Macron o Le Pen: la Francia affronta una scelta difficile per la carica di presidente

I manifesti ufficiali della campagna dei candidati presidenziali francesi Marine Le Pen, leader del partito di estrema destra National Rally, e del presidente francese Emmanuel Macron, candidato alla rielezione, sono esposti su un cartellone ufficiale a Montchevre, Francia, aprile 2022. REUTERS/ Benoit Tessier

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Primi risultati stimati alle 1800 GMT
  • Macron in leggero vantaggio nei sondaggi
  • La scelta tra il centrista europeista e l’estrema destra euroscettico

PARIGI (Reuters) – I francesi hanno iniziato a votare domenica in un’elezione che deciderà se il presidente centrista pro-Unione europea Emmanuel Macron manterrà la carica o sarà estromesso dall’estrema destra Marine Le Pen in quello che potrebbe equivalere a un terremoto politico.

I sondaggi di opinione degli ultimi giorni hanno dato a Macron un vantaggio solido e leggermente aumentato, con gli analisti che affermano che Le Pen – nonostante i suoi sforzi per smussare la sua immagine e attenuare alcune politiche del RNP – rimane sgradevole per molti.

Ma la vittoria a sorpresa di Le Pen non è da escludere, visto il gran numero di elettori indecisi o incerti se voteranno mai al ballottaggio presidenziale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Con i sondaggi che mostrano che nessuno dei candidati può contare su sostenitori impegnati, molto dipenderà da un gruppo di elettori che soppeserà la preoccupazione per le ricadute della presidenza di estrema destra contro la rabbia per il record di Macron dalle sue elezioni del 2017.

Se Le Pen vince, probabilmente porterà lo stesso senso di vertiginosa turbolenza politica del voto britannico per lasciare l’Unione Europea o dell’elezione di Donald Trump negli Stati Uniti nel 2016.

READ  Il blocco di Shanghai si intensifica dopo il nuovo picco di casi di COVID asintomatici

Le urne aprono alle 8:00 (06:00 GMT) e chiudono alle 20:00 (18:00 GMT). Le previsioni iniziali degli organizzatori dei sondaggi sono attese una volta che le elezioni si saranno chiuse.

A Douai, una cittadina di medie dimensioni nel nord della Francia dove Le Pen ha guidato Macron nel primo turno di votazioni due settimane fa, il pensionato Andre Lhuillier, 69 anni, ha dichiarato di aver votato per Macron, come ha fatto il 10 aprile.

“Ha i suoi difetti ma ha anche delle qualità. È il migliore che può andare avanti, stiamo attraversando momenti difficili”, ha detto.

Macron, 44 anni e vincitore della stessa partita cinque anni fa, ha avvertito di una “guerra civile” se Le Pen – le cui politiche includono il divieto pubblico del velo islamico – e ha invitato i democratici di ogni genere a sostenerlo. .

Le Pen, 53 anni, ha concentrato la sua campagna sull’aumento del costo della vita nella settima economia più grande del mondo, che secondo molti francesi è peggiorato con l’aumento dei prezzi globali dell’energia. Si è anche concentrata sullo stile di leadership abrasivo di Macron, che secondo lei mostra il disprezzo dell’élite per la gente comune.

“La domanda di domenica è semplice: Macron o Francia”, ha detto giovedì in una manifestazione nella città settentrionale di Arras.

Tra i primi elettori nel villaggio di Soulil, vicino alla città nord-occidentale di Le Mans, il funzionario Pascal Paulin, 56 anni, ha dichiarato di aver votato per Le Pen a causa della sua delusione nei confronti di Macron.

“Francamente sono molto deluso – ha detto -. La Francia non va bene da anni. Macron non ha fatto nulla per i ceti medi e il divario con i ricchi si sta allargando più che mai”.

READ  Il capo di stato maggiore Kamala Harris si dirige verso l'uscita

Le Pen, che è stata anche criticata da Macron per la sua precedente ammirazione per il presidente russo Vladimir Putin, respinge le accuse di razzismo. Ha affermato che i suoi piani per dare la priorità ai cittadini francesi per l’edilizia sociale e il lavoro ed eliminare una serie di benefici sociali per gli stranieri andrebbero a beneficio di tutti i francesi, indipendentemente dalla loro religione o origine.

Jean-Daniel Levy, sondaggista di Harris Interactive, ha affermato che i sondaggi hanno mostrato che è improbabile che Le Pen vincesse, perché ciò richiederebbe enormi cambiamenti nelle intenzioni degli elettori.

Se Macron vince, dovrà affrontare un secondo mandato difficile, senza il periodo di grazia di cui ha goduto dopo la sua prima vittoria, ed è probabile che protesterà contro il suo piano di perseguire le riforme a favore delle imprese, incluso l’innalzamento dell’età pensionabile da 62 a 65 anni.

Se lo estromette, Le Pen cercherebbe cambiamenti drastici nelle politiche nazionali e internazionali della Francia e le proteste di strada potrebbero iniziare immediatamente. Le onde d’urto possono essere avvertite in tutta Europa e oltre.

Indipendentemente da chi sia in cima alla lista, la prima grande sfida sarà vincere le elezioni parlamentari di giugno per assicurarsi una maggioranza praticabile per attuare i loro programmi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Michelle Rose, Lee Thomas, Juliette Jabkeiro e Jos Tropemez. Scritto da Ingrid Melander; Montaggio di Mark John, Frances Kerry e Raisa Kasulowski

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply