Pechino limita i trasporti pubblici mentre il virus Corona si diffonde in Cina

  • Pechino chiude più di 40 stazioni della metropolitana e 158 linee di autobus
  • Zhengzhou imporrà severe restrizioni COVID la prossima settimana
  • Shanghai ha difficoltà a uscire dal blocco durato un mese

PECHINO/SHANGHAI (Reuters) – La capitale cinese Pechino ha chiuso mercoledì dozzine di stazioni della metropolitana e linee di autobus nel tentativo di arginare la diffusione del COVID-19 e scongiurare il destino di Shanghai, dove milioni di residenti sono sotto stretto blocco. per più di un mese.

Sono emerse nuove prove che l’implacabile battaglia della Cina contro il coronavirus, che si ritiene sia emersa in un mercato di Wuhan alla fine del 2019, ne stia minando la crescita e danneggiando le società internazionali che vi investono.

Martedì alla fine, un’altra città ha annunciato il lavoro da casa e altre restrizioni COVID per la prossima settimana. La città centrale di Zhengzhou, che ospita 12,6 milioni di persone e lo stabilimento di produzione di iPhone di Apple Foxconn (2354.TW)si unisce a decine di grandi città in caso di chiusura totale o parziale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I fornitori di servizi hanno affermato che la capitale ha chiuso più di 40 stazioni della metropolitana, circa un decimo della rete e 158 linee di autobus. La maggior parte delle stazioni e delle strade sospese si trovano nel distretto di Chaoyang, epicentro dell’epidemia a Pechino.

Con dozzine di nuovi casi al giorno, Pechino sta cercando di evitare un blocco completo, come ha fatto inizialmente anche Shanghai, sperando invece che i test di massa rilevino e isolino il virus prima che si diffonda.

READ  L'Ucraina ordina più sistemi missilistici; Lavrov avverte di scioperi in Russia

La città di 22 milioni di persone ha chiuso le scuole, alcune attività commerciali e condomini in aree ad alto rischio e molte persone ne stanno facendo scorta in caso di chiusura completa. Leggi di più

Dodici dei 16 distretti di Pechino hanno condotto il secondo di tre round di test questa settimana, dopo che la scorsa settimana sono stati condotti tre controlli di gruppo.

A Shanghai non si vede la fine del lockdown.

Più di un mese dopo, la maggior parte delle persone nella più grande città e centro finanziario della Cina non è ancora autorizzata a lasciare i propri complessi di appartamenti.

Alcuni dei 25 milioni di residenti di Shanghai hanno beneficiato di un temporaneo allentamento delle precauzioni da domenica, quando di solito solo un membro della famiglia può uscire per una passeggiata veloce, una boccata d’aria fresca e un po’ di shopping al supermercato.

Secondo gli ultimi dati, Shanghai ha riscontrato 63 nuovi casi al di fuori delle aree soggette a severe restrizioni, indicando che la città ha un percorso per raggiungere l’obiettivo di zero casi per diversi giorni prima che le restrizioni vengano notevolmente allentate.

Le autorità affermano che la politica no-COVID mira a salvare quante più vite possibili, indicando i milioni di morti per coronavirus al di fuori della Cina, poiché molti paesi abbandonano le precauzioni per “convivere con il COVID” anche se l’infezione si diffonde.

Ma la politica sta danneggiando i consumi interni e la produzione industriale, interrompendo le principali catene di approvvigionamento globali e riducendo i ricavi di alcuni dei più grandi marchi mondiali, come Apple. (AAPL.O)padre di Gucci Portachiavi (PRTP.PA) E il proprietario di Taco Bell Yum China (9987.HK). Leggi di più

READ  Le parti in guerra nella regione etiope del Tigray si impegnano a fermare i combattimenti

Capital Economics stima che il COVID si sia diffuso in regioni che generano il 40% della produzione cinese e l’80% delle sue esportazioni, tutte soggette a vari gradi di restrizioni.

“Le recenti tendenze della mobilità indicano che lo slancio della crescita della Cina è peggiorato in modo significativo ad aprile, con la congestione del traffico, il volume dei passeggeri della metropolitana e altri indicatori ad alta frequenza ai livelli più deboli dall’inizio dell’epidemia”, ha affermato in una nota l’agenzia di rating Fitch.

I suoi analisti hanno abbassato la previsione di crescita per il 2022 al 4,3%, dal 4,8%, ben al di sotto dell’obiettivo ufficiale cinese del 5,5%.

Starbucks Corporation (SBUX.O) Martedì ha sospeso la sua guida per il resto dell’anno fiscale a causa delle restrizioni COVID della Cina. Le vendite in Cina, dove la catena si è espansa rapidamente negli ultimi anni, sono diminuite del 23%, oscurando una crescita del 12% in Nord America. Leggi di più

Foxconn ha detto mercoledì che avrebbe continuato la produzione a Zhengzhou. Leggi di più

Diverse fabbriche sono state chiuse dopo la chiusura di Shanghai da marzo. Mentre alcuni stanno iniziando a riaprire, il ripristino dei lavoratori, pur affrontando catene di approvvigionamento vacillanti, si è rivelato difficile. Leggi di più

Le autorità di Shanghai hanno aiutato Tesla (TSLA.O) Ha spostato più di 6.000 lavoratori e ha svolto lavori di disinfezione per riaprire la sua fabbrica il mese scorso, secondo una lettera inviata da Tesla ai funzionari e vista da Reuters. Leggi di più

Anche il commercio internazionale è in subbuglio.

Uno studio degli analisti della Royal Bank of Canada ha rilevato che un quinto della flotta globale di navi portacontainer era bloccata dalla congestione in diversi porti principali. Leggi di più

READ  Il principe William parla nel suo controverso tour ai Caraibi: "Abbiamo imparato molto"

E nel porto di Shanghai, 344 navi erano in attesa di attraccare, con un aumento del 34% rispetto al mese scorso. Hanno detto che ci vogliono 74 giorni in più del solito per spedire qualcosa da un magazzino in Cina a un altro negli Stati Uniti.

(Questa storia parafrasa l'”in” nel titolo invadente)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting su Aizhou Chen, He Xiang Ming, Brenda Goh e gli uffici di Pechino e Shanghai; Scritto da Marius Zaharia. Montaggio di Robert Persell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply