Rand Paul sostiene che gli Stati Uniti non avrebbero dovuto sostenere le aspirazioni NATO dell’Ucraina

“Mi oppongo fermamente a questa proposta”, ha detto Blinken durante un’audizione al Congresso davanti alla commissione per le relazioni estere del Senato in risposta all’affermazione di Paul secondo cui “si può sostenere” che i paesi attaccati dalla Russia facevano parte dell’Unione Sovietica. Paul sembrava suggerire che la rabbia della Russia per la prospettiva dell’adesione dell’Ucraina alla NATO, in particolare dato che si trovava nell’Unione Sovietica, avrebbe potuto portare all’invasione.

Il respingimento è stato spinto dalla domanda di Paul sul motivo per cui gli Stati Uniti hanno “istigato” l’ingresso dell’Ucraina nella NATO lo scorso autunno, qualcosa che la Russia si è opposta con veemenza definendola una “linea rossa”.

Blinken ha affermato che era importante difendere in modo coerente la politica della porta aperta della NATO.

“È diritto di questi paesi decidere il loro futuro e il loro destino”, continua Blinken, aggiungendo che la loro storia non dà alla Russia il diritto di attaccarli.

Paolo rispose: “Nessuno lo dice”.

“Sono stati liberati come parte di questo impero con la forza”, ha detto Blinken.

Blinken ha anche affermato che gli Stati Uniti hanno cercato di coinvolgere la Russia su molte delle sue preoccupazioni sull’Ucraina prima che invadesse l’Ucraina, ma che quegli sforzi non sono andati da nessuna parte perché la Russia non era veramente interessata.

“Quando tutto è arrivato al culmine, era abbastanza chiaro, nelle parole dello stesso presidente Putin, che non si trattava mai della possibilità che l’Ucraina facesse parte della NATO, si trattava sempre della sua convinzione che l’Ucraina non meritasse di essere un paese indipendente e paese sovrano. “Dovrebbe essere reintrodotto in Russia in una forma o nell’altra”, ha detto Blinken.

READ  Il ciclone tropicale Asani minaccia l'India orientale mentre un'altra brutale ondata di caldo continua in tutto il paese

“Non c’è giustificazione per l’invasione”, ha detto il senatore repubblicano, ma “ci sono ragioni per invadere”.

Blinken commenta a Capitol Hill dopo un viaggio all’estero del Segretario di Stato americano con il Segretario alla Difesa Lloyd Austin dove si trovavano due funzionari del governo Biden Ha incontrato a Kiev il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.
in quel viaggio, Giornalisti lampeggianti I tentativi russi di “soggiogare l’Ucraina e ottenerne l’indipendenza” sono “falliti”.

“La Russia ha cercato come obiettivo principale di soggiogare completamente l’Ucraina, togliergli la sovranità, portargli via l’indipendenza – e questo è fallito”, ha detto Blinkin in una conferenza stampa in Polonia vicino al confine ucraino dopo l’incontro con Zelensky. “Ha cercato di affermare la forza del suo esercito e della sua economia. Noi, ovviamente, vediamo l’esatto opposto, un esercito e un’economia massicciamente sottoperformanti … come risultato delle sanzioni che sono allo sbando”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply