Papa Francesco avverte il patriarca russo pro-guerra di non essere il chierichetto di Putin

Nelle sue parole più forti finora contro Il patriarca pro-guerraFrancis ha anche criticato Kirill per aver appoggiato le ragioni dichiarate dalla Russia per invadere l’Ucraina.

“Gli ho parlato per 40 minuti tramite Zoom”, ha detto il Papa al quotidiano italiano Corriere della Sera in un’intervista pubblicata martedì. “Per i primi venti minuti mi ha letto, carta in mano, tutte le giustificazioni per la guerra.”

“L’ho ascoltato e gli ho detto: ‘Non ci capisco niente'”, ha detto il Papa. “Fratello, noi non siamo clero di stato, non possiamo usare il linguaggio della politica ma il linguaggio di Cristo”.

“Il patriarca non può trasformarsi nel chierichetto di Putin”, ha detto il papa.

Francesco ha detto che la telefonata con Kirill è avvenuta il 16 marzo e che lui e il patriarca avevano concordato di posticipare un incontro previsto per il 14 giugno a Gerusalemme.

“Il nostro secondo incontro sarà faccia a faccia, e non ha nulla a che fare con la guerra”, ha detto il papa. “Ma ora anche lui è d’accordo: fermiamoci, potrebbe essere un vago segnale.”

La Chiesa ortodossa russa ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione che i commenti del papa sono “deplorevoli”.

“È un peccato che dopo un mese e mezzo di conversazione con il patriarca Kirill, papa Francesco abbia scelto il tono sbagliato per trasmettere il contenuto della conversazione”, ha affermato il Dipartimento per le relazioni estere del Patriarcato russo.

“Tali dichiarazioni non contribuiscono a un dialogo costruttivo tra la Chiesa cattolica romana e la Chiesa ortodossa russa, che è particolarmente necessario in questo momento”, si legge nella nota.

READ  Ultime notizie di guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Mercoledì è emerso anche che il patriarca è tra le persone da includere nel proposto sesto round di sanzioni dell’UE contro la Russia, secondo due fonti che hanno accesso ai documenti completi.

Le fonti hanno affermato che la bozza proposta è stata inviata agli ambasciatori per la loro revisione.

Una fonte della Commissione Europea ha affermato che a questo punto i nomi potrebbero essere cancellati o aggiunti a discrezione degli Stati membri.

Il portavoce della Chiesa ortodossa russa, Vladimir Leguida, è stato citato dall’agenzia di stampa Tass dicendo che le sanzioni non erano in linea con il “buon senso”.

‘Il più casuale [these] Le punizioni diventano, più perdono il contatto con il buon senso e più diventa difficile raggiungere la pace, che è ciò per cui la Chiesa ortodossa russa prega in ogni servizio con la benedizione di Sua Santità il Patriarca, aiutare tutti gli ucraini colpiti. “Il conflitto serve solo a confermare le sue dichiarazioni”, ha detto Leguida in un post di Telegram mercoledì.

“Solo chi è completamente all’oscuro della storia della nostra Chiesa può cercare di intimidire il clero ei suoi fedeli mettendo insieme delle liste”, ha detto Leguida.

A marzo il patriarca ha affermato che il conflitto era un’estensione di uno scontro culturale fondamentale tra il più ampio mondo russo ei valori liberali occidentali, esemplificato da espressioni di gay pride.

Gli esperti affermano che i commenti di Kirill forniscono importanti spunti sulla visione spirituale più ampia di Putin per un ritorno all’Impero russo, dove la religione ortodossa gioca un ruolo fondamentale.

Ma la dura presa di posizione del patriarca russo gli costa i suoi seguaci.

READ  Il Regno Unito affronta un calo record del tenore di vita mentre l'aumento delle tasse si profila all'orizzonte

A marzo, la Chiesa ortodossa russa ad Amsterdam ha annunciato che avrebbe tagliato i legami con il leader, unendosi a un numero crescente di sacerdoti e chiese che avevano abbandonato Mosca a causa della guerra in Ucraina.

Anastasia Graham-Yooll, Luke McGee e Radina Gigova della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply