Trump Media fa causa agli ex concorrenti di “Apprentice” e ai co-fondatori di Truth Social per privarli delle loro quote

La società di media dell'ex presidente Donald Trump ha intentato una causa contro due dei suoi fondatori, che erano anche concorrenti del reality show di Trump “The Apprentice”, sostenendo che hanno gestito male la società e dovrebbero essere privati ​​delle loro azioni nella società. Nuova società pubblica.

La causa è stata intentata il 24 marzo presso il tribunale dello stato della Florida, appena un giorno prima del gruppo media e tecnologia di Trump Ha debuttato sul Nasdaq. Trump Media, la piattaforma di social media della startup Truth Social, è cresciuta vertiginosamente nei suoi primi due giorni di negoziazione e vale attualmente circa 6,8 miliardi di dollari.

La causa intentata da Trump Media and Technology Group sostiene che i co-fondatori, Andy Letinsky e Wes Moss, “hanno fallito in modo spettacolare” nel creare la società e creare un'efficace struttura di governance aziendale. Come parte del loro accordo iniziale con Trump, i cofondatori hanno ricevuto 8,6 milioni di azioni Trump Media, attualmente valutate a 432 milioni di dollari, che la causa cerca di rivendicare.

La causa incolpa anche Litinsky e Moss di Truth Social Debutto rocciosoSostenendo di aver assunto un team “carente” per gestire lo sviluppo della piattaforma di social media e di aver creato una “cultura aziendale tossica”.

“Il lancio di Truth Social non è andato liscio, con il risultato che la stampa ostile ha criticato l'azienda per i lunghi tempi di attesa degli utenti e i guasti tecnici, a scapito della reputazione del marchio dell'azienda”, sostiene la causa.

L'avvocato di Litinsky e Moss, Christopher J. Clark, ha rifiutato di commentare la causa.

La denuncia di Trump Media fa seguito a una denuncia presentata da Letinsky e Moss a febbraio presso la Delaware Chancery Court, cercando di impedire all'ex presidente di adottare misure che, secondo i due, avrebbero ridotto drasticamente la loro partecipazione combinata dell'8,6% in Trump Media.

Nel frattempo, Trump possiede circa il 57% di Trump Media, una quota del valore di circa 4 miliardi di dollari – almeno sulla carta – in base al prezzo delle azioni di oggi. Trump e gli altri principali azionisti sono attualmente soggetti a una clausola di “hold-up” che impedisce loro di vendere azioni per almeno sei mesi.

-Con la segnalazione dell'Associated Press.

READ  Morgan Stanley afferma di acquistare un calo in questi cinque titoli globali

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply