La morte della manifestante di 16 anni Nika Chakarami sta alimentando la rabbia in Iran

La morte di una ragazza di 16 anni durante le proteste anti-governative in corso in Iran – e l’apparente tentativo di insabbiamento delle autorità – ha dato un altro grido di battaglia ai manifestanti.

Nika Shakarami è scomparsa a Teheran il 20 settembre dopo essersi bruciata il velo per protestare contro la persecuzione delle forze di sicurezza e della sua famiglia. BBC persiano, citando il racconto di un’amica che era con lei in quel momento. Quindi il governo ha rifiutato di rivelare dove si trovasse, ha rubato il suo corpo per la sepoltura segreta e ha fatto pressioni sui parenti affinché facessero false dichiarazioni su come fosse morta, ha affermato la famiglia.

La sua storia è stranamente simile a quella di Mahsa Amini, la donna curda di 22 anni la cui morte il 16 settembre sotto la custodia della “polizia morale” iraniana ha scatenato le più grandi manifestazioni che l’Iran abbia visto da diversi anni. Le autorità hanno affermato che Amini ha subito un infarto dopo il suo arresto per una presunta violazione del rigido codice di abbigliamento iraniano e ha rilasciato filmati alterati come prova. Ma la sua famiglia crede che sia stata maltrattata, e al suo funerale le persone in lutto hanno gridato “Morte al dittatore” – un riferimento proibito al leader supremo dell’Iran – prima che la polizia la attaccasse.

Le proteste che stanno dilagando nel paese rappresentano ora una formidabile sfida per la leadership religiosa iraniana, riflettendo decenni di rabbia repressa per povertà, repressione, segregazione di genere e violazioni dei diritti umani. I leader iraniani hanno accusato l’Occidente della rivolta popolare e hanno lanciato una violenta repressione, interrompendo l’accesso a Internet e uccidendo almeno 80 persone, secondo i gruppi per i diritti umani. Le autorità hanno anche minacciato le famiglie dei detenuti e dei morti nel tentativo di metterli a tacere.

READ  Non ha incontrato il presidente sudcoreano Nancy Pelosi a causa della sua permanenza

Nonostante il pericolo, la zia di Shakarami, Atash Shakarami, ha pubblicato sui social la notizia della scomparsa della ragazza. Ben presto, la sua storia iniziò a diffondersi online e ad attirare l’attenzione in Iran. Video dei miei ringraziamenti Indossava pantaloni neri larghi e una maglietta nera, i suoi capelli neri come il jet sono stati tagliati corti, mentre cantava una canzone d’amore persiana diffusa.

Per diversi giorni le autorità iraniane non hanno commentato pubblicamente il caso, ma la famiglia ha affermato di aver subito pressioni private affinché tacessero.

La zia di Shakarami ha detto alla BBC Persian che la ragazza ha lasciato la casa il 20 settembre con una bottiglia d’acqua nella borsa, per andare a trovare sua sorella. La famiglia in seguito si è resa conto che avrebbe protestato e potrebbe aver preso dell’acqua per sciacquarsi gli occhi con i gas lacrimogeni.

La zia ha detto di aver perso i contatti con lei intorno alle 19:00 del 20 settembre e che i suoi account Instagram e Telegram sono stati cancellati quella notte. Le forze di sicurezza spesso richiedono che i detenuti diano loro accesso ai loro account sui social media.

La famiglia ha denunciato le persone scomparse e le ha perquisite negli ospedali e nelle stazioni di polizia. Ma non hanno sentito nulla fino a 10 giorni dopo, quando hanno trovato il suo corpo nell’obitorio.

“Quando siamo andati a conoscerla, non ci hanno fatto vedere il suo corpo, solo il suo viso per alcuni secondi”, Atash Shakarami BBC persiano.

Come condizione per il rilascio del corpo, le autorità hanno chiesto alla famiglia di seppellirlo in privato, una tattica comune per evitare che un funerale si trasformasse in una protesta, come nel caso di Amini.

READ  Biden arriva in Corea del Sud con prima tappa a Samsung

La famiglia ha portato il suo corpo domenica nella città natale del padre di Shakrami, nell’Iran occidentale, ma non ha avuto l’opportunità di tenere un funerale. Lo stesso giorno, le autorità hanno recuperato il corpo di Shakarami e lo hanno seppellito in un villaggio a circa 25 miglia di distanza. Hanno anche arrestato sua zia Atash Shekarmi.

Rendendosi conto che non potevano più ignorare il suo caso, le autorità iraniane hanno finalmente commentato la morte di Shakarami martedì, sostenendo che il suo corpo è stato trovato il 21 settembre nel cortile di un edificio dopo che era caduta mortalmente. Le autorità hanno anche affermato di aver arrestato otto lavoratori nell’edificio quando è morta, Secondo Tasnim News. L’agenzia di stampa è vicina al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche, le cui forze di polizia, i Basij, sono state una parte importante della repressione dei manifestanti. Fars News, affiliato alla Guardia Rivoluzionaria Iraniana, Mercoledì ha rilasciato videoclip Che ha detto ha mostrato Shakarami entrare nell’edificio, anche se la persona non è stata identificata.

TV di Stato Le clip sono state trasmesse anche mercoledì Da zia Shakarmi ha confermato il resoconto del governo, dicendo che l’adolescente è caduta dal tetto dell’edificio. Anche suo zio è apparso e ha criticato le proteste. Ma mentre parlava, apparve un’ombra e qualcuno parve sussurrare in farsi: “Dillo, burlone!”

Le confessioni forzate sono state a lungo utilizzate dal governo iraniano, secondo i gruppi per i diritti umani, ha detto giovedì la madre di Shakrami Radio Fardaanche il braccio persiano di Radio Free Europe/Radio Liberty finanziata dagli Stati Uniti, è stato intimidito.

READ  L'ex campione NBA cambia "Come costruisce il mondo" per combattere la crisi climatica

“Hanno ucciso mia figlia”, ha detto, “e ora mi stanno minacciando di una confessione forzata”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply