Le azioni globali stanno aumentando con l’aumento dei dati sull’inflazione statunitense di Reuters

2/2
© Reuters. Il 25 agosto 2015, il commerciante di valuta stava lavorando nella sala di negoziazione di una banca a Seoul, in Corea del Sud. REUTERS/Kim Hong-Ji

2/2

Di Danilo Masoni e Alon John

Milano/Hong Kong (Reuters) – I titoli europei hanno esteso il rimbalzo mercoledì e forniranno indicazioni su quanto drasticamente la Federal Reserve aumenterà i tassi di interesse al di sotto dei recenti massimi prima dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti.

I mercati azionari asiatici sono saliti al minimo da due anni e i futures di Wall Street hanno già raggiunto il punto di dati tanto atteso, che secondo gli analisti potrebbe spingere le pressioni inflazionistiche nella più grande economia del mondo.

Il titolo globale di riferimento di MSCI è aumentato dello 0,2% alle 0822 GMT, il livello più basso da martedì novembre 2020. L’indice è sceso del 17% finora quest’anno.

L’indice paneuropeo è salito dello 0,7%. I futures sulle azioni statunitensi sono saliti con il Nasdaq e rispettivamente dello 0,8% e dello 0,7%.

Le preoccupazioni per un rallentamento della crescita, esacerbate dai recenti blocchi virali della Cina, hanno ridotto le vendite di titoli di Stato, che hanno visto i rendimenti dei benchmark statunitensi superare il 3% questo mese per la prima volta da dicembre 2018.

“Questo è un mercato non incorporato in cui le persone non sanno dove sta andando (il rendimento). Il lato della crescita si sta muovendo sempre più in termini di preoccupazione per il mercato”, ha affermato Charles DeBell, responsabile del reddito fisso di Mediolanum International Funds.

“Se l’inflazione continua a stampare sempre di più, il mercato continuerà a vendere. All’infinito l’inflazione non può continuare a salire perché gli effetti sottostanti diminuiranno ad un certo punto, ma siamo ancora a quel prezzo?” Ha aggiunto.

READ  Biden e Putin hanno una conversazione di due ore sull'Ucraina

Gli analisti prevedono che l’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti mostrerà un forte calo della crescita mensile, dall’1,2% di marzo allo 0,2% di aprile.

Prevedono un aumento annuo dell’8,1%, 0,4 punti percentuali in meno rispetto al precedente 8,5%, la lettura più calda dal dicembre 1981.

In Asia, le blue chip cinesi sono aumentate dell’1,4% dopo che i funzionari di Shanghai hanno affermato che metà della città aveva raggiunto lo stato di “rilascio zero” e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che stava valutando la possibilità di rimuovere i dazi dell’era Trump sulla Cina.

Tuttavia, i dati cinesi pubblicati mercoledì hanno mostrato che i prezzi al consumo sono aumentati del 2,1% su base annua, più velocemente del previsto e cinque mesi più velocemente, in parte a causa dei prezzi dei generi alimentari.

I Treasury statunitensi si sono ritirati durante le ore di negoziazione europee prima dei dati.

Il rendimento di riferimento a 10 anni di riferimento è sceso di 4,7 punti base a 2,9421%, estendendo il suo massimo di tre anni del 3,203% lunedì.

Il rendimento a due anni degli Stati Uniti, che riflette ampiamente le prospettive della banca centrale, è sceso di 1,4 punti base al 2,592%.

La scommessa sull’aggressiva austerità della Fed ha sostenuto il dollaro quest’anno.

Misurando il biglietto verde contro sei alleati chiave, The è sceso dello 0,3% a 103,65, ben al di sotto del massimo di due decenni di 104,19 raggiunto all’inizio della settimana.

La banca centrale ha alzato i tassi di interesse di 50 punti base la scorsa settimana e il presidente Jerome Powell ha affermato che altri due aumenti di questo tipo sarebbero stati possibili durante i prossimi incontri politici della Federal Reserve statunitense.

READ  A Seattle, in California, si dice che alcune parti degli Stati Uniti abbiano nevicato per assistere a White Christmas.

Nei mercati si ipotizza che la Fed dovrebbe puntare a un aumento di 75 punti in una riunione e che i mercati monetari stiano attualmente scontando aumenti dei tassi aggregati superiori a 190 punti base all’anno.

“Il problema attuale è che la banca centrale è determinata a combattere l’inflazione, quindi il mercato è fiducioso che il mercato sia pronto a tollerare una maggiore volatilità e una certa devastazione della domanda rispetto al passato”.

Il petrolio è aumentato di nuovo dopo un calo di quasi il 10% nelle due sessioni precedenti, attenuato dalle preoccupazioni sull’offerta mentre l’UE ha lavorato per ottenere sostegno per un divieto del petrolio e ha avvertito che i principali produttori potrebbero lottare per colmare il divario con il miglioramento della domanda.

Un barile è salito del 2,6% a $ 105,10 e del 2,5% a $ 102,3

L’oncia è salita costantemente dello 0,7% a $ 1850,2.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply