Migliaia di parigini partecipano a una passeggiata gratuita lungo gli Champs-Élysées | Parigi

Migliaia di persone si sono radunate sugli Champs-Élysées per una gigantesca passeggiata gratuita organizzata da un comitato di commercianti e commercianti locali che lottano per fermare il lento declino del viale da tempo conosciuto come “il viale più bello del mondo”.

Un tempo la passeggiata preferita dai parigini, gli Champs-Élysées sono stati costantemente abbandonati dalla gente del posto negli ultimi anni, poiché negozi e cinema popolari lasciano il posto a negozi di lusso e la strada diventa appannaggio di turisti facoltosi.

Marc-Antoine Jamet, presidente dei 180 membri dell’Avenue des Champs-Élysées, ha dichiarato: “È un modo per dire ai parigini: tornate sull’Avenue des Champs-Élysées, per mostrare loro che la strada non è solo per lo shopping di lusso. ” Il comitato che ha organizzato questo evento.

Circa 273.000 persone hanno chiesto di prendere parte a “le Grand pique-nique”, con 4.400 persone scelte per sedersi con un massimo di sei ospiti ciascuno su una coperta da picnic quadrata rossa e bianca lunga 216 metri, che gli organizzatori hanno descritto come “il più grande parco nel mondo”. “. Tovaglia”.

Otto ristoranti partner – tra cui la venerabile Fouquet’s Brasserie, che per decenni è stata un rifugio per le star del cinema e della musica francese – hanno servito pasti per due sessioni separate che spaziavano dalle baguette di maiale alle insalate Caesar, agli amaretti e agli spaghetti.

“Migliaia di persone passeggiano lungo una delle strade più famose del mondo, davanti all’Arco di Trionfo: è una vera festa popolare e gastronomica”, ha affermato l’ospite d’onore dell’evento, l’ex chef dell’Eliseo, Guillaume Gomez. .

Gli escursionisti erano emozionati. “Il cielo è azzurro, c’è il sole e siamo seduti in mezzo agli Champs-Élysées. Siamo molto fortunati, vero?” Fabien, che ha volato appositamente da fuori Parigi con sua moglie Michelle, ha detto a BFM TV.

READ  L'ambasciatore americano alle Nazioni Unite ha affermato che Linda Thomas Greenfield Putin "ha confessato di non avere vittorie da celebrare".

“E il picnic è davvero carino: ho preso la pasta Ladurée”, ha detto Leo, 14 anni.

I commensali si godono il cibo gratis durante l’evento, seduti sulla “tovaglia più grande del mondo”. Fotografia: Aurelien Morisard/AP

Il comitato ha più volte avvertito che la famosa strada ha “perso il suo splendore” negli ultimi 30 anni, cadendo vittima del cambiamento delle abitudini dei consumatori e anche di crisi, tra cui quella alimentare. gilet gialli (“gilet gialli”) Proteste e pandemia.

L’anno scorso ha trasformato gli Champs-Élysées in un festival di dettatura di massa all’aperto con 1.800 banchi disposti lungo di esso in un altro esercizio volto a “reincantare” i parigini con la strada, che ha fatto da sfondo a innumerevoli film.

Tuttavia, sono passati molti anni da allora – come cantava il cantante franco-americano Joe Dassin in una famosa canzone alla fine degli anni ’60, quando la strada era all’apice della sua popolarità – “Troverai tutto ciò che desideri sugli Champs- Elisei.» – Eliseo.

L’ultimo cinema della strada, l’UGC Normandie, inaugurato nel 1937, chiuderà il mese prossimo, il terzo a chiudere negli ultimi anni a causa del calo delle vendite di biglietti e di quello che l’UGC ha descritto come un “grande cambiamento” nella demografia dei visitatori degli Champs-Élysées. Elisei.

Man mano che i luoghi di intrattenimento e i negozi di libri, dischi e abbigliamento sono scomparsi, sono stati progressivamente sostituiti da esclusivi negozi di articoli sportivi di lusso, il cui indirizzo conserva una notevole attrazione, soprattutto per i turisti.

Il gruppo francese del lusso LVMH, proprietario di Louis Vuitton e Dior, ha pagato più di 1 miliardo di euro per il suo flagship store recentemente acquisito sugli Champs-Elysées, secondo gli agenti immobiliari, secondo i sondaggi che mostrano che fino a un quarto di tutte le visite al boulevard sono ora dedicati allo shopping di marca di lusso.

READ  Gli Stati Uniti stanno cercando di confiscare uno yacht alle Fiji. Ma chi lo possiede?
Il negozio Louis Vuitton sugli Champs-Élysées, fotografato durante una collaborazione con l’artista Yayoi Kusama nel gennaio 2023. Fotografia: Khademian Farzaneh/Abaca/Rex/Shutterstock

Ronan Govil, che vive fuori strada da più di 20 anni, Lo ha detto alla radio France Info“Quando ero giovane, amavamo uscire [to the cinema] Sugli eroi. Dovevano essere sette o otto in strada. Ora se ne andrà l’ultimo.”

Un altro cinema è stato recentemente sostituito da un negozio di abbigliamento sportivo Lacoste, Joyville ha dichiarato: “I negozi e i luoghi che i parigini usavano sono stati sostituiti da marchi che puoi trovare quasi ovunque. Il viale degli Champs-Élysées sta perdendo parte della sua anima”.

Con oltre 1,3 milioni di persone che passeggiano per strada ogni mese I prezzi degli immobili sono saliti alle stelle, costringendo negozi e locali più piccoli, indipendenti e meno redditizi a restituire le chiavi a fronte di affitti che sono aumentati del 15% solo nell’ultimo anno.

“La speculazione immobiliare è il problema più grande”, ha affermato Nicolas Bonnet-Ullage, membro del consiglio comunale di Parigi. “Il prezzo al metro quadrato è molto alto. Dovremo chiedere al governo di contribuire a regolamentare e limitare gli affitti in questa parte della città.

Il municipio di Parigi sta lavorando a un piano da 250 milioni di euro (225 milioni di sterline) che mira a trasformare un’autostrada urbana a otto corsie in un “parco eccezionale”, ma la maggior parte dei lavori non inizierà prima delle Olimpiadi di quest’estate.

Prima dei Giochi Olimpici sono stati apportati anche alcuni piccoli miglioramenti alla strada, con la riorganizzazione delle terrazze lungo la sua lunghezza e più spazio assegnato ai pedoni.

Lunedì la commissione degli Champs-Élysées presenterà un rapporto di 1.800 pagine su 150 proposte per reimmaginare il viale, con l’obiettivo di “dirigere una trasformazione più radicale e globale” del quartiere, ha detto Jamet.

READ  Papa Francesco avverte il patriarca russo pro-guerra di non essere il chierichetto di Putin

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply