Le pozze di catrame di La Brea sono piene di misteri. Ecco tre dei più sconcertanti

Il pozzo del lago di fronte al Museo La Brea Tar Pits è un residuo dell’estrazione dell’asfalto avvenuta nel XIX secolo. (Gina Ferrazzi/Los Angeles Times)

L’anno scorso abbiamo iniziato a invitare i lettori Ci hanno inviato le loro domande scottanti intorno a Los Angeles e in California.

Ogni poche settimane, facciamo domande votazionechiede ai lettori di selezionare la domanda a cui vorrebbero rispondere sotto forma di storia.

Questa domanda, posta da Ricky Fulton, è stata inclusa in uno dei nostri sondaggi più recenti: Cosa sono i pozzi di catrame di La Brea? È un mucchio di catrame volante con ossa di dinosauro che sporgono?

Puoi votare nel seguente sondaggio di domande dei lettori quaggiù. Dare seguito alle storie precedenti scritte come parte di questo progetto quaggiù.

C’è di più a La Brea Tar Pits di quanto sembri – e naso -.

Per chi non lo sapesse, lo è Pozzi di catrame di La Brea riconosciuto internazionalmente Sito del patrimonio geologico, situato nel centro di Los Angeles. Il sito è famoso per le sue numerose cave di fossili (denominate “fosse”), dove animali, piante e insetti sono stati impantanati e conservati nell’asfalto negli ultimi 50.000 anni.

Per gli scienziati, sono un tesoro di informazioni unico e inestimabile che ci consente di comprendere meglio com’era la vita antica nell’odierna Los Angeles.

“Il tipo di scienza che puoi fare a La Brea Tar Pits è qualcosa che non puoi davvero fare in nessun altro sito di fossili al mondo, solo perché abbiamo così tanti fossili e sono così ben conservati”, ha detto Emily Lindsay , co-curatore e direttore del sito di scavo.

Più di 3,5 milioni di fossili sono stati scoperti all’interno della sostanza appiccicosa puzzolente, una curiosità per la gente del posto, i turisti e gli scolari in gita.

Per rispondere subito alla domanda di Fulton, ecco una cosa che non hanno dissotterrato: i dinosauri.

Esatto: questo è un sito fossile dell’era glaciale e gli esperti non ne hanno scoperto alcun residuo T. rexTriceratops o altri dinosauri non aviari.

Mentre i pozzi di catrame di La Brea mancano di fossili di dinosauro, sono pieni zeppi di fossili di leggendari animali dell’era glaciale. Il grande mammifero più comune? lupi crudeli (grida a tutti”Game of Thronesfan) e gatti con i denti.

READ  Guarda un serpente solare scivolare sulla superficie del sole - a 380.000 miglia orarie

Una donna guarda una mostra di fossili al La Brea Tar Pits di Los Angeles

Il mammut e il mastodonte colombiani una volta chiamavano Los Angeles casa. Oggi, i loro resti possono essere visti al La Brea Tar Pits and Museum. (Milcon/Los Angeles Times)

Sebbene scienziati Risultati rivoluzionariI puzzle continuano a girare nelle fosse cadenti.

A volte, ha detto Lindsey, le cose che vedono gli scienziati No Trovarli nelle fosse di catrame affascina tanto quanto le ossa e le altre cose che trovi.

Lindsey ha descritto i misteri posti dai pozzi di catrame che restano da risolvere.

Ecco tre dei più impressionanti:

Perché i resti di alcune specie autoctone, come i leoni di montagna, mancano in gran parte dalle fosse di catrame?

Cosa strana: gli scienziati hanno scoperto relativamente pochi resti di leoni di montagna nelle fosse di catrame.

Stato di celebrità di Hollywood P-22 Per inciso, può sembrare strano preoccuparsi della mancanza di alcuni fossili di leoni di montagna quando le fosse di catrame hanno rivelato i resti di mammut estinti, terribili lupi e giganteschi bradipi terrestri.

Eppure, stranamente, i leoni di montagna, che erano presenti nell’area di Los Angeles durante l’era glaciale, costituiscono una piccola percentuale dei ritrovamenti degli scienziati nelle fosse di catrame. Ci sono resti di pozzi di catrame di almeno sette diversi leoni di montagna, mentre i loro gatti dai denti a sciabola sono compresi tra 2.500 e 3.000.

E non sono solo i leoni di montagna persi dalle fosse di catrame.

“Abbiamo pochissimi leoni di montagna, pochissimi cervi… e solo un procione”, ha detto. accanto a chi CoyoteGli scienziati hanno trovato “pochissimi di questi [large mammal] “Ice Age Survivors”, che è interessante.

Perché i leoni di montagna potrebbero mancare dalle fosse di catrame?

La risposta potrebbe aiutare gli scienziati a dipingere un quadro più dettagliato di com’era la vita nella Los Angeles preistorica.

Lindsey e i suoi colleghi hanno alcune idee. Tra le altre possibili spiegazioni, è possibile che i leoni di montagna – fedeli al loro nome – abbiano sempre preferito essere trovati negli altopiani, piuttosto che nelle aree pianeggianti dell’attuale Los Angeles vicino alle fosse di catrame.

READ  Il telescopio spaziale Webb della NASA cattura una tarantola cosmica

O forse era perché i leoni di montagna avevano paura di cacciare nelle stesse zone dei gatti dai denti a sciabola. Un leone di montagna è come un gatto domestico accanto a un gatto dai denti a sciabola – [it’s possible] Volevano stare alla larga e non essere intorno a tutte queste grandi cose spaventose”.

Dov’è la prova della vita umana?

Leoni di montagna, procioni e cervi non sono gli unici mammiferi scomparsi dalle fosse di catrame. C’è anche una netta mancanza di resti umani.

Gli umani erano quiMa perché non riusciamo a trovarne alcuna prova nelle fosse di catrame di La Brea? Lindsey ha chiesto: “Abbiamo uno scheletro umano, e poi abbiamo alcuni artefatti che sono probabilmente tutti dell’Olocene (la nostra attuale era geologica), ma non abbiamo prove di esseri umani che si incrociano o interagiscono con la megafauna” attraverso la caccia.

Questo è sconcertante, perché “molti – forse la maggior parte – scienziati credono che la causa principale dell’estinzione della megafauna sia stata l’attività umana”, spiega Lindsey.

Simile ai leoni di montagna, Lindsey osserva che l’assenza di antichi umani potrebbe indicare la loro reticenza a cacciare gatti dai denti a sciabola e altri animali pericolosi nelle vicinanze.

Un gruppo di adulti e bambini assiste a una dimostrazione nel Fossil Lab

La gente assiste a una dimostrazione presso il laboratorio e il museo dei fossili di La Brea Tar Pits. (Kent Nishimura/Los Angeles Times)

“Forse la cultura che c’era qui si era adattata sulla costa e non avevano bisogno di sfidare, diciamo, un branco di terribili lupi per andare a cacciare un cavallo o un cammello. Potevano stare vicino alla riva e raccogliere i crostacei, ” lei disse.

Perché i grandi mammiferi hanno cominciato a scomparire e cosa ci dice questo sul nostro futuro?

C’erano una volta mammiferi giganti che vagavano per le vaste distese della Terra.

“C’erano vombati giganti in Australia, c’erano lemuri giganti in Madagascar, e c’erano bradipi giganti e armadilli in Sud America”, ha detto Lindsey.

Quindi, chiede Lindsey, perché oggi non abbiamo gatti, mammut dai denti a sciabola e giganteschi bradipi di terra che vagano per Wilshire Boulevard?

READ  La stella di neutroni più pesante mai scoperta è una "vedova nera" che divora la sua compagna

Si è verificato un cambiamento radicale. “Alla fine dell’era glaciale, è successo qualcosa, spazzando via l’estremità superiore della distribuzione delle dimensioni del corpo ovunque tranne che in Africa”, ha detto. “Questo è il più grande evento di estinzione dall’evento di estinzione dei dinosauri 66 milioni di anni fa”.

Ancora più interessante, ha detto, la perdita di mammiferi giganti viene riconosciuta come “il primo impulso nella crisi della biodiversità che stiamo attraversando oggi”.

Perché è avvenuta questa estinzione? La maggior parte degli scienziati ritiene che gli esseri umani debbano aver avuto un ruolo molto importante in questa estinzione. Ma l’altra cosa che stava accadendo è che siamo fuori dall’era glaciale, l’ultimo grande episodio di riscaldamento globale”, ha detto.

Comprendere il tipo di interazione tra Cambiamento climatico E le attività umane, come questo influisce sugli ecosistemi e come questi due processi possono intersecarsi per causare estinzioni è molto importante».

I pozzi di catrame di La Brea sono stati progettati per aiutare a risolvere il mistero del motivo esatto per cui i mammiferi giganti si sono estinti, date le dimensioni e la portata delle loro scoperte, che possono essere datate al radiocarbonio e sono coerenti con i cambiamenti noti che si sono verificati simultaneamente con gli esseri umani e il clima.

Due persone inginocchiate a terra hanno scavato con cura i fossili

Due volontari scavano fossili nelle fosse di catrame di La Brea. (Gina Ferrazzi/Los Angeles Times)

Dall’altro lato della medaglia, il 90% delle specie trovate nelle fosse di catrame non sono estinte. “Abbiamo tonnellate di conigli, roditori, lucertole, insetti e uccelli canori nel nostro disco che vivono ancora oggi nell’area di Los Angeles”, ha detto Lindsey via e-mail.

Ha detto: “Abbiamo una comprovata esperienza di sopravvivenza e resilienza”, il che pone alcune domande. “Cosa ha reso così tanto successo i leoni di montagna? Cosa ha reso così tanto successo i coyote? Cosa ha reso così tanto successo le querce?”

come tale Crisi climatica Peggiorando oggi, le risposte a questi misteri possono tracciare una rotta per il futuro.

“I prossimi decenni o diversi secoli saranno cambiamenti globali davvero estremi”, ha affermato Lindsay. “Come possiamo usare queste informazioni per aiutare la vita ad andare avanti con successo?”

Questa domanda esistenziale dovrebbe darti qualcosa a cui pensare la prossima volta che passerai davanti alle iconiche (e strazianti) Tar Pits. Statue di mammut Fuori Wilshire Street.

Questa storia è stata scritta direttamente in risposta alla domanda di un lettore su La Brea Tar Pits. Hai una domanda sulla vita a Los Angeles o in California? Chiedici!

Questa storia è originariamente apparsa Times di Los Angeles.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply