Le “vacanze silenziose” sono l’ultimo modo in cui i millennial si ribellano al lavoro di persona

È meglio che i dipendenti si assicurino che i loro sfondi Zoom siano abbastanza poco appariscenti: il segreto per una “vacanza tranquilla” è stato svelato. Un nuovo rapporto rileva che i dipendenti, soprattutto i millennial, stanno spingendo i confini del lavoro a distanza. Invece di dire ai loro capi che stanno andando in vacanza, i dipendenti svolgono ruoli ossessivi o vanno in vacanza con il pretesto di lavoro a distanza.

Secondo un sondaggio Harris Rapporto sulla cultura fuori sede In un sondaggio di maggio condotto su 1.170 dipendenti adulti statunitensi, il 37% dei lavoratori millennial ha affermato di essersi preso una pausa senza dirlo ai propri supervisori o manager.

“Scopriranno come raggiungere il giusto equilibrio tra lavoro e vita privata, ma ciò avviene dietro le quinte”, afferma Libby Rodney, responsabile della strategia presso The Harris Poll. Lo ha detto alla CNBC. “Non è proprio una vacanza tranquilla, ma più come una vacanza tranquilla.”

Secondo un rapporto Harris Poll, i Millennial, che costituiscono quasi il 40% della forza lavoro, hanno compiuto inutili sforzi per dare ai loro capi l’impressione di essere ancora occupati. Quasi il 40% dei partecipanti ha riferito di aver agitato il mouse del computer per dimostrare che erano attivi online, e molti hanno affermato di aver inviato e-mail al di fuori dell’orario di lavoro per creare l’illusione di fare gli straordinari.

“Invece di affrontare la questione a testa alta e preoccuparsi di non far arrabbiare il proprio capo durante un trimestre economico difficile, i millennial stanno semplicemente facendo quello che devono fare durante le loro vacanze”, ha detto Rodney. fortuna.

Ma il costo di non avere le piume arruffate è il peso del senso di colpa e dello stress psicologico per molti di questi lavoratori. Il rapporto Harris Poll indica che la maggior parte dei dipendenti è soddisfatta della quantità di ferie retribuite loro assegnate, suggerendo che il desiderio di un periodo di pausa tranquillo non è una questione politica, ma piuttosto una questione culturale. Quasi la metà degli intervistati, tra cui il 61% dei Millennial e il 58% della Generazione Z, ha affermato di sentirsi nervosa all’idea di chiedere un periodo di ferie. La sensazione di pressione nel rispondere sempre alle richieste di lavoro e il senso di colpa nel lasciare ritagli di lavoro ai colleghi sono state le ragioni principali alla base di tutto ciò.

READ  Bill Gross afferma che Trump sarà peggiore per i mercati obbligazionari rispetto a Biden

Rodney ha osservato che il desiderio di vacanze tranquille alla fine evidenzia una nuova forma di ansia dei lavoratori emersa a seguito della pandemia. Esiste un divario tra la cultura aziendale desiderata dai giovani lavoratori e quella che i loro manager più anziani continuano a imporre.

“Non è certamente un sistema sano, ma è un sistema che sta accadendo ai lavoratori americani in questo momento”, ha detto.

Il posto di lavoro è diviso

Sebbene siano trascorsi quattro anni dall’inizio della pandemia, lo stesso vale per i CEO Rimanendo fermi nel loro disaccordo A causa del lavoro a distanza, la sensazione di perdere il controllo sulla supervisione del dipendente e quindi di perdere la sua posizione di capo. Lo scorso ottobre, il 62% dei CEO era fermamente convinto che tutti i dipendenti sarebbero tornati in ufficio entro il 2026, un obiettivo ambizioso che da allora è fallito. Mentre, Il 90% degli impiegati Secondo un sondaggio Gallup, gli intervistati nello stesso mese hanno affermato di non essere interessati a tornare alla cultura del lavoro pre-coronavirus.

A gettare ulteriormente i semi dell’opposizione sindacale è il ritrovamento di se stessi da parte dei dipendenti Comportamento dei capi tossicicon il 46% dei dipendenti che dichiara che il loro peggior manager è “incompetente” o “non solidale”, secondo Sondaggio di giugno 2023 Dalla società di visione dei dipendenti Perceptyx. Il divario sul posto di lavoro ha portato a una cultura non corrispondente tra i lavoratori che interiorizzano il valore dell’equilibrio tra lavoro e vita privata instillato dalla pandemia, mentre le aziende hanno cercato di mantenere lo status quo.

“La cultura dell’ufficio non è cambiata, anche se i nostri valori e quelli dei lavoratori americani lo sono”, ha detto Rodney. “L’esperienza e le prospettive sono quasi come se la pandemia non fosse mai avvenuta”.

READ  Il broker di criptovalute Genesis deve ai clienti di Winklevoss Exchange $ 900 milioni

Rodney è solidale con le aziende bloccate nei vecchi modi. In tempi di stress economico si tende a ritornare agli standard precedenti. Per i datori di lavoro, ciò significa che gli amministratori delegati applicano vecchie pratiche aziendali, come far lavorare i dipendenti di persona e scoraggiarli dal prendersi le ferie, perché è un modello che ha funzionato in passato.

Ma i cambiamenti necessari per accogliere la prossima generazione di lavoratori che richiedono flessibilità stanno avvenendo ora: la maggior parte delle aziende, anche con valori tradizionali del posto di lavoro, lo hanno fatto. Consegnato per l’azione ibridaE anche l’atteggiamento dei dipendenti sta cambiando. Per la prima volta dalla pandemia, gli americani stanno favorendo il lavoro ibrido rispetto al lavoro a distanza, un cambiamento che non è il risultato di una pizza aziendale gratuita, ma piuttosto di un adeguamento alle nuove norme.

Ci sono buoni incentivi affinché le aziende continuino ad adattarsi. La Generazione Z è iniziata Superando in numero le sue controparti del baby boom nella forza lavoro quest’anno, lasciando alle aziende altra scelta se non quella di sottomettersi alle loro mutevoli richieste.

“Ci sarà probabilmente un’altra guerra dei talenti, in cui le aziende che mettono in primo piano le priorità della Gen Z e dei Millennial e mettono in primo piano l’equilibrio tra lavoro e vita privata, saranno il segnale di ciò che attrae i talenti che entrano nel mercato”, ha detto Rodney.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply