La visita di Pelosi a Taiwan – Ultime: il funzionario di Biden afferma che Stati Uniti e Cina “non sono sull’orlo della guerra” mentre il presidente della Camera se ne va

Nancy Pelosi invia un messaggio inequivocabile che l’America è con Taiwan

La portavoce della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha lasciato Taiwan a bordo di un aereo dell’aeronautica americana mercoledì sera, concludendo una visita storica ad alto rischio che ha attirato una serie di risposte dalla Cina.

Pechino ha avvertito che coloro che ne abusano saranno “puniti”, mentre i media statali cinesi hanno descritto il viaggio del portavoce come una “sparatoria di guerra”.

La Cina afferma che terrà quasi una settimana di esercitazioni militari che includono esercitazioni a fuoco vivo in sei aree circostanti Taiwan, che l’isola ha soprannominato “l’assedio”. In precedenza, ha imposto restrizioni commerciali su alcuni alimenti e materiali da costruzione.

Nel frattempo, la Russia ha sostenuto l’affermazione della Cina secondo cui il viaggio è stato un tentativo deliberato di Washington di far arrabbiare Pechino, mentre un portavoce del Cremlino ha affermato che la tensione derivante dal viaggio di Pelosi a Taiwan “non dovrebbe essere sottovalutata”.

Pelosi ha ricevuto il più alto riconoscimento civile di Taiwan durante il suo incontro con il presidente taiwanese all’inizio di oggi, dove ha affermato il sostegno degli Stati Uniti alla democrazia sull’isola contesa.

“Non abbandoneremo il nostro impegno per Taiwan e siamo orgogliosi della nostra duratura amicizia”, ​​ha detto Pelosi in una lettera.

1659563858

Voci: Qui a Taiwan, questo è ciò che la gente pensa davvero della visita a Nancy Pelosi

La visita a sorpresa di Nancy Pelosi a Taiwan si è conclusa in meno di 24 ore, ma durante quel periodo la piccola isola democratica è diventata improvvisamente l’argomento più discusso al mondo. Prima dell’arrivo di Pelosi, negli Stati Uniti c’erano preoccupazioni che la visita potesse aggravare le tensioni tra Pechino e Washington. In apparente conferma, il governo cinese si è affrettato a emettere una serie di severi avvertimenti. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha affermato che “rendere gli stessi Stati Uniti il ​​nemico di 1,4 miliardi di cinesi non andrà a buon fine”.

READ  Kabul - La polizia afgana ha detto che un'esplosione ha preso di mira una moschea nella capitale afgana

Ma qui a Taipei, la vita è rimasta relativamente calma e normale. Mentre le discussioni internazionali si sono in gran parte incentrate sui pericoli di un crescente conflitto militare tra due delle più grandi nazioni del mondo, le notizie a Taiwan sono in gran parte incentrate su voci o notizie relative alla politica interna. Per questo qualcuno potrebbe pensare che i taiwanesi siano indifferenti ai potenziali pericoli di una visita di Pelosi – soprattutto visto il tono aspro dei commenti di Pechino – ma la verità è che il popolo taiwanese è semplicemente abituato a questo tipo di retorica. A Taiwan, le minacce militari calcolate dalla Cina si verificano quasi quotidianamente.

Ottieni una prospettiva più locale da Guglielmo YangUn pezzo per la nostra sezione suoni.

1659562627

Taiwan afferma che le esercitazioni a fuoco vivo della Cina equivalgono a un “blocco” in risposta alla visita di Pelosi

Taiwan Ha detto che le esercitazioni militari cinesi nelle acque intorno alla nazione insulare sono state un blocco poiché la Gran Bretagna ha criticato la risposta “ardente” di Pechino alla visita di Nancy Pelosi.

Il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è arrivato martedì a Taipei Nonostante le continue minacce dalla Cina, Ciò ha spinto l’esercito cinese ad annunciare quattro giorni di esercitazioni militari con fuoco di artiglieria nelle acque intorno all’isola.

Il esercizi Secondo l’amministrazione statale, sono comparsi jet da combattimento stealth J-20 e lanciatori di test missilistici convenzionali tempi globali, Potrebbe ritardare o interrompere la spedizione da e verso l’isola.

In risposta alla visita della Sig.ra Pelosi, Cina Ha inoltre vietato l’importazione di agrumi e pesce da Taiwan.

Sravasti Dasgupta Ha i dettagli.

1659560410

Il ministro degli Esteri Anthony Blinken si unisce ai diplomatici del G7 e invita la Cina a mantenere lo “status quo”

Il segretario di Stato Anthony Blinken si è unito ai colleghi diplomatici del G7 nell’invitare la Cina a non usare la forza per interrompere lo “status quo” nello Stretto di Taiwan dopo la visita a Taiwan del presidente della Camera Nancy Pelosi.

“Chiediamo alla Repubblica popolare cinese di non modificare unilateralmente lo status quo con la forza nella regione e di risolvere le divergenze nello Stretto con mezzi pacifici”, ha scritto in un tweet. “Non vi è alcun cambiamento nelle politiche pertinenti di One China, ove applicabile, e nelle posizioni di base su Taiwan dei membri del G7”.

1659558469

Le aziende del sud-est asiatico rispondono ai commenti della Cina dopo la visita di Pelosi

Diversi paesi del sud-est asiatico hanno rilasciato dichiarazioni chiedendo alla Cina di mantenere la pace dopo che il presidente della Camera Nancy Pelosi ha visitato Taiwan martedì e mercoledì.

Se non gestito bene, potrebbe portare a un conflitto aperto e sconvolgere la pace e la stabilità, anche a Taiwan [S]Lo hanno detto i funzionari di Jakarta in una nota. Ha invitato “tutte le parti ad astenersi da azioni provocatorie che potrebbero esacerbare la situazione”.

“Il mondo ha un disperato bisogno della saggezza e delle responsabilità di tutti i leader per garantire che la pace e la stabilità siano mantenute”, hanno affermato i funzionari indonesiani in una dichiarazione.

Anche il governo thailandese ha sollecitato la pace.

“Non desideriamo vedere azioni che aggraverebbero le tensioni e minerebbero la pace e la stabilità nella regione”, ha affermato il portavoce del ministero Tani Sangrat. “Ci auguriamo che tutte le parti coinvolte esercitino la massima moderazione, rispettino il diritto internazionale e i principi del rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale e risolvano le loro divergenze con mezzi pacifici”.

1659556376

I paesi del G7 hanno denunciato la Cina per aver destabilizzato lo stretto di Taiwan durante la visita di Pelosi

Le nazioni del G7 hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui denunciano la Cina per aver “destabilizzato” lo Stretto di Taiwan durante la visita della presidente della Camera Nancy Pelosi a Taiwan.

“Non c’è giustificazione per usare la visita come pretesto per un’aggressiva attività militare nello Stretto di Taiwan”, hanno affermato i ministri degli Esteri del G7 in una nota.

I diplomatici dell’organizzazione hanno affermato di essere “preoccupati per le recenti e dichiarate azioni minacciose da parte della Repubblica popolare cinese, in particolare esercitazioni a fuoco vivo e coercizione economica, che potrebbero portare a un’escalation non necessaria”.

1659553872

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, l’ammiraglio John Kirby, afferma che Stati Uniti e Cina non sono sull'”orlo”

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, l’ammiraglio John Kirby, è apparso mercoledì a Good Morning America e ha affermato che, nonostante i commenti della Cina in risposta alla visita del presidente della Camera Nancy Pelosi a Taiwan, gli Stati Uniti e Pechino non erano “al limite”.

Il signor Kirby ha detto che non “crede che siamo sull’orlo del baratro in questo momento, e non c’è certamente alcun motivo per cui qualcuno parli di essere sull’orlo per andare avanti”.

1659552547

Pelosi lascia Taiwan per la Corea del Sud

La presidente della Camera Nancy Pelosi ha lasciato Taiwan dopo aver trascorso una giornata lì incontrando funzionari. Le forze cinesi hanno continuato a condurre esercitazioni militari durante il periodo della sua partenza come modo per mostrare il loro dispiacere per la sua visita.

La Pelosi si recherà ora in Corea del Sud, dove incontrerà il presidente dell’Assemblea nazionale Kim Jin-pyo, i leader del Partito popolare al potere e del Partito democratico coreano di opposizione.

Il presidente sudcoreano Yoon Seok-yeol non incontrerà la signora Pelosi. È in vacanza programmata, anche se i commentatori hanno ipotizzato che potrebbe cercare di evitare di incontrare il presidente della Camera dei rappresentanti per evitare di far arrabbiare la Cina.

1659550810

L’addetto stampa della Casa Bianca e l’ospite di Fox News discutono sulla disapprovazione di Biden per il viaggio di Pelosi

La segretaria stampa della Casa Bianca Karen Jean-Pierre e Peter Dossey di Fox News hanno litigato mercoledì sul fatto che Joe Biden non avesse appoggiato la visita della presidente della Camera Nancy Pelosi a Taiwan.

Doocy ha chiesto alla signora Jean-Pierre se Biden fosse “preoccupato di ferire i sentimenti di Xi”, riferendosi al presidente cinese Xi Jinping.

La signora Jean-Pierre ha risposto che Biden aveva chiarito che non potevano dire ai membri del Congresso dove andare, il che ha portato il signor Ducey a dire che i leader repubblicani, tra cui il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell e il senatore Lindsey Graham, hanno elogiato Pelosi per il viaggio . .

La signora Jean-Pierre ha rifiutato di dire che Biden ha sostenuto il viaggio.

I repubblicani sono riusciti a mettere Biden in una posizione difficile. Offrendo il loro sostegno ed esprimendo il suo silenzio, fa sembrare il presidente timoroso di far arrabbiare Pechino. Se acconsente al suo viaggio, potrebbe intensificare le già crescenti tensioni tra i due paesi.

1659549733

Casa Bianca: Non c’è motivo per la Cina di trasformare il viaggio di Taiwan in una crisi

Nel rispondere alle domande dei giornalisti durante un briefing, l’addetto stampa della Casa Bianca ha ribadito la posizione dell’amministrazione Biden riguardo al viaggio di Nancy Pelosi a Taiwan questa settimana, osservando che “i membri del Congresso hanno il diritto di viaggiare in qualsiasi luogo scelgano” e ha aggiunto che c’era nessuna ragione per questo. La Cina trasforma la visita del Presidente della Camera dei Rappresentanti in una “crisi”.

“Non c’è motivo per cui Pechino trasformi questa visita, che è in linea con la politica statunitense di lunga data, in una sorta di crisi”, ha detto mercoledì Karen-Jean-Pierre. “Siamo stati molto chiari sul fatto che non vi è alcun cambiamento nella politica della Cina unica, che guida il Taiwan Relations Act del 1979. Ciò non è cambiato”.

L’addetto stampa ha sottolineato che gli Stati Uniti non vogliono una crisi, ma ha indicato che l’amministrazione è pronta a “gestire ciò che Pechino sceglie di fare al riguardo”.

C’è un funzionario cinese che dice che gli Stati Uniti devono pagare per il loro errore. E intendiamo quello che diciamo quando i cinesi minacciano gli Stati Uniti che il presidente li prende sul serio”.

“Non è cambiato nulla quando si tratta delle nostre politiche”.

1659548528

Video: la Cina non ha detto nulla quando sono arrivati ​​gli uomini

Parlando in una conferenza stampa mercoledì a Taiwan, la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha sottolineato che i funzionari cinesi non hanno fatto un “grande clamore” quando i leader statunitensi maschi hanno visitato la nazione insulare autogovernata all’inizio di quest’anno.

Ad aprile, cinque senatori di Taiwan e il portavoce hanno suggerito che la risposta di Pechino è stata attenuata rispetto all’accoglienza suscitata dal suo viaggio senza preavviso.

In seguito ha detto che la Cina probabilmente “ha fatto molto rumore perché sto parlando” prima di dire sarcasticamente “non hanno detto nulla quando sono arrivati ​​gli uomini”, una battuta che è stata accolta con grandi risate.

Guarda la clip completa qui sotto.

Pelosi in visita a Taiwan: la Cina ‘non ha detto nulla quando sono arrivati ​​gli uomini’

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply