detto al Wall Street Journal il sobborgo parigino di Nanterre. Hanno affermato che il signor Ghosn ha incanalato milioni di dollari di denaro Renault attraverso il distributore di automobili dell’Oman per uso personale, incluso l’acquisto di uno yacht di 120 piedi.

Carlos Ghosn, ex CEO di Nissan Motor Co., posa per una foto a Beirut, in Libano. (Tamara Abdelhadi/Bloomberg via Getty Images/Getty Images)

Il signor Ghosn è sfuggito a un processo per cattiva condotta finanziaria in Giappone in Libano mentre si nascondeva in una scatola di apparecchiature musicali.

Dopo la sua fuga, il signor Ghosn ha inizialmente accolto favorevolmente l’indagine francese, dicendo di credere nel sistema giudiziario francese, permettendogli di provare la sua innocenza. Un portavoce del signor Ghosn ha rifiutato di commentare i mandati di arresto.

READ  La Federal Reserve e l'amministrazione Biden introducono nuove regole di prestito per le regioni a basso reddito

L’ex boss della Nissan Ghosn parla di un caso di cattiva condotta finanziaria tre anni dopo l’inizio della “tragedia”.

L’ultimo mandato d’arresto non cambierà sostanzialmente lo stato personale del signor Ghosn. Dopo essere fuggito dal Giappone, rimane in Libano, dove vive da latitante internazionale in una casa acquistata per lui dalla casa automobilistica giapponese. Il Libano non estrada i suoi cittadini – e il signor Ghosn ha la cittadinanza in Libano, Francia e Brasile.

Carlos Ghosn, ex amministratore delegato della Renault. Fotografia: Benoit Tessier/Reuters

Tuttavia, i mandati d’arresto sono un altro schiaffo legale alla reputazione del signor Ghosn. Si è dipinto come una vittima del sistema giudiziario giapponese, che secondo lui è ingiusto e si presume colpevole. Funzionari giapponesi affermano che avrebbe avuto un processo equo se fosse rimasto in Giappone.

Le persone vicine al signor Ghosn non escludono che un giorno andrà in Francia per affrontare un processo, anche se affermano che la questione è complicata dal fatto che il Libano attualmente detiene i suoi passaporti. Potrebbe anche significare essere lontano da sua moglie per un lungo periodo di tempo. I pubblici ministeri giapponesi hanno emesso un mandato d’arresto per Carole Ghosn in seguito alla fuga del marito.

L’ex CEO di Nissan Ghosn Rips, la casa automobilistica, afferma che MEDIOCRE farà fatica a trovare il suo posto

Persone vicine a Ghosn affermano che non è cittadina francese e potrebbe essere estradata in Giappone se tentasse di lasciare il Libano. Il signor Ghosn non può essere estradato dalla Francia al Giappone. Come regola generale, la Francia non estrada i suoi cittadini e il signor Ghosn possiede la cittadinanza francese.

READ  Il regolatore afferma che l'Himalaya Yogi gestiva la più grande borsa valori dell'India come burattinaio

Uno dei mandati d’arresto francesi ha preso di mira Suhail Bahwan, il miliardario il cui gruppo tentacolare possiede l’agenzia in Oman, secondo persone che hanno familiarità con la questione. Mr. Bahwan ha una serie di rapporti con la Francia, dove possiede immobili. Una delle sue figlie, Hind Bahwan, è presidente dell’Associazione dell’amicizia franco-omanita e nel 2019 è stata insignita della più alta medaglia d’onore francese.

CLICCA QUI PER LEGGERE DI PIÙ SU FOX BUSINESS

Le due fonti hanno affermato che gli altri due memorandum prendevano di mira due dei figli del signor Bahwan, oltre all’ex direttore generale dell’agente dell’Oman. Suhail Bahwan Automobiles vende decine di migliaia di auto Renault e Nissan ogni anno in Medio Oriente.

scrivere a Nick Kostov a Nick.Kostov@wsj.com

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply