Le azioni statunitensi si stabilizzano vicino a livelli record con Powell che sostiene le speranze di abbassare i tassi di interesse

Giovedì gli investitori digeriranno uno dei dati più importanti che determineranno la futura politica dei tassi di interesse della Federal Reserve: l’indice dei prezzi al consumo di giugno.

Si prevede che il rapporto sull’inflazione, previsto alle 8:30 EST, mostrerà un tasso di inflazione principale del 3,1%, in rallentamento rispetto all’aumento del 3,3% di maggio. Si tratterebbe dell’aumento annuale più piccolo da gennaio, con un altro calo dei prezzi dell’energia che probabilmente contribuirà ad un’ulteriore pressione al ribasso sull’IPC principale.

Nel corso del mese precedente, i prezzi al consumo dovrebbero aumentare dello 0,1%, in leggero aumento rispetto al dato mensile piatto di maggio.

Nel frattempo, su base “core”, che esclude i costi più volatili di cibo e gas, i prezzi a giugno dovrebbero aumentare del 3,4% rispetto a un anno fa e dello 0,2% rispetto al mese precedente, invariati rispetto a maggio, secondo i dati di Bloomberg .

“Ci aspettiamo che il rapporto sull’IPC di giugno serva da ulteriore generatore di fiducia dopo il rapporto indubbiamente buono di maggio”, hanno scritto in una nota la scorsa settimana gli economisti della Bank of America Stephen Juneau e Michael Gapen.

Gli economisti hanno affermato che i numeri attesi “non sono così bassi come quelli di maggio, ma sarebbero un buon numero per la Fed”.

I dati sull’inflazione di giovedì arrivano in un momento critico per la banca centrale dopo che il rallentamento della crescita del mercato del lavoro, insieme alla recente testimonianza del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, hanno mantenuto vive le speranze di un taglio dei tassi di interesse.

Powell, che mercoledì concluderà il suo aggiornamento semestrale sulla politica al Congresso, è rimasto in gran parte fedele alla sua narrazione basata sui dati: un segnale positivo visti i recenti dati positivi. Martedì ha dichiarato al Comitato bancario del Senato che, sebbene vi siano prove di un calo dell’inflazione, la Fed ha ancora bisogno di più “dati validi” per essere sicura che l’inflazione si stia muovendo verso il suo obiettivo del 2%.

READ  Starbucks chiude il caffè di New York in quella che l'unione chiama vendetta: Report

L’inflazione core è rimasta ostinatamente elevata a causa dell’aumento dei costi degli alloggi e dei servizi di base come assicurazioni e assistenza medica. A maggio, “i servizi non residenziali sono diminuiti bruscamente, in parte a causa di un leggero calo delle assicurazioni automobilistiche”, hanno osservato Juno e Jabin della Bank of America.

Ma gli economisti si aspettano che i tassi dei servizi pubblici (e l’assicurazione dei veicoli a motore) aumentino a giugno, indicando una strada “accidentata” da percorrere quando si tratta di stabilità dei prezzi.

“Si prevede che l’inflazione dei servizi non residenziali rallenterà nel tempo, dato il rallentamento dell’inflazione dei salari dei servizi; tuttavia, è improbabile che assisteremo a un periodo prolungato di deflazione”, hanno avvertito.

Leggi di più qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply