Rapporti: Hong Kong arresta cardinali cattolici romani e altri

Secondo quanto riferito, un cardinale cattolico romano, un cantante e almeno altri due sono stati arrestati a Hong Kong con l’accusa di collusione con forze straniere per mettere in pericolo la sicurezza nazionale cinese.

Secondo quanto riferito, le autorità di Hong Kong hanno arrestato un cardinale cattolico romano, un cantante e almeno altri due mercoledì perché sospettati di collusione con forze straniere per mettere in pericolo la sicurezza nazionale cinese.

L’organizzazione per i diritti umani con sede nel Regno Unito Hong Kong Watch ha affermato che la polizia di sicurezza nazionale di Hong Kong ha arrestato il cardinale Joseph Zen, la cantante e attrice Denise Ho, l’avvocato Margaret Ng e la ricercatrice Hui Po Kyung.

L’organizzazione ha affermato che gli arresti erano apparentemente legati al loro ruolo di amministratori del 612 Humanitarian Relief Fund, che ha fornito assistenza legale alle persone che hanno preso parte alle proteste pro-democrazia del 2019 che sono state represse dalle forze di sicurezza. Ha aggiunto che il fondo ha chiuso nel 2021.

Decine di attivisti pro-democrazia sono stati arrestati in base alla radicale legge sulla sicurezza nazionale che Pechino ha imposto alla città nel 2020 sulla scia delle manifestazioni. I media indipendenti della città sono stati distrutti e la legislatura è stata riorganizzata per includerla tra i lealisti di Pechino.

Zin, un arcivescovo di Hong Kong in pensione, è un accanito critico nei confronti della Cina ed è stato aspro nella sua condanna dell’accordo del 2018 del Vaticano con Pechino sulle nomine dei vescovi, che secondo lui era una svendita per i cripto-cristiani in Cina.

READ  L'Ucraina afferma che almeno 52 persone sono state uccise in un attacco missilistico russo alla stazione ferroviaria di Kramatorsk

Il Vaticano non ha risposto immediatamente quando gli è stato chiesto di commentare la notizia del suo arresto.

Anche lei è stata schietta nella sua difesa dei diritti civili e politici. Il suo manager, Gilly Cheng, ha confermato l’arresto di Ho, ma ha detto che non aveva ulteriori informazioni.

Hong Kong Watch ha detto che Hui è stato arrestato all’aeroporto internazionale di Hong Kong mentre cercava di lasciare la città.

“Gli arresti di oggi indicano al di là di ogni dubbio che Pechino intende intensificare la repressione dei diritti e delle libertà fondamentali a Hong Kong”, ha affermato l’amministratore delegato del gruppo, Benedict Rogers.

“Esortiamo la comunità internazionale a far luce su questa brutale campagna e chiediamo l’immediato rilascio di questi attivisti”, ha affermato Rogers.

Molti importanti attivisti di Hong Kong sono fuggiti a Taiwan, in Gran Bretagna o altrove, mentre migliaia di altri residenti di Hong Kong hanno scelto di lasciare la città, sollevando preoccupazioni per il futuro economico del centro finanziario asiatico di 7,4 milioni di persone.

Gli arresti seguono la selezione di domenica del nuovo leader di Hong Kong, John Lee, un ex capo della sicurezza intransigente che ha corso incontrastato in un processo controllato da Pechino.

L’Unione Europea e i ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette Paesi industrializzati – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – hanno condannato le elezioni come fondamentalmente antidemocratiche e un tradimento di “un paese, due sistemi ” principio in base al quale Hong Kong avrebbe dovuto mantenere il suo sistema politico, legale ed economico per 50 anni. Dopo la fine del dominio coloniale britannico.

READ  Gli Stati Uniti sono sollevati dal fatto che la Cina sembri prestare attenzione agli avvertimenti sulla Russia

Il governo e la polizia di Hong Kong non hanno rilasciato commenti immediati sugli arresti segnalati.

Maya Wang, ricercatrice senior presso Human Rights Watch in Cina, ha affermato di aver appreso che anche una quinta persona, l’ex legislatore Sid Ho Sao-lan, era stata arrestata.

In una dichiarazione, Wang ha affermato che l’arresto di Zain per le sue attività pacifiche “deve essere un nuovo minimo scioccante per Hong Kong, illustrando il libero declino dei diritti umani nella città negli ultimi due anni”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply