L’incapacità della Russia di sconfiggere Kiev è stata una sconfitta per secoli

Washington (AFP) – Kiev è una sconfitta russa da secoli. I combattimenti iniziarono male per gli invasori e da lì scesero dalla collina.

Quando il 24 febbraio il presidente Vladimir Putin ha lanciato la sua guerra dopo mesi di rinforzo al confine con l’Ucraina, ha inviato centinaia di commando a bordo di elicotteri – le migliori forze speciali russe “Spetsnaz” – per attaccare e catturare l’aeroporto leggermente difeso. Alle soglie di Kiev.

Altre forze russe hanno colpito altrove in tutta l’Ucraina, anche verso la città orientale di Kharkiv, nonché nella regione contesa del Donbass e lungo la costa del Mar Nero. Ma come sede del potere nazionale, Kiev era il premio principale. È così che le forze aviotrasportate d’élite si precipitarono negli orari di apertura della guerra.

Ma Putin non è riuscito a raggiungere il suo obiettivo di schiacciare rapidamente l’esercito ucraino in inferiorità numerica e pesantemente armato. I russi erano mal preparati per la resistenza ucraina, si sono dimostrati incapaci di adattarsi alle battute d’arresto, non sono riusciti a combinare efficacemente le operazioni aeree e di terra, hanno sottovalutato la capacità dell’Ucraina di difendere il suo spazio aereo e hanno sovvertito le funzioni militari di base come la pianificazione e l’esecuzione del movimento di rifornimenti.

“Questa è una pessima combinazione se vuoi invadere un paese”, ha detto Peter Mansour, colonnello dell’esercito in pensione e professore di storia militare alla Ohio State University.

Almeno per il momento, le forze di Putin si sono spostate da Kiev all’Ucraina orientale. Alla fine, il leader russo potrebbe raggiungere alcuni dei suoi obiettivi. Tuttavia, la sua incapacità di catturare Kiev sarà ricordata per molto tempo, perché ha sfidato le aspettative prebelliche e ha rivelato sorprendenti debolezze nel pensiero militare come una delle idee più potenti del mondo.

READ  Esplosione nei Pirenei francesi: due bambini su sette uccisi a Saint-Laurent-de-la-Salanque

“È incredibile”, ha detto lo storico militare Frederic Kagan dell’Istituto per lo studio della guerra, che dice di non sapere nulla di una potenza militare grande come la Russia che invade un paese in un momento a sua scelta e fallisce completamente.

La mattina del primo giorno di guerra, gli elicotteri d’attacco Mi-8 russi sono volati a sud verso Kiev in missione per attaccare l’aeroporto di Hostomil, alla periferia nord-occidentale della capitale. Catturando l’aeroporto, noto anche come Aeroporto Antonov, i russi pianificarono di creare una base da cui potessero volare più truppe e veicoli leggermente corazzati a pochi passi dal cuore della città più grande del paese.

Non ha funzionato in questo modo. È stato riferito che un certo numero di elicotteri russi sono stati colpiti da missili anche prima di raggiungere Hostomel e, una volta atterrati all’aeroporto, hanno subito pesanti perdite a causa del fuoco dell’artiglieria.

Anche un tentativo di prendere il controllo di una base aerea militare a Vasylkiv, a sud di Kiev, ha incontrato una forte resistenza e secondo quanto riferito ha visto diversi aerei da trasporto pesante Il-76 russi che trasportavano paracadutisti abbattuti dalle difese ucraine.

Sebbene i russi alla fine abbiano ottenuto il controllo dell’aeroporto di Hostomel, la feroce resistenza degli ucraini nell’area metropolitana ha costretto a ripensare al piano di invasione basato sull’aspettativa che gli ucraini sarebbero crollati rapidamente, l’Occidente avrebbe esitato e le forze russe sarebbero state facile. combattere.

Le missioni di attacco aereo dietro le linee nemiche, come quelle svolte a Hostomell, sono rischiose e difficili, come ha dimostrato l’esercito americano il 24 marzo 2003, quando ha inviato più di 30 elicotteri d’attacco Apache in Iraq dal Kuwait per colpire una divisione del Guardia repubblicana irachena. . Lungo la loro strada, gli Apache incontrarono piccoli incendi e un fuoco antiaereo che fece cadere uno degli elicotteri, ne danneggiò altri e costrinse l’interruzione della missione. Tuttavia, l’esercito degli Stati Uniti si riprese da quella battuta d’arresto e catturò rapidamente Baghdad.

READ  Bandire i turisti russi? L'Unione Europea è divisa sulle restrizioni sui visti per i russi ordinari.

Il fatto che l’attacco di Hostomel da parte della 45a brigata aviotrasportata russa della Guardia russa potrebbe non essere emerso in seguito se lo sforzo russo più ampio fosse migliorato da quel momento in poi. Ma lei no.

I russi fecero piccole e infruttuose indagini nel cuore di Kiev, dopodiché tentarono a caro prezzo di circondare la capitale piegandosi a ovest. Nonostante le enormi probabilità, gli ucraini hanno mantenuto la loro posizione e hanno reagito, fermando i russi, utilizzando efficacemente un’ampia gamma di armi occidentali, tra cui armi anticarro portatili Javelin, missili antiaerei portatili Stinger e molto altro.

La scorsa settimana, i russi hanno abbandonato l’aeroporto di Hostomil come parte di un ritiro generale in Bielorussia e Russia.

La luce laterale della battaglia per Kiev è stata la storia ampiamente riportata di un convoglio di rifornimenti russo che si estendeva per decine di miglia lungo una strada principale verso la capitale. All’inizio sembrava un segnale preoccupante per gli ucraini, ma furono in grado di attaccare elementi del convoglio, che avevano capacità fuoristrada limitate e quindi alla fine si dispersero o resero inutilizzabili in combattimento.

“Non hanno fornito alcun rifornimento di alcun valore alle forze russe che si stavano ammassando intorno a Kiev e non sono mai venuti in loro aiuto”, ha affermato il portavoce del Pentagono John Kirby. “Gli ucraini hanno messo fine a questa carovana molto rapidamente essendo troppo agili, distruggendo ponti, colpendo i veicoli principali e interrompendone il movimento”.

Mansour dice che i russi hanno sottovalutato il numero di truppe di cui avrebbero avuto bisogno e hanno mostrato una “sconcertante incapacità” di svolgere le funzioni militari di base. Dice che hanno molto sottovalutato ciò che ci sarebbe voluto per vincere la battaglia di Kiev.

READ  La valanga della Marmolada ha ucciso almeno 6 persone in mezzo a un'ondata di caldo sulle Dolomiti

“Sarà difficile anche se l’esercito russo dimostrerà la sua competenza”, ha detto. “Si è dimostrato completamente incapace di condurre una moderna guerra corazzata”.

Putin non è stato l’unico sorpreso dai fallimenti iniziali del suo esercito. Funzionari americani e occidentali avevano capito che se l’invasione fosse avvenuta, forze russe apparentemente superiori avrebbero squarciato l’esercito ucraino come un coltello caldo nel burro. Potrebbero prendere Kiev in pochi giorni e l’intero Paese in poche settimane, anche se alcuni analisti si sono chiesti se Putin abbia stimato quanto le forze ucraine abbiano guadagnato dalle esercitazioni occidentali che si sono intensificate dopo la presa della Crimea da parte di Putin nel 2014 e l’incursione nel Donbass.

Il 25 marzo, appena un mese dopo l’inizio dell’invasione, i russi hanno annunciato di aver raggiunto i loro obiettivi nella regione di Kiev e di spostare l’attenzione sulla regione separatista del Donbass nell’Ucraina orientale. Alcuni sospettavano lo stratagemma di Putin per guadagnare tempo senza rinunciare ai suoi obiettivi estremisti, ma in pochi giorni il ritiro di Kiev era in vista.

Putin potrebbe essere in grado di concentrare il suo sforzo bellico su un obiettivo più ristretto di espandere il controllo russo nel Donbass e possibilmente garantire un corridoio terrestre dal Donbass alla Crimea. Ma il suo fallimento a Kiev ha messo in luce debolezze che suggeriscono che è improbabile che la Russia proverà presto a sconfiggere la capitale nazionale.

“Penso che abbiano imparato la lezione”, ha detto Mansour.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply