Le compagnie aeree stanno tornando in posti che forse non ti aspetti

  • Scritto da Suranjana Tiwari
  • BBC Notizie, Singapore

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Tata Group ha acquisito Air India nel 2022 e ha investito in nuovi aeromobili, marchi e conversione di sistemi legacy

Quando il conglomerato indiano Tata acquistò la compagnia aerea di bandiera del paese, fu salutato come un miracolo.

Air India è impantanata nei debiti e l’amministrazione statale è sottofinanziata da decenni. Nessuno voleva nemmeno un pezzo della popolare ma in perdita compagnia aerea.

Ma un accordo è stato raggiunto nel 2021, mentre il mondo stava uscendo dalla pandemia e le compagnie aeree scommettevano molto sui viaggi di ritorsione una volta riaperte le frontiere.

Avevano ragione. La ripresa è ben avviata e i viaggi aerei sono partiti bene nel 2024. Ci sono stati avvertimenti di un rallentamento della crescita negli Stati Uniti, dove si prevede che la spesa si stabilizzerà dopo un’impennata post-pandemia. Ma la storia è diversa dall’altra parte del mondo, in Asia.

“Se guardiamo alla portata delle opportunità in India, è già il paese più popoloso del mondo”, ha detto alla BBC Campbell Wilson, CEO di Air India, in un recente evento aeronautico a Singapore. “Ha un vantaggio geografico… che collega insieme le regioni del mondo. È un mercato molto sottoservito.”

Si prevede che entro il 2042 il mercato interno dell’aviazione indiano sarà cinque volte più grande di quello del 2019, con gli indiani che effettueranno circa 685 milioni di voli ogni anno, secondo il produttore di aerei. Airbus. Ciò renderebbe il Paese dell’Asia meridionale uno dei mercati dell’aviazione civile in più rapida crescita al mondo, terzo dopo Cina e Stati Uniti.

Non è solo l'India. Secondo gli analisti, entro la metà del secolo l’Indonesia, che ora è al 13° posto a livello mondiale in termini di numero di passeggeri, salirà al quarto posto. Si prevede che anche i viaggi aerei nelle Filippine, in Tailandia e in Vietnam aumenteranno nei prossimi decenni.

Sono tutte economie emergenti con un numero crescente di giovani che possono permettersi di viaggiare. È chiaro che il traffico aereo globale è aumentato del 16% nell’ultimo anno. Ma in Asia, secondo i dati del settore, l’aumento è stato quasi il doppio.

I governi di questi luoghi stanno anche investendo in infrastrutture per migliorare la connettività, che è essenziale in vasti arcipelaghi come l’Indonesia e le Filippine.

La Cina, ovviamente, è un mercato ovvio: nonostante la sua economia attualmente stagnante, i suoi viaggiatori sono usciti da basi libere dal coronavirus per tornare per le vacanze. Pechino ora offre viaggi senza visto ai cittadini di alcuni paesi, e alcuni paesi, come Tailandia e Singapore, stanno ricambiando.

“Siamo lieti che le persone stiano iniziando a viaggiare fuori dalla Cina”, afferma Glenn Vogel, CEO dell'agenzia di viaggi online Booking.com. “Probabilmente è uno degli ultimi paesi a fare un forte ritorno ai viaggi”.

Ma le compagnie aeree sono alla ricerca di mercati alternativi a causa del rallentamento dell’economia cinese, dell’incertezza su come operare lì e del calo della spesa dei consumatori.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Le Filippine sono uno dei mercati in più rapida crescita per i viaggi aerei

“L'Asia è un posto davvero entusiasmante in cui soggiornare, e le Filippine sono uno dei posti più entusiasmanti. C'è una grande opportunità lì”, afferma Michael Szocs, CEO della compagnia aerea low cost Cebu Pacific.

La compagnia aerea ha lottato durante la pandemia senza il sostegno del governo. Come molti concorrenti in tutto il mondo, anche l'auto rischia incagli a causa di motori Pratt & Whitney difettosi.

Ma negli ultimi due anni ha assistito a una rinascita, espandendosi e conquistando più della metà del suo mercato interno. Anche il nuovo governo filippino sta dando una mano, poiché sta lavorando per privatizzare l’aeroporto internazionale di Manila e prevede di aggiungere piste in tutto l’arcipelago per gestire aerei sempre più grandi.

Szocs nutre grandi speranze per il Paese di circa 115 milioni di abitanti, dove la spesa pro capite è in aumento: “Abbiamo una popolazione istruita in aumento, relativamente giovane, e sta crescendo, con una crescente propensione a viaggiare”.

L’India, d’altro canto, è un mercato più difficile da conquistare. Air India deve affrontare un forte concorrente nazionale in IndiGo e una dura sfida nel raggiungere Emirates e Qatar Airways, che si classificano regolarmente tra le migliori compagnie aeree del mondo.

Ma il conglomerato di successo di Tata, specializzato nel settore del sale e del software, ha iniziato a trasformare la società di trasporti in difficoltà. La compagnia ha già speso milioni di dollari investendo in nuovi aerei, nuovi marchi e ristrutturando sistemi obsoleti e inefficienti.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Il Sud-Est asiatico è tornato ad essere un hub regionale piuttosto che globale

Ora vuole unire le sue cinque compagnie aeree: tre filiali di Air India e due joint venture, AirAsia India e Vistara (con Singapore Airlines). L'obiettivo: una compagnia aerea molto apprezzata per i viaggiatori internazionali e un'opzione affidabile e a basso costo per i viaggiatori nazionali.

Wilson spera di ripristinare la gloria dell'Air India, la prima compagnia aerea indiana, fondata dai Tata negli anni '30, ribattezzata Air India e nazionalizzata negli anni '50. Crede che conquistare il mercato internazionale sia fondamentale, ma sarà necessario “collegare più città in tutto il mondo senza sosta con l’India” – e ciò includerà l’avvio di più rotte e, ovviamente, l’acquisto di più aerei.

La società ha già iniziato una corsa agli acquisti. Ha ordinato più di 200 aerei Boeing Max 8 e Max 10 in uno dei più grandi accordi nella storia dell’aviazione. Ma la famiglia Max è sotto esame da quando il sigillo della porta di un 737 Max 9 è esploso durante il volo negli Stati Uniti, sollevando preoccupazioni sul modello Max 10 già in ritardo. Ciò è avvenuto dopo due incidenti mortali nel 2018 e nel 2019 a causa di un problema tecnico nel software di controllo del volo. La crisi della Boeing riguardo al suo livello di sicurezza ha portato anche alle dimissioni del suo amministratore delegato, Dave Calhoun.

“Quando abbiamo preoccupazioni, le solleviamo ai massimi livelli, anche con Boeing”, ha detto Campbell.

Wilson ritiene che il futuro di Air India risieda nella trasformazione dell'India in un hub di transito globale, come Dubai o Singapore.

Ciò potrebbe rappresentare una sfida poiché le rotte a lunga distanza, soprattutto verso l’Europa, non sono ancora state riavviate dopo la pandemia. Secondo il fornitore di dati aeronautici Cirium, Manila, Giakarta e Bangkok non offrono più voli diretti per Londra, Francoforte e Roma. Pertanto, i viaggiatori in questi paesi scelgono di viaggiare in aereo nell’Asia orientale e sud-orientale, il che porta ad un aumento del traffico aereo nella regione.

Ma potrebbe essere anche un’opportunità per Air India, e per Delhi, dato che alcune capitali del sud-est asiatico sono in ritardo rispetto ad altri hub dell’aviazione internazionale come Singapore, Hong Kong e Dubai.

Tuttavia, l’industria è ottimista sul fatto che la pandemia sia finita, le persone stiano ricominciando a volare e le economie si siano riprese.

“La verità è che la gente ama viaggiare”, ha detto Vogel. “Finché le economie crescono, sappiamo che i viaggi cresceranno un po' più velocemente. Il nostro compito è cercare di ottenere una fetta più grande di quella torta in crescita.”

READ  L'inflazione al consumo nella capitale giapponese è aumentata al ritmo più veloce degli ultimi 40 anni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply