Le richieste di sussidio di disoccupazione salgono inaspettatamente a 248.000

Numero di americani che fanno domanda indennità di disoccupazione È aumentato inaspettatamente la scorsa settimana, aumentando per la prima volta in un mese nonostante l’aumento della domanda di lavoro per i lavoratori e l’allentamento dei casi di omicron a livello nazionale.

I dati pubblicati giovedì dal Dipartimento del lavoro mostrano che gli ordini per la settimana terminata il 12 febbraio sono saliti a 248.000 dai 225.000 rivisti al rialzo della settimana precedente, mancando le aspettative degli analisti Refinitiv di 219.000.

Ripartizione dell’inflazione di gennaio: dove i prezzi stanno aumentando più velocemente?

Le richieste continue, o il numero di americani che ricevono sussidi di disoccupazione di fila, è sceso a 1,59 milioni, in calo di 26.000 rispetto alla settimana precedente.

“Le richieste di occupazione sono aumentate inaspettatamente nell’ultima settimana, ma probabilmente sarà un rumore visti gli altri dati sull’occupazione”, ha affermato Robert Frick, economista aziendale presso la Navy Federal Credit Union. “Uno dei clamore: i licenziamenti sono aumentati in alcuni stati. Dovremmo aspettarci che le affermazioni seguano la tendenza al calo con i casi di Omicron nelle prossime settimane”.

La gente fa la spesa in un supermercato a Glendale, California, 12 gennaio 2022. (Photo by ROBYN BECK/AFP via Getty Images/AP Newsroom)

Il rapporto mostra che quasi due milioni di americani stavano raccogliendo sussidi di disoccupazione per la settimana terminata il 29 gennaio, una modesta diminuzione rispetto alla settimana precedente; In confronto, poco più di un anno fa, oltre 18,9 milioni di americani ricevevano sussidi.

Le richieste sono diminuite in gran parte mentre l’economia si riprende dalla pandemia e gli americani si avventurano a viaggiare, fare acquisti e mangiare. Tuttavia, le aziende hanno faticato a tenere il passo con la domanda e hanno segnalato difficoltà nell’assunzione di nuovi dipendenti. Nonostante il leggero aumento delle richieste, il rapporto di giovedì indica che le aziende stanno già facendo uno sforzo per trattenere i lavoratori.

READ  Dopo la decisione della Corte Suprema di abortire, BlackRock e altri gestori patrimoniali hanno affermato che avrebbero pagato il viaggio

All’inizio di questo mese, il Dipartimento del lavoro ha riferito che i datori di lavoro hanno assunto 467.000 nuovi lavoratori a gennaio, un aumento sorprendente dato l’aumento dei casi di COVID-19. Ha anche rivisto la sua stima dell’aumento di posti di lavoro a novembre e dicembre, con un totale di 709.000 posti di lavoro.

Porta la tua attività FOX in movimento facendo clic qui

Un rapporto separato del governo ha mostrato che ci sono state 10,9 milioni di offerte di lavoro a dicembre e che 4,3 milioni di americani, ovvero circa il 2,9% della forza lavoro, hanno lasciato il lavoro quel mese. È in calo rispetto al nuovo massimo di 4,5 milioni di novembre, ma ben al di sopra del livello pre-pandemia di circa 3,6 milioni.

Un cartello “NOW HIRING” è appeso alla finestra della Wharf Chocolate Factory al Fisherman’s Wharf di Monterey, California, venerdì 6 agosto 2021. ((AP Photo/Ricco Pedroncelli)/AP Newsroom)

I dati confermano come i lavoratori appena abilitati stiano rinunciando al lavoro a favore di salari, condizioni di lavoro e orari migliori poiché le aziende attirano nuovi lavoratori con salari più alti, una tendenza soprannominata “Big Quitting”. Di conseguenza, i redditi degli americani stanno aumentando su tutta la linea mentre i datori di lavoro aumentano le assunzioni per compensare le perdite.

Tuttavia, il più alto tasso di inflazione in quasi 40 anni ha eroso i guadagni salariali per molti lavoratori.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply